Archivi tag: featured

La Junior Tim Cup e la campagna sportivo educativa targata Keep Racism Out

(daniele amadasi)  Creata undici anni fa con il Protocollo d’Intesa firmato a Milano il 9 gennaio 2013 da parte dei tre promotori (Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano), la Junior Tim Cup è un progetto sportivo con valenza educativa che dalla scorsa stagione ha abbinato la propria denominazione alla campagna “Keep Racism Out” volta a sensibilizzare i ragazzi sulle tematiche del razzismo e della discriminazione.

Strutturata attraverso i comitati provinciali ed interprovinciali nazionali del CSI (Centro Sportivo Italiano, ente affiliato Coni) la Junior Tim Cup Under-14 organizzata in collaborazione con la Lega Calcio Serie A prevede la disputa di una fase eliminatoria territoriale al termine del quale vengono definite le 16 vincitrici in rappresentanza di altrettante province della Serie A, considerano che rispetto alle 20 squadre partecipanti nel massimo campionato professionistico italiano di calcio, le città di Torino (Juventus e Torino),  Milano (Inter e Milan) e Roma (Lazio e Roma) hanno due squadre a testa, che Monza è stata aggregata a Milano e che Empoli è stata distinta dalla quota in capo a Firenze.
Così al termine della prima fase interprovinciale – che ha visto coinvolte anche squadre appartenenti ai comitati locali e provinciali non rappresentati da una squadra di Serie A ma comunque aggregati ad uno dei sedici comitati di base (come avvenuto per le squadre affiliate ai comitati di Chiavari, Padova, Ferrara, Reggio-Emilia, Parma, Arezzo, Pisa, Livorno e Benevento) con complessive 162 formazioni ai nastri di partenza contando fra queste anche squadre create attraverso uno specifico gemellaggio fra Parrocchie e squadre FIGC locali – sono andati in scena i cosiddetti spareggi interregionali, con protagoniste le 16 vincitrici delle fasi provinciali, che per la cronaca fanno riferimento ai comitati di Bergamo, Bologna, Cagliari, Empoli-Toscana, Firenze, Frosinone, Genova, Lecce, Milano-MonzaBrianza, Modena-ReggioEmilia, Napoli, Roma, Salerno, Torino, Udine e Verona-Padova.
Spareggi che hanno definito il lotto delle squadre ammesse alla Final Eight di Roma, strutturata attraverso due gironi di semifinale da quattro squadre e la disputa della finalissima sul campo dell’Olimpico di Roma poche ore prima della disputa della finale della Coppa Italia professionistica di mercoledì 15 maggio 2024.

La suddivisione geografica delle 166 formazioni iscritte alla Junior Tim Cup 2024 nell’ambito dei 16 comitati di riferimento.
Nord Ovest (4 comitati): 75 squadre appartenenti ai comitati di Torino (18), Milano (32 incluse quelle della provincia di Monza e Brianza), Bergamo (16) e Genova (9 incluse le 4 del comitato di Chiavari).
Nord Est (2 comitati): 13 squadre appartenenti ai comitati di Udine (6) e Verona (7 incluse le 3 del comitato di Padova).
Centro (6 comitati): 55 squadre appartenenti ai comitati di Bologna (5), Modena (8 incluse quelle della provincia di Ferrara), Reggio Emilia (6 incluse quelle della provincia di Parma), Firenze (12 squadre incluse quelle di altri comitati toscani), Roma (21) e Frosinone (3).
Sud (4 comitati): 23 squadre appartenenti ai comitati di Cagliari (6 incluse anche quelle della provincia di Sassari), Napoli (6), Salerno (6) e Lecce (5).

Il resoconto delle finali e dei vincitori della prima fase e degli spareggi che hanno definito i nomi delle otto finaliste di Roma (13-15 maggio).

@ Così nella prima fase provinciale Junior Tim Cup 2024.
Finale Comitato Milano-MonzaBrianza (quota Inter, Milan e Monza): Virtus Milano – G.XXIII Milano 4-1.
Finale Comitato Bergamo (quota Atalanta): Oratorio Alzano Lombardo – Dinamo Curno 7-5.
Finale Comitato Genova-Chiavari (quota Genoa): San Bartolomeo Sestri Levante – San Gottardo Genova 5-0.
Finale Comitato Napoli (quota Napoli): Don Bosco Neapolis – Oratorio Karol 3-2.
Finale Comitato Sardegna (quota Cagliari): GS Maracalagonis (Parrocchia SS. Vergine degli Angeli) – San Pietro di Assemini 3-0.
Vincitore Comitato Torino (quota Juventus e Torino): Immacolata Concezione San Donato (Torino).

Vincitore Comitato Udine (quota Udinese): San Giuseppe Udine.
Vincitore Comitato Verona-Padova (quota Hellas Verona): Atletico San Paolo Padova.

Vincitore Comitato Modena / Reggio-Emilia (quota Sassuolo): ASD Monari Nasi (Modena).
Vincitore Comitato Bologna (quota Bologna): San Giuseppe Lavoratore Bologna.
Vincitore Comitato Firenze (quota Fiorentina): Parrocchia S. Giovanni Evangelista di Montelupo Fiorentino (Firenze).
Vincitore Comitato Toscana (quota Empoli): Oratorio S. Andrea Corsini Montevarchi (Arezzo).
Vincitore Comitato Roma (quota Roma e Lazio): ASD S. Maria delle Grazie (Roma).

Vincitore Comitato Lazio (quota Frosinone): Parrocchia SS. Cuore di Gesù (Frosinone).
Vincitore Comitato Salerno (quota Salernitana): San Michele di Campagna (Salerno).
Vincitore Comitato Lecce (quota Lecce): Parrocchia Maria Del Popolo di Surbo (Lecce).

@ Così nella seconda Fase interregionale della Junior Tim Cup 2024.
Spareggio Comitati Milano e Modena / Reggio-Emilia: Virtus Milano – ASD Monari Nasi. Ha vinto Monari Nasi (16-0).
Spareggio Comitati Bergamo ed Udine: Oratorio Alzano Lombardo – San Giuseppe Udine. Ha vinto Oratorio Alzano Lombardo (risultato non pervenuto).
Spareggio Comitati Torino e Genova: Immacolata Concezione San Donato – San Bartolomeo Sestri Levante. Ha vinto Immacolata Concezione San Donato (7-1).
Spareggio Comitati Bologna e Verona: San Giuseppe Lavoratore Bologna – Atletico San Paolo Padova. Ha vinto San Giuseppe Lavoratore Bologna (2-0).
Spareggio Comitati Firenze ed Empoli: Parrocchia S. Giovanni Evangelista Montelupo Fiorentino – Oratorio S. Andrea Corsini Montevarchi. Ha vinto Montelupo Fiorentino (5-1).
Spareggio Comitati Roma e Frosinone: ASD S. Maria delle Grazie – Parrocchia SS. Cuore di Gesù. Ha vinto: ASD S. Maria delle Grazie (risultato non pervenuto).
Spareggio Comitati Napoli e Salerno: Don Bosco Neapolis – San Michele di Campagna. Ha vinto San Michele di Campagna (6-1).
Spareggio Comitati Cagliari e Lecce: GS Maracalagonis – Parrocchia Santa Maria del Popolo. Ha vinto Parrocchia Santa Maria del Popolo (12-2).

Le squadre qualificate per la Final Eight di Roma (13-15 maggio 2024): ASD Monari Nasi (Comitato Modena), Oratorio Alzano Lombardo (Comitato Bergamo), Parrocchia Immacolata Concezione San Donato (Comitato Torino), Parrocchia San Giuseppe Lavoratore (Comitato Bologna), Parrocchia S. Giovanni Evangelista di Montelupo Fiorentino (Comitato Firenze), ASD S. Maria delle Grazie (Comitato Roma), Parrocchia San Michele di Campagna (Comitato Salerno) e Parrocchia Santa Maria del Popolo di Surbo (Comitato Lecce).

L’albo d’oro della Junior Tim Cup
2013 – I Edizione: Oratorio San Borromeo di Cagliari;
2014 – II Edizione: ASD San Giovanni Battista di Cassacco (Udine);
2015 – III Edizione: Oratorio Sacro Cuore Campi Bisenzi (Firenze);
2016 – IV Edizione: Oratorio San Giuseppe Lavoratore di Bologna;
2017 – V Edizione: Oratorio Don Guanella di Napoli;
2018 – VI Edizione: Parrocchia Santa Maria Bambina di Sassari;
2019 – VII Edizione: Oratorio Città dei Ragazzi Modena
2020 – annullata per Covid-19
2021 – non disputata
2022 – VIII Edizione: Virtus Milano (Oratorio San Giuseppe, Milano);
2023 – IX Edizione: Parrocchia Sant’Eustachio di Salerno;
2024 – X Edizione: ???

@ Riproduzione Riservata

Coppe europee Uefa: da stasera la fase a play-off 2024-2025 di UCL, UEL e CFL

(daniele amadasi) Terminata la fase a gironi a dicembre ed effettuati gli accoppiamenti mediante sorteggi, da questa sera avranno inizio le fasi a play-off ad eliminazione dirette delle coppe europee Uefa targate Champions League, Europa League e Conference League.

Coppe Europee che in vista anche delle modifiche che saranno apportate a partire dalla prossima stagione dove ogni competizione risulterà indipendente senza passaggi a scalare, hanno visto anche l’aggiornamento delle ripartizioni economiche dei premi destinati alle singole squadre partecipanti per il prossimo triennio 2024-2027.

Dei complessivi 3,31 miliardi di €uro destinati alle formazioni che disputeranno le coppe europee, al netto dei fondi di solidarietà, del conguaglio Uefa e di tutte le spese accessorie inclusi i proventi destinati a Youth League e Women’s Champions League, ai club della Champions League saranno destinati 2,47 miliardi di €uro per le prossime tre stagioni, ai club di Europa League 565 milioni di €uro ed a quelli di Conference League 285 milioni di €uro.
Dalla ripartizione economica delle prossime tre edizioni, torniamo alla stretta attualità delle coppe europee, con il programma di ripartenza della fase a play-off ad eliminazione diretta.

Così nell’andata degli ottavi di finale di Uefa Champions League.
Martedì 13 febbraio: ore 21.00 Copenaghen – Manchester City e Lipsia – Real Madrid.
Mercoledì 14 febbraio: ore 21.00 Paris Saint Germain – Real Sociedad e Lazio – Bayern Monaco.
Martedì 20 febbraio: ore 21.00 PSV Eindhoven – Borussia Dortmund e Inter – Atlético Madrid.
Mercoledì 21 febbraio: ore 21.00 Porto – Arsenal e Napoli – Barcellona.
Return match a campi invertiti nelle serate di martedì 5, mercoledì 6, martedì 12 e mercoledì 13 marzo 2024.

Così nell’andata dei sedicesimi di finale di Uefa Europa League.
Giovedì 15 febbraio: Feyenoord – Roma, Milan – Rennes, Lens – Friburgo, Young Boys Berna – Sporting Lisbona, Benfica – Tolosa, Braga – Qarabag, Galatasaray – Sparta Praga e Shakhtar Donetsk – Olympique Marsiglia.
Return match a campi invertiti nella serata di giovedì 22 febbraio.
Già qualifcate per gli ottavi di finale (giovedì 7 e giovedì 14 marzo): West Ham, Brighton, Glasgow Rangers, Atalanta, Liverpool, Villarreal, Slavia Praga e Bayer Leverkusen.

Così nell’andata dei sedicesimi di finale di Uefa Conference League.
Giovedì 15 febbraio: Sturm Graz – Slovan Bratislava, Servette – Ludogorets, Royale Union San Gallo – Eintracht Francoforte, Betis Siviglia – Dinamo Zagabria, Olympiacos Pireo – Ferencvaros, Ajax – Bodo Glimt, Molde – Legia Varsavia e Maccabei Haifa – Gent
Return match a campi invertiti nella serata di giovedì 22 febbraio.
Già qualificate per gli ottavi di finale (giovedì 7 e giovedì 14 marzo): Lille, Maccabi Tel Aviv, Viktoria Plzen, Brugge, Aston Villa, Fiorentina, Paok Salonicco e Fenerbahce.

@ Riproduzione Riservata

Uefa Nations League: i sorteggi della nuova edizione 2024-2025

(daniele amadasi)  Sorteggiati nel corso della giornata di ieri, giovedì 8 febbraio 2024, i gironi della nuova edizione della Uefa Nations League 2024-2025 al via dal prossimo mese di settembre e dopo l’edizione 2024 della fase finale degli europei di calcio.

Trentotto le nazioni al via della quarta edizione della Uefa Nations League, il campionato per categorie di merito a livello di nazionali, suddivise per gironi e serie, con immutata formula di sei giornate eliminatorie al termine della quali le vincenti dei singoli gironi di Lega B, C e D ottengono la promozione nelle serie superiori, mentre le ultime classificate dei singoli gironi di Lega A, B e C risultano retrocesse nelle serie inferiori.
Le quattro vincenti dei gironi di Lega A si qualificano invece per la Final Four in programma a giugno 2025 per l’aggiudicazione del campionato europeo e di un titolo detenuto dalla Spagna, vincitrice dell’edizione 2023.

Lega A – Prima Divisione.
Gruppo “A1”:  Croazia, Portogallo, Polonia e Scozia.
Gruppo “A2”: Italia, Belgio, Francia ed Israele.
Gruppo “A3”: Olanda, Ungheria, Germania e Bosnia-Erzegovina
Gruppo “A4”: Spagna, Danimarca, Svizzera e Serbia.

Lega B – Seconda Divisione.
Gruppo “B1”:  Cekia,  Ucraina, Albania e Georgia.
Gruppo “B2”:  Inghilterra, Finlandia, Eire e Grecia.
Gruppo “B3”:  Austria, Norvegia, Slovenia e Kazakistan.
Gruppo “B4”: Galles, Islanda, Montenegro e Turchia.

Lega C – Terza Divisione.
Gruppo “C1”: Svezia, Azerbaigian, Slovacchia ed Estonia.
Gruppo “C2”:  Romania, Kosovo, Cipro e Lituania o Gibilterra.
Gruppo “C3”:  Lussemburgo, Bulgaria, Irlanda del Nord e Bielorussia.
Gruppo “C4”: Armenia, Fær Øer, Nord Macedonia e Lettonia.

Lega D – Quarta Divisione.
Gruppo “D1”: Lituania o Gibilterra, San Marino e Liechtenstein.

Gruppo “D2”: Moldavia, Malta e Andorra.

L’albo d’oro della Uefa Nations League.
2018-2019: Portogallo.
2020-2021: Francia.
2022-2023: Spagna.
2024-2025: ?

@ Riproduzione Riservata

Calciomercato: il riassunto della sessione invernale 2024 chiusa con il colpo Alcaraz

(daniele amadasi) Ieri sera a Milano è calato il sipario sulla sessione invernale 2024 del calciomercato conclusa con i colpi last-minute firmati da Juventus e Roma con gli arrivi di Carlos Alcaraz dal Southampton e Tommaso Baldanzi dall’Empoli.
Una sessione di mercato che ha visto le tre big della Serie A, Inter, Juventus e Milan, fare solo piccoli necessari interventi firmati rispettivamente dagli arrivi del centrocampista canadese Tajon Trevor Buchanan a Milano sponda neroazzurra, del difensore portoghese Tiago Djaló,a Torino e del rientro in anticipo di Matteo Gabbia in rossonero dal prestito al Villareal, per rimpolpare il reparto difensivo di Mister Pioli che ha vito anche l’acquisto di Filippo Terracciano dal Verona.

Molto attive invece Napoli e Roma, soprattutto per le deficitarie posizioni in classifica, che hanno visto in casa partenopea, grazie alla ricca cessione di Elif Elmas al Lipsia, gli ingaggi del centrocampista ivoriano Hamed Traorè, dell’attaccante belga Cyril Ngonge e del mediano belga Leander Dendoncker, mentre alla corte dei giallorossi del neo allenatore Daniele De Rossi sono approdati il giovane difensore centrale Dean Huijsen ed il terzino spagnolo Angeliño, a fronte delle cessioni del terzino albanese Marash Kumbulla al Sassuolo e di dell’attaccante Andrea Belotti alla Fiorentina che ha anche ingaggiato Marco Faraoni dal Verona.
Doppiette mercato per l’Empoli con il centrocampista Szymon Zurkowski dallo Spezia e l’attaccante Alberto Cerri dal Como e per il Genoa, che dopo la cessione a caro prezzo di Radu Dragusin al Tottenham Hotspur per 30 milioni di € ha ufficializzato gli arrivi in attacco del portoghese Vitinha dall’Olympique Marsiglia e dal nigeriano David Ankeye dallo Sheriff.

Tris di ingaggi per Monza e Bologna con i brianzoli che hanno ingaggiato l’attaccante bosniaco Milan Djuric dal Verona, il centrocampista Daniel Maldini dal Milan e l’attaccante Andrea Zerbin dal Napoli, mentre in casa felsinea sono attivati il difensore difensore Mihajlo Ilic dal Partizan Belgrado, ed il centrocampista offensivo svedese Karl Karlsson dall’Halmstadt e l’attaccante danese Jens Odgaard dall’Alkmaar.
Attivissimi sul mercato anche il Torino (in difesa Lovato dalla Salernitana e Masina dall’Udinese, in attacco Okereke dalla Cremonese e Kabic dalla Stella Rossa Belgrado), il Verona (in difesa Vinagre dallo Sporting Lisbona e Centonze dal Nantes, a centrocampo Belahyane dal Nizza, Dani Silva dal Guimaraes e Mitrovic dalla Stella Rossa Belgrado, in attacco Noslin dal Fortuna Sittard, Tavsan dal Nec e Swiderski dal Charlotte), la Salernitana (in difesa Pasalidis dall’Ofi Creta e lo svincolato Boateng, a centroampo Basic dalla Lazio e Gomis dal Kasımpasa, in attacco Weissman dal Granada) ed il Frosinone (in difesa Bonifazi dal Bologna e Valeri dalla Cremonese, in mediana Vural dall’Hammarby ed in attacco Ghedjemis dal Rouen e Seck dal Torino).

In vista di giugno invece passi in avanti verso le rispettive fumate bianche a parametro zero da parte dell’Inter per il centrocampista polacco Piotr Zielinski del Napoli e l’attaccante iraniano Mehdi Taremi del Porto e della Juventus per il centrocampista offensivo brasiliano Felipe Anderson dalla Lazio.

@ Riproduzione Riservata