Calciomercato: accordo Milan-Paquetà, Juve su Rabiot, Inter su Barella

(daniele amadasi)  Nella settimana di fermo campionato caratterizzata dagli esoneri di  Davide Ballardini dal Genoa e di Lorenzo D’Anna dal ChievoVerona rimpiazzati rispettivamente da Ivan Juric e Gianpiero Ventura e dalla vigilia di Polonia-Italia di Uefa Nations League, tornano d’attualità le vicende del calciomercato.

Ad occupare le prime pagine sportive è il Milan che attraverso il proprio dirigente Leonardo ha reso noto l’accordo per l’arrivo in rossonero a gennaio 2018 di Lucas Paquetà, 21.enne trequartista brasiliano. Costo dell’operazione 37 milioni di €uro, da versare nelle casse del Flamengo, mentre al giocatore verrà fatto sottoscrivere un contratto di quattro anni e mezzo con scadenza al 30 giugno del 2023 da 1,5 milioni di €uro netti a stagione.
Dal Milan ci spostiamo alla Juventus che dopo l’addio con Beppe Marotta, ha affidato in maniera assoluta e solitario il timone del mercato a Fabio Paratici, già prossimo ad un nuovo colpo mercato firmato Adrien Rabiot, in uscita dal Paris Saint Germain a parametro zero considerando che il contratto del 23 centrocampista francese scadrà il prossimo 30 giugno 2019.

Ritornando nuovamente a Milano, ma stavolta dalla sponda neroazzurra del Naviglio, registriamo che unitamente al rinnovo contrattuale con il 25.enne centrocampista croato Marcelo Brozović, gli uomini mercato dell’Inter stanno provando a chiudere anzitempo la trattativa per l’acquisto dal Cagliari del 21.enne centrocampista Nicolò Barella.
Novità di calciomercato a parte dal fronte A4 (Milano-Torino, ndr) segnaliamo il fortissimo interessamento del Napoli nei confronti di Krzysztof Piątek, il 23.enne attaccante polacco in forza al Genoa ed assoluta rivelazione di questo inizio di stagione ed il quasi annunciato ritorno a parametro zero di Mario Balotelli nella prossima Serie A 2019-2020  al termine della sua esperienza francese con il Nizza.

Serie A: la Juventus va in fuga ma divorzia dal DG Marotta

(daniele amadasi)  In attesa del posticipo serale di Marassi fra Sampdoria e Spal che andrà a completare la tre giorni della settima giornata, la Serie A 2018-2019 certifica la prima fuga scudetto stagionale targata Juventus, prima della classe a punteggio pieno con sei lunghezze di vantaggio sul Napoli.

Juventus che al termine del vittorioso scontro diretto di sabato sera allo Stadium proprio contro i partenopei ha reso noto l’addio di Beppe Marotta dal CdA ed anticipato i tempi per il cambio di ruolo di Direttore Generale sulla base delle logiche di un calcio mercato 2019 da programmare già entro la fine del presente anno.
Addio di Marotta (eletto settimana scorsa dalla Fifa migliore manager 2018) dalla Juve che si intreccia logicamente con le vicende della massima serie, in attesa si scoprire se l’ex dirigente bianconero vorrà provare la scalata in Lega Calcio oppure accettare una nuova offerta, sponda Milano, diventando in breve tempo antagonista dei sette volte di fila campioni d’Italia.
Nel frattempo da Torino si attende l’ufficializzazione di chi, in aggiunta ai maggiori ruoli assegnati a Pavel NedvedFabio Paratici (corteggiatissimo quest’ultimo dal Manchester United), entrerà a far parte della cerchia dirigenziale sportiva, considerando che in tempi non sospetti, come da noi già anticipato in anteprima assoluta, c’erano stati importanti approcci, fra cui quello con Zinedine Zidane.

Così nelle prime nove gare della settima giornata di campionato: Lazio-Roma 1-3, Juventus-Napoli 3-1 (doppietta Mandzukic), Inter-Cagliari 2-0, Bologna-Udinese 2-1, ChievoVerona-Torino 0-1, Fiorentina-Atalanta 2-0, Frosinone-Genoa 1-2 (doppietta Piatek), Parma-Empoli 1-0 e Sassuolo-Milan 1-4 (doppietta Suso); questa sera, lunedì 1° ottobre, ore 20.30 Sampdoria-Spal.

L’aggiornata classifica di Serie A: Juventus 21 punti, Napoli 15, Inter, Fiorentina e Sassuolo 13, Genoa* e Lazio 12, Roma 11, Parma 10, Milan*, Torino e Spal* 9, Udinese e Sampdoria* 8, Bologna 7, Atalanta e Cagliari 6, Empoli 5, Frosinone 1, ChievoVerona (-3) -1. *=una gara in meno.

L’attuale classifica marcatori della massima serie: K. Piatek (Genoa) 8 reti; L. Insigne (Napoli) 5 reti; R. De Paul (Udinese), G. Defrel (Sampdoria), C. Immobile (Lazio) e M. Mandzukic (Juventus) 4 reti.

Così nella prossima ottava giornata di campionato (5-7 ottobre 2018): Torino-Frosinone, Cagliari-Bologna, Udinese-Juventus, Empoli-Roma, Genoa-Parma, Atalanta-Sampdoria, Lazio-Fiorentina, Milan-ChievoVerona, Napoli-Sassuolo e Spal-Inter.

Serie C al via ma con continui rinvii per il caos ricorsi

(daniele amadasi)  La scorsa domenica 16 settembre è iniziato il campionato 2018-2019 di Serie C, seppure ad oggi ben 17 gare siano state rinviate in attesa della definizione dei ricorsi sui ripescaggi e le ammissioni alla Serie B al via nella versione a 19 squadre e già giunta alla quinta giornata.

Robur Siena, Novara, Pro Vercelli, Ternana e Catania non sono ancora scese in campo nel campionato di Serie C, portando ad oggi al rinvio di cinque gare della prima giornata (ProPiacenza-Siena, Pontedera-Novara, ProVercelli-Piacenza, Ternana-Rimini e Monopoli-Catania), di sei della seconda (Siena-Pisa, Novara-Albissola, VirtusEntella-Arzachena, Arezzo-ProVercelli, Fano-Ternana e Catania-Siracusa) e di sei della terza giornata (ProPatria-Siena, Arzachena-Novara, VirtusEntella-Olbia, ProVercelli-Alessandria,  Ternana-FeralpiSalò e Matera-Catania).
Da segnalare che la Virtus Entella, in attesa dei vari ricorsi al TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) alla pari di Siena, Novara, Pro Vercelli, Ternana e Catania, ha comunque iniziato il proprio campionato vincendo nella prima giornata per 3-1 sul campo del Gozzano, ma restando poi ferma nei due successivi turni.

In aggiunta alle suddette 19 gare rinviate vanno anche considerate quelle che la Viterbese Castrense non ha potuto disputare contro Sicula Leonzio, Juve Stabia e Reggina, in attesa dei ricorsi in atto che potrebbero in parte cambiare la fisionomia geografica di alcuni gironi.
Il totale dei match di terza serie non disputati sale quindi da quota 19 a 22, guarda caso lo stesso numero richiesto per l’allargamento dell’attuale campionato di Serie B, ipotizzato anche in una nuova allargata versione a 24 squadre.
Come finirà lo dovremo sapere tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre, nella consapevolezza che la riammissione o il ripescaggio di tre o cinque squadre in Serie B, comporterà rivoluzioni di calendario nei tre raggruppamenti interregionali della ex Lega Pro, considerando la presenza di Robur Siena, Novara, Pro Vercelli e Virtus Entella nel Girone “A”, della Ternana nel “B” e del Catania nel “C”.

Serie A Femminile: da domani inizia il campionato 2018-2019

(daniele amadasi)  Con l’anticipo tra Fiorentina e Mozzanica in programma per domani sera, venerdì 21 settembre, prende al via il campionato 2018-2019 della Serie A Femminile, che riparte dalla caccia allo scudetto vinto nella passata stagione dalla Juventus Woman.

Dodici le formazioni ai nastri di partenza con Juventus, Milan e Fiorentina in prima fila, Tavagnacco Udine, Atalanta Mozzanica, ASD Verona in seconda fila, Sassuolo, ChievoVerona Valpolicella e Roma in terza, Florentia, Pink Bari ed Orobica Bergamo in quarta.
Ventidue le giornate di campionato per una stagione regolare organizzata sui due classici gironi di andata e ritorno, che andranno a definire per la data del 20 aprile, la vincitrice dello scudetto, le due squadre qualificate per l’edizione 2019-20120 della Uefa Women’s Champions League e le due retrocesse in Serie B, ovvero le ultime due della classifica.

Il programma della prima giornata di campionato si concluderà poi fra sabato e domenica, attraverso la disputa delle restanti cinque gare: Tavagnacco Udine – Orobica Bergamo, Sassuolo – Roma, Bari – Milan, Verona – Florentia e Juventus – Chievo Verona.
A livello di giocatrici invece fra le papabili vincitrici della classifica marcatori di fine stagione citiamo le candidature di Barbara Bonansea (Juventus), Valentina Giacinti (Milan), Cristiana Girelli (Juventus), Sandy Iannella (Sassuolo), Ilaria Mauro (Fiorentina), Daniela Sabatino (Milan). 

In attesa del via della massima serie femminile segnaliamo che a livello di Uefa Women’s Champions League sono già state disputate le gare di andata dei sedicesimi di finale, caratterizzate dal punto di vista italiano nel doppio confronto danese, dal pareggio interno della Juventus contro il Brondby (2-2) e dalla vittoria casalinga della Fiorentina sul Fortuna Hjorring (2-0).

Rinviata invece a metà ottobre la partenza del campionato in rosa di Serie B, sempre in versione a dodici squadre, che porterà alla promozione in Serie A delle prime due classificate al termine della stagione regolare, con l’Inter Milano principale favorita.
Arezzo, Castelvecchio, Empoli Ladies, Fortitudo Mozzecane, Genoa, Cittadella, Lazio, Milan Ladies, Ravenna Woman, Roma CF e Roma XIV Decimoquarto le restanti squadre ai nastri di partenza del campionato cadetto.

Calcio Parlando o Parlando di Calcio? Calcioparlando!!