Archivi tag: featured

Copa America 2024: a Miami trionfa l’Argentina sulla Colombia

(daniele amadasi) A meno di due anni di distanza dalla vittoria del titolo mondiale in Qatar, l’Argentina concede il bis aggiudicandosi l’edizione della Copa America 2022, andata in scena negli Stati Uniti nel rinnovato format unificato a livello di Nord, Centro e Sud America.

Nella finalissima di Miami andata in scena con un’ora di ritardo per via di una serie di scontri fra le opposte tifoserie fuori dall’Hard Rock Stadium,
l’Argentina ha superato la resistenza della Colombia ai supplementari grazie alla rete decisiva di Lautaro Martinez, capocannoniere con 5 realizzazioni di una manifestazione caratterizzata altresì dalle deludenti prove dei Brasile eliminato ai quarti di finale e di padroni di casa degli Stati Uniti, incapaci di superare la fase a girone.

Il tabellino della finalissima della Copa America 2022 disputata a Miami (USA).
Argentina – Colombia 1-0 dopo i supplementari (0-0 al 90′); marcatore: 112′ Lautaro Martinez.
Argentina (4-3-3): E. Martinez; Tagliafico, L. Martinez, Romero, Montiel (72′ Molina); Fernandez (97′ Lo Celso), Mac Allister (97′ Paredes), De Paul; Di Maria (117′ Otamendi), Alvarez (Martinez), Messi (66′ Gonzalez). A disposizione: Armani, Rulli, Acuna, Carboni, Garnacho, Martinez Quarta, Palacios, Pezzella, Rodriguez. Allenatore: Lionel Scaloni.
Colombia (4-2-3-1): Vargas; Mojica, Sanchez, Cuesta, S. Arias; Lerma  (106′ Uribe), Rios (89’ Castano); Diaz (106′ Borja), Rodriguez (91′ Quintero), J. Arias (106′ Carrascal); Cordoba (89’ Borre). A disposizione: Ospina, Montero, Asprilla, Duran, Lucumì, Machado, Mina, Sinisterra. Allenatore: Nestor Lorenzo.
Arbitro: Raphael Claus (Brasile).
Ammoniti: 27′ Cordoba (C), 61′ Mac Allister (A), 115′ Borja (C), 118′ Lo Celso (A).

Il resoconto della fase a play-off della Copa America 2024 post fase eliminatoria a gironi (16 squadre, suddivise in 4 gironi da 4 squadre).
Quarti di finale: Argentina – Ecuador 5-3 dopo i rigori (1-1 al 120′), Venezuela – Canada 4-5 dopo i rigori (1-1 al 120′), Uruguay – Brasile 4-2 dopo i rigori (0-0 al 120′), Colombia – Panama 5-0.
Semifinali: Argentina – Canada 2-0 ed Uruguay – Colombia 0-1.
Finale 3°-4° posto: Uruguay – Canada 5-4 dopo i rigori (1-1 al 120′),
Finale 1°-2° posto: Argentina – Colombia 1-0 dopo i supplementari.
Verdetto: Argentina campione d’America 2024.

@ Riproduzione Riservata

Euro 2024: nella finale di Berlino trionfa la Spagna firmata De La Fuente

(daniele amadasi)  E’ festa Spagna ad Euro 2024 con la finale di Berlino vinta dagli iberici diretti da De La Fuente per 2-1 sull’Inghilterra al termine di un match caratterizzato dai gol di Nico Williams (1-0 al 47′), Cole Palmer (1-1 al 73′) e Mikel Oyarzabal (2-1 all’86’).

Dopo un primo tempo a reti bianche, la ripresa si apre con l’ingresso in campo di Martin Zubimendi al posto dell’infortunato Pedri e con il vantaggio degli spagnoli su assist di Lamine Yamal. Sbloccata la situazione arrivano le mosse dalle panchine con due cambi azzeccati: il primo vede l’ingresso di Palmer al posto di Kane nelle fila inglesi, il secondo quello di Oyarzabal al posto di Morata in quelle spagnole. Le uscite dei due rispettivi capitani portano alle marcature dei subentranti e così al triplice fischio finale dell’arbitro francese Letexier è festa per la Spagna capitanata da Alvaro Morata.

Una festa iberica immortalata dai numeri con la quarta vittoria di un europeo delle furie rosse (record continentale assoluto), di cui il terzo nel corso delle ultime cinque edizioni, con l’allenatore federale Luis De La Fuente al suo terzo successo europei dopo i due titoli giovanili Under-19 ed Under-21, con Yamal e Rodri eletti miglior giovane e miglior giocatore degli europei e con Dani Olmo vincitore della classifica marcatori grazie ai 3 gol ed ai 2 assist finalizzati in tutta la rassegna continentale.

Di contro il “dramma sportivo” dell’Inghilterra diretta da Gareth Southgate che dopo aver perso la finale di Euro 2021, la semifinale e la finale 3°-4° posto dei Mondiali 2022 si arrende nuovamente all’atto conclusivo di finale, rimandando di nuovo il primo titolo in carriera di capitan Harry Kane, 406 gol in carriera ma zero titoli all’attivo.

Il tabellino della finale di Berlino di Euro 2024.
Spagna – Inghilterra 2-1 (0-0); marcatori:  47′ Nico Williams, 73′ Palmer, 86′ Oyarzabal.
Spagna (4-2-3-1): Simon; Carvajal, Le Normand (83′ Nacho), Laporte, Cucurella; Rodri (46′ Zubimendi), Ruiz; Yamal (89′ Merino), Olmo, Williams; Morata (67′ Oyarzabal). A disposizione: Remiro, Raya, Navas, Vivian, Grimaldo, Fermín, Baena, Torres, Ayoze, Joselu. Allenatore: Luis De La Fuente.
Inghilterra (3-4-2-1): Pickford; Walker, Stones, Guehi; Saka, Mainoo (70′ Palmer), Rice, Shaw; Foden (89′ Toney), Bellingham; Kane (61′ Watkins). A disposizione: Trippier, Alexander-Arnold, Konsa, Gallagher, Ramsdale, Dunk, Gordon, Bowen, Eze, Gomez, Henderson, Wharton. Allenatore: Gareth Southgate.
Arbitro: François Letexier (Francia)
 Ammoniti: Kane, Olmo, Stones e Watkins.

Il resoconto della fase a play-off di Euro 2024 post fase eliminatoria a gironi (24 squadre, suddivise in 6 gironi da 4 squadre).
Ottavi di finale:  Spagna – Georgia 4-1, Germania – Danimarca 2-., Portogallo – Slovenia 3-0 dopo i rigori (0-0 al 120′), Francia – Belgio 1-0. Romania – Olanda 0-3, Austria- Turchia 1-2, Inghilterra – Slovacchia 2-1 e Svizzera – Italia 2-0.
Quarti di finale: Spagna – Germania 2-1 dopo i supplementari (1-1 al 90′), Portogallo – Francia 3-5 dopo i rigori (0-0 al 120′), Olanda – Turchia 2-1 ed Inghilterra – Svizzera 2-1
Semifinali: Spagna – Francia 2-1 ed Olanda – Inghilterra 1-2. 
Finale: Spagna – Inghilterra 2-1.
Verdetto: Spagna campione d’Europa 2024.

@ Riproduzione Riservata

Viaggio alla scoperta delle rivalità calcistiche più sentite in Italia e non solo

(daniele amadasi)  A livello di lingua italiana con il termine rivalità si intende un rapporto di antagonismo tra persone, partiti e /o gruppi associativi e quindi a dal punto di vista sportiva la rivalità rappresenta una concorrenza ed una competizione nella quale si punta ad emergere.

Dal punti di vista calcistico e quindi sportivo la rivalità fra squadre di diverse città ha radici campanilistiche e storiche, mentre fra squadre della stessa città entrano in gioco anche le diverse fazioni a livello sociale, così come fra diversi gruppi di supporters è l’ambito politico a definire il livello di rivalità.
Analizzando in giro per il web le storie delle principali rivalità fra squadre italiane abbiamo stilato una sorta di classifica delle sfide più sentite, a partire da quelle che nella prossima stagione andranno in scena considerando che le due squadre interessate giocano nello stesso campionato.

Andando in ordine e quindi a livello di Serie “A” partiamo dalla sfida Juventus-Fiorentina, la cui rivalità sale dal 1928 quando i viola vennero sconfitti con un umiliante 11-0 che fece nascere un’onta mai più dimenticata sulle rive dell’Arno.
A livello di stracittadine invece si disputeranno i sentitissimi derby di Inter-Milan e Roma-Lazio, mentre rimanendo nella massima serie ci saranno anche i match caldi Napoli-Verona nata negli anni  ottanti per diatribe fra Sud e Nord e  Como-Monza con una rivalità calcistica figlia di promozioni mancate ed ottenute a seguito di match diretti fra “laghèè” e brianzoli.
In Serie “B” invece si riproporrà il match Reggiana-Sassuolo per una recente rivalità risalente alle vicende dello stadio di Reggio Emilia, il fallito Giglio, acquisto poi dalla Mapei, proprietaria della squadra modenese del Sassuolo.

Causa impegni delle rispettive squadre in diverse categorie non assisteremo nella stagione 2024-2025 ad altre importanti sfide fra rivali storiche, quali Ancona-Pescara (derby dell’Adriatico), Pisa-Livorno (rivalità storica nata a metà del XVI secolo a seguito della nascita del porto di Livorno), Piacenza-Cremonese (derby del Po),  Atalanta-Brescia (rivalità risalente fra le città di Bergamo e Brescia dal XII secolo per la disputa di territori lungo i corsi fluviali dell’Oglio e del Brembo),  Ascoli-Ternana (derby dell’Appennino umbro-marchigiano), Bari-Lecce (il sentitissimo derby della Puglia che vedeva in precedenza la rivalità fra Bari e Taranto) e Genoa-Sampdoria (Derby della Lanterna di Genova).

Superando i confini nazionali e quindi andando all’estero riportiamo la classifica della top ten delle dieci principali rivalità, rappresentati in tutti i casi da cosiddetti derby: Partizan – Stella Rossa (Belgrado, Serbia),  Celtic – Rangers (Glasgow, Scozia),  Fenerbahçe – Galatasaray (Istanbul, Turchia), Olympiacos Pireo – Panathinaikos (Atene, Grecia), Tottenham Hotspur – Arsenal (Londra, Inghilterra), Liverpool – Everton (Liverpool, Inghilterra), Boca Juniors – River Plate (Buenos Aires, Argentina),  Atletico – Real (Madrid, Spagna), Tottenham Hotspur – Chelsea (Londra, Inghilterra)  e City – United (Manchester, Inghilterra).

@ Riproduzione Riservata

 

Serie A: varato il calendario 2024-2025

(daniele amadasi) A partire dalle ore 12.00 di oggi, giovedì 4 luglio, è stato varato all’Auditorium Multimediale Rds di Roma il calendario 2024-2025 della Serie A, targata da questa stagione a livello di sponsorizzazione “Eni Live”, con caccia al titolo vinto nella passata stagione dall’Inter.

Strutturata in formato spezzatino con la disputa di nove su dieci gare in orario diverso, la prima giornata di campionato andrà in scena nel fine settimana di sabato 17 e domenica 18 agosto 2024 presentando il seguente programma: Bologna-Udinese, Cagliari-Roma, Empoli-Monza, Genoa-Inter, HellasVerona-Napoli, Juventus-Como, Lazio-Venezia, Lecce-Atalanta, Milan-Torino e Parma-Fiorentina.
La 38.esima ed ultima giornata di campionato sarà invece disputata a cavallo del fine settimana di sabato 24 e domenica 25 maggio 2025.
Nel mezzo le rimanenti 36 giornate di un campionato caratterizzato da sole quattro soste in concomitanza dei doppi impegni della nazionale italiana a livello di Nations League e Qualificazioni Mondiali programmate a settembre (2-10), ottobre (9-15), Novembre (11-19) e marzo (17-25).
A differenza della scorsa stagione di Serie A è stato previsto un solo turno infrasettimanale ed abolita la sosta invernale con quindi la presenza in campo di tutte le squadre sia sotto Natale che Capodanno che all’Epifania.
Confermata invece la nuova versione della Final Four della Supercoppa Italiana (con la presenza di Inter, Juventus, Milan ed Atalanta) in programma dal 3 al 7 gennaio a Riyad in Arabia Saudita.

In considerazione del fatto che come da alcune stagioni le giornate di campionato risultano diverse fra andata e ritorno, riportiamo di seguito un breve riassunto delle principali sfide nel corso del campionato di Serie A 2024-2025.

Terza giornata (31 agosto e 1° settembre): Juventus-Roma.
Quinta giornata (21 e 22 settembre):  Inter-Milan e Juventus-Napoli.
Ottava  giornata (19 e 20 settembre): Roma-Inter.
Nona giornata (26 e 27 ottobre): Inter-Juventus.
Decima giornata (29 e 30 ottobre): Milan-Napoli.
12.esima (9 e 10 novembre): Inter-Napoli e Juventus-Torino.
13.esima (23 e 24 novembre): Milan-Juventus e Napoli-Roma.
15.esima (7 e 8 dicembre): Atalanta-Milan.

16.esima giornata (14 e 15 dicembre): Lazio-Inter.
17.esima giornata (28 e 29 dicembre): Milan-Roma.
19.esima giornata (4 e 5 gennaio):  Atalanta-Juventus e Roma-Lazio.
20.esima giornata (11 e 12 gennaio): Torino-Juventus.
21.esima giornata (19/1/2025): Juventus-Milan.
22.esima giornata (26/1/2025): Napoli-Juventus.
23. esima giornata (1 e 2 febbraio): Roma-Napoli e Milan-Inter.
25.esima giornata (15 e 16 febbraio): Juventus-Inter
26.esima giornata (1 e 2 marzo): Napoli-Inter.
27.esima giornata (8 e 9 marzo): Juventus-Atalanta.
28.esima giornata (15 e 16 marzo): Atalanta-Inter.
30.esima giornata (29 e 30 marzo): Napoli-Milan.
31.esima giornata (5 e 6 aprile): Roma-Juventus.
32.esimagiornata (12 e 13 aprile): Lazio-Roma.
33.esima (19 e 20 aprile): Milan-Atalanta.
34.esima giornata (26 e 27 aprile): Inter-Roma.
37.esimagiornata (17 e 18 maggio): Inter-Lazio e Roma-Milan.

@ Riproduzione Riservata