Serie B: al comando della classifica c’è il solo il Carpi

(daniele amadasi)  Dopo tre giornate di campionato al comando della classifica di Serie B è rimasto solo il Carpi (1-0 alla Salernitana), considerando che Frosinone (3-3 in rimonta a Pescara dopo un primo tempo terminato sotto per 0-3) e Perugia (1-1 a Cittadella) non sono andate oltre il pareggio, mentre il Parma è uscito addirittura sconfitto in casa al Tardini (0-1 dal Brescia).
Nelle altre sette gare della quattro giorni di Serie B andata in scena da venerdì 8 a lunedì 11 settembre, vittorie esterne per Novara (2-1 ad Ascoli), Venezia (2-0 a Bari) e Cremonese (4-1 alla Pro Vercelli), successi interni per Avellino (5-1 al Foggia), Spezia (2-1 alla Virtus Entella) e Ternana (1-0 al Cesena) e pareggio spettacolo in Palermo-Empoli (3-3).

Risultati che portano al termine della terza giornata di campionato, alla seguente classifica: Carpi 9 punti; Perugia e Frosinone 7; Avellino, Cremonese e Parma 6; Palermo, Venezia, Empoli e Ternana 5; Pescara, Cittadella e Brescia 4; Bari, Ascoli, Novara e Spezia 3; Salernitana 2; Cesena, Virtus Entella e Foggia 1;  Pro Vercelli 0.

Classifica a parte da segnalare la buona vena realizzativa in campionato con cinque squadre già a segno con ottima continuità come dimostrano le dieci reti all’attivo di Pescara e Perugia, le otto dell’Avellino e le sette di Frosinone e Cremonese; per contro da registrare le pessime difese di Pescara e Virtus Entella perforate otto volte e del Foggia arrivato già ad undici reti al passivo.

Dalle statistiche delle marcature passiamo infine al programma della prossima quarta giornata di Serie B prevista fra venerdì 15 e sabato 16 settembre con le seguenti gare: Venezia-Spezia, Cesena-Avellino, Brescia-ProVercelli, Cremonese-Carpi, Empoli-Ascoli, Virtus Entella-Ternana, Foggia-Palermo, Frosinone-Bari, Novara-Cittadella, Perugia-Parma e Salernitana-Pescara.

Serie A: Milan ridimensionato, Juve, Inter e Napoli allungano

(daniele amadasi)  La terza giornata della Serie A porta al netto ridimensionamento del Milan travolto nel match-clou dell’Olimpico dalla Lazio per 4-1 sotto i colpi dei biancocelesti trascinati dalla tripletta di Ciro Immobile.
Così in considerazione del rinvio di Sampdoria-Roma per maltempo, al comando della classifica a punteggio pieno restano per ora solo tre squadre: Juventus, Inter e Napoli, uscite vincitrici rispettivamente dalle sfide contro ChievoVerona (3-0), Spal (2-0) e Bologna (0-3) grazie alle marcature vip di Higuain, Dybala, Icardi, Perisic, Mertens e Callejon.
Nelle restanti cinque gare della terza giornata di Serie A, successi interni per Atalanta (2-1 al Sassuolo), Udinese (1-0 al Genoa) e Cagliari (1-0 al Crotone all’esordio alla Sardegna Arena) e vittorie esterne per Fiorentina (5-0 a Verona contro l’Hellas dell’imbarazzante portiere brasiliano Nicolas) e Torino (1-0 a Benevento con rete decisiva al 93′ di Iago Falque).

Archiviati quindi i primi 270 minuti di gioco ed una giornata nella quale la VAR ha dato solo aiuti positivi a fronte di nessuna polemica per mancati richiesti di interventi della video assistenza arbitrale, la massima serie tornerà in campo da sabato 16 settembre per una nuova due giorni di campionato, anticipata dagli impegni internazionali di Juventus, Roma e Napoli in Champions League, Atalanta, Lazio e Milan in Europa League.

L’attuale classifica della Serie A: Juventus, Inter e Napoli 9 punti; , Lazio e Torino 7; Sampdoria* e Milan 6;  Spal e Bologna 4; Roma*; Fiorentina, Udinese, Atalanta, Cagliari e ChievoVerona 3; Genoa, Sassuolo, HellasVerona e Crotone 1 punto; Benevento 0. *=una gara in meno.

Il programma completo della prossima quarta giornata di campionato (16 e 17 settembre): Crotone-Inter, Fiorentina-Bologna, Roma-HellasVerona, Sassuolo-Juventus, Milan-Udinese, Napoli-Benevento, Spal-Cagliari, Torino-Sampdoria, ChievoVerona-Atalanta e Genoa-Lazio.

Serie A: apre Juve-Chievo, chiude Bologna-Napoli

(daniele amadasi)  Archiviata la prima sosta campionato per via degli impegni della nazionale italiana nel girone di qualificazione a Russia 2018 (0-3 dalla Spagna, 1-0 ad Israele), la Serie A torna in campo fra oggi e domani per la disputa della terza giornata del girone di andata.

Ad aprire la due giorni di campionato la sola sfida odierna, di sabato 9 settembre, delle ore 18.00 allo Stadium fra Juventus e Chievo Verona,visto che la gara delle ore 20.45 al Luigi Ferraris in Marassi tra Sampdoria e Roma è stata rinviata per allerta maltempo.
Per domani, domenica 10 settembre, invece le restanti otto gare: alle ore 12.30 al Meazza in San Siro Inter-Spal, alle ore 15.00 Atalanta-Sassuolo, Cagliari-Crotone, Lazio-Milan, Udinese-Genoa ed HellasVerona-Fiorentina, alle ore 18.00 Benevento-Torino ed infine alle ore 20.45 al Dall’Ara Bologna-Napoli, sfida che l’anno scorso vide l’incredibile debacle dei felsinei padroni di casa usciti sconfitti per mano dei partenopei con un umiliante 7-1.
Da segnalare che in attesa della realizzazione del suo nuovo stadio, il Cagliari esordirà domenica e per le prossime due stagioni nella struttura provvisoria della Sardegna Arena, adibita ad una capienza di 16’233, costata 8 milioni di €uro e posizionata nell’area che fungeva da parcheggio del vecchio impianto del Sant’Elia.

Serie A edizione 2017-2018 che riparte quindi la disputa dei suoi primi 180 minuti che hanno portato alla seguente ed attuale classifica: Juventus, Inter, Napoli, Milan e Sampdoria 6 punti; Torino, Spal, Bologna e Lazio 4 punti; ChievoVerona e Roma 3 punti; Genoa, HellasVerona, Sassuolo e Crotone 1 punto; Atalanta, Benevento, Fiorentina e Cagliari 0 punti.

La quarta e prossima giornata di campionato invece sarà disputata nel corso del fine settimana di sabato 16 e domenica 17 settembre, attraverso il seguente programma: Crotone-Inter, Fiorentina-Bologna, Roma-HellasVerona, Sassuolo-Juventus, Milan-Udinese, Napoli-Benevento, Spal-Cagliari, Torino-Sampdoria, ChievoVerona-Atalanta e Genoa-Lazio.

Lega Serie A: elezione Presidente rinviata, linee guida approvate

(daniele amadasi)  Nulla di fatto a livello di Serie A per l’elezione del nuovo Presidente di Lega, seppure come ufficializzato a mezzo stampa da  Carlo Tavecchio è risultato altresì importante avere visto passare all’unanimità le linee guide relative al prossimo statuto della Lega stessa, che vede proprio l’attuale Presidente della Federcalcio nel ruolo di commissario speciale.

Questo in sintesi l’esito della riunione della Lega di Serie A svoltasi ieri a Milano, che si è archiviata rimandando l’elezione del nuovo Presidente e l’approvazione vera e propria dell’aggiornato statuto alla prossima assemblea, prevista entro fine settembre.
Come noto per l’elezione del numero uno della Lega Calcio occorrono almeno 15 voti su 20 nel corso delle prime votazioni, mentre dalla terza votazione in poi il numero dei consensi minimi sale a quota 14. Rimaste altresì in “canna” anche le nomine degli undici consiglieri del cosiddetto braccio operativo della governance calcistica, seppure con l’approvazione del nuovo statuto il direttivo risulterà più flessibile passando, Presidente incluso, dagli attuali dodici componenti ai futuri sette.
A tale riguardo quindi il nuovo Direttivo di Lega, sempre affiancato alla immutata Assemblea, sarà costituito da un Presidente, da un Amministratore Delegato e da un Direttore Generale per quel che concerne la quota dei 3 consiglieri indipendenti e da quattro consiglieri rappresentanti diretti dei club di Serie A.

Dai tavoli e dalle scrivanie dalla Lega adesso si ripasserà al campo per una Serie A prossima al ritorno in campo dopo la sosta per la nazionale per la disputa della terza giornata di campionato.

Calcio Parlando o Parlando di Calcio? Calcioparlando!!