Conference League: Atene amara per la Fiorentina, trionfa l’Olympiacos

(daniele amadasi)  Il triennio di Vincenzo Italiano alla guida tecnica della Fiorentina si conclude con la terza finale persa e con la seconda delusione consecutiva a livello di Uefa Conference League, considerando che ieri sera, mercoledì 29 maggio, all’Agia Sophia di Atene a fare festa sono stati i greci dell’Olympiacos Pireo diretti dall’allenatore basco José Luis Mendilibar.

Finale della terza edizione della Uefa Conference League decisa nel corso dei supplementari dalla rete decisiva siglata al minuto 116 da Ayoub El Kaabi, 30.enne attaccante marocchino, bomber della formazione greca. Un risultato finale, quello dell’1-0 a favore dell’Olympiacos, giusto per quanto visto in campo considerando che i due migliori giocatori della Fiorentina sono risultati il portiere Terracciano ed il difensore centrale Milenkovic-Savic.

Così dopo aver perso la finale della passata stagione contro gli inglesi del West Ham, la Fiorentina concede un amaro bis quest’anno nella finale persa contro i greci dell’Olympiacos, aggiungendo al trittico di sconfitte della gestione Italiano (arrivata ai titoli di coda considerando un settimo posto e due ottavi posti in campionato) anche il negativo epilogo della finale di Coppa Italia 2022-2023 contro l’Inter.
Un bilancio purtroppo negativo che porterà a breve alla scelta da parte del Presidente della Fiorentina Rocco Commisso sulle prossime ambizioni di rilancio o ridimensionamento del club.

Il tabellino della finale di Uefa Conference League di Atene.
Olympiacos Pireo – Fiorentina 1-0 dts;
marcatore; 116’El Kaabi.
Olympiacos (4-2-3-1):
Tzolakis; Rodinei, Retsos, Carmo, Ortega (91′ Quini); Hezze, Iborra; Podence (106′ Masouras), Chiquinho (77′ Horta), Fortounis (73′ Jovetic); El Kaabi (119′ El Arabi).
A disposizione: Paschalakis, Papadoudis, Alexandropoulos, Carvalho, Richards, Apostolopoulos, Ntoi. Allenatore: José Luis Mendilibar
Fiorentina (4-2-3-1): Terracciano; Dodo, Milenkovic, Martinez Quarta, Biraghi (106′ Ranieri); Mandragora, Arthur (74′ Duncan); Nico Gonzalez (106′ Beltran), Bonaventura (37′ st Barak), Kouamé (82′ Ikone); Belotti (59′ Nzola). A disposizione.: Christensen, Lopez, Infantino, Faraoni, Kayode, Parisi. Allenatore: Vincenzo Italiano.
Arbitro: Dias (Portogallo).
Ammoniti: Podence, Jovetic, Paschalakis ed El Kaabi per l’Olympiacos, Martinez Quarta, Kouamé e Biraghi per la Fiorentina.

L’albo d’oro della Uefa Conference League
2021-2022: AS Roma (Juventus)
2022-2023: West Ham (Inghilterra)
2023-2024: Olympiacos Pireo (Grecia)

@ Riproduzione Riservata

 

Serie A: Roma addio Champions, Udinese ed Empoli salve, Frosinone retrocesso

(daniele amadasi) Con lo scudetto già assegnato da qualche settimana all’Inter e con Sassuolo e Salernitana, l’ultima giornata della Serie  A 2023-2024 aveva  da decretare pochi verdetti, arrivati puntuali e con una serie di sorprese, che ripercorriamo seguendo la classifica finale o quasi del massimo campionato considerando che all’appello manca ancora una gara, il recupero fra Atalanta e Fiorentina.

Oltre all’Inter (2-2 a Verona con l’Hellas) campione d’Italia giocheranno la prossima edizione della Uefa Champions League il Milan (3-3 a San Siro nell’addio dopo 3 anni in rossonero di Olivier Giorud), la Juventus (2-0 allo Stadium al Monza nell’addio dopo 9 stagioni in bianconero di Alex Sandro), l’Atalanta (3-0 al Torino  nella festa di Bergamo post vittoria  della Uefa Europa League) ed il Bologna (0-2 a Marassi con il Genoa); Roma (1-2 ad Empoli) e Lazio (1-1 con il Sassuolo) disputeranno l’Europa League, mentre la Fiorentina si è comunque garantita la presenza alla prossima Conference League. Se poi la Viola vincerà mercoledì la finale di Conference contro l’Olympiacos Pireo si ritroverà in UEL lasciando lo spazio al Torino.
Fuori dai giochi europei dopo 14 stagioni il deludente Napoli (1-1 con il Lecce), mentre Udinese (1-0 a Frosinone) ed Empoli festeggiano la salvezza e la permanenza in Serie A a scapito del Frosinone, amaramente retrocesso all’ultimo secondo di gioco con sottofondo musicale degli 883 in versione “La dura legge del gol” (… È la dura legge del gol, Fai un gran bel gioco però, Se non hai difesa gli altri segnano, E poi vincono, Loro stanno chiusi ma, Alla prima opportunità, Salgon subito e la buttan dentro a noi,  La buttan dentro a noi” … ).

La classifica finale della Serie “A” 2023-2024: Inter 94 punti, Milan 75, Juventus 71, Atalanta* 69, Bologna 68, Roma 63, Lazio 61, Fiorentina* 57, Torino e Napoli 53, Genoa 49, Monza 45, HellasVerona e Lecce 38, Udinese 37, Cagliari ed Empoli 36, Frosinone 35, Sassuolo 30 e Salernitana 17. *=una gara in meno (domenica 2 giugno si gioca Atalanta – Fiorentina).

@ Riproduzione Riservata

Qui Europa League: Atalanta nella storia con il 3-0 al Bayer Leverkusen

(daniele amadasi)  Dopo cinque finali di Coppa Italia perse (1986-1987,  1995-1996, 2018-2019, 2020-2021 e 2023-2024) il palmares dell’Atalanta si arricchisce anche a livello europeo ed internazionale aggiungendo alla presenza in bacheca della Coppa Italia 1962-1963 anche la Uefa Europa League 2023-2024, conquistata ieri sera, mercoledì 22 maggio, superando per 3-0 il quotato Bayer Leverkusen (vincitore della Bundesliga 2023-2024 e sino ad ieri imbattuto in campo nazionale ed europeo)  nella finalissima disputata all’Aviva Stadium di Dublino (Eire) davanti a 47’135 spettatori.

A decidere il match a favore dei bergamaschi la tripletta realizzata dal 27.enne attaccante nigeriano Ademola Lookman a segno nei minuti 12′, 26′ e 75′ che vale all’Atalanta di Gianpiero Gasperini oltra alla storica conquista dell’Uefa Europa League, la qualificazione alla prossima edizione della Champions League e della finale della Supercoppa Europea.

Il tabellino della finalissima di Uefa Europa League 2023-2024.
Atalanta – Bayer Leverkusen 3-0 (2-0); marcatore: 12′, 26′, 76′ Lookman.
Atalanta (3-4-3): Musso; Djimsiti, Hien, Kolasinac, (46′ Scalvini); Zappacosta (84′ Hateboer), Ederson, Koopmeiners, Ruggeri (91′ Toloi); De Ketelaere (57′ Pasalic), Scamacca (84′ Touré), Lookman. Allenatore: Gianpiero Gasperini
Bayer Leverkusen (3-4-3): Kovar; Stanisic (46′ Boniface), Tah, Tapsoba; Frimpong (81′ Tella ), Xhaka, Palacios (68′ Andrich), Hincapié; Wirtz (81′ Schick), Adli, Grimaldo (69′ Hlozek ). Allenatore:. Xabi Alonso.
Arbitro: Kovacs (Romania)
Ammoniti: Djimsiti, Scamacca, Zappacosta e Koopmeiners nell’Atalanta, Tapsoba, Wirtz ed Andrich nel Bayer Leverkusen.

L’albo d’oro delle ultime 14 edizioni della Uefa Europa League.
2010-2011: Porto (Portogallo) – 2° titolo
2011-2012: Atlético Madrid (Spagna)
2012-2013: Chelsea (Inghilterra)
2013-2014: Siviglia (Spagna)
2014-2015: Siviglia (Spagna)
2015-2016: Siviglia (Spagna)
2016-2017: Manchester United (Inghilterra) – 1° titolo
2017-2018: Atlético Madrid (Spagna) – 3° titolo
2018-2019: Chelsea (Inghilterra) – 2° titolo
2019-2020: Siviglia (Spagna)
2020-2021: Villareal (Spagna)
2021-2022: Eintracht Francoforte (Germania) – 2°titolo
2022-2023: Siviglia (Spagna) – 7° titolo
2023-2024: Atalanta (Italia)

@ Riproduzione Riservata

L’Inter come il Milan con il passaggio di proprietà ad un fondo statunitense

(daniele amadasi)  Dopo il Milan, ecco l’Inter, con la storia del passaggio di proprietà da un imprenditore cinese ad un fondo statunitense che si ripete nell’arco di qualche anno, coinvolgendo dopo la sponda rossonera del Naviglio anche quella neroazzurra.

Un ricorso storico alla Giambattista Vico non proprio casuale considerando che ormai sono cinque le squadre di prima fascia ad essere in mano ad holding statunitensi (Inter, Milan, Roma, Bologna e Fiorentina) contro le tre rimaste di proprietà italiana (Juventus, Napoli e Lazio), considerando l’importanza strategica economica del calcio nel nuovo conflitto tra Usa e Medio Oriente.
Tralasciando gli aspetti geopolitici, ritorniamo alla stretta attualità del passaggio di mano societario di una società, l’Inter, ad un fondo, il californiano Oektree, ripercorrendo quanto visto in casa Milan, essendo le due vicende molto similari.

Andando quindi a rivivere quanto successo in casa Milan torniamo indietro di quasi otto anni riposizionandoci nell’estate del 2016 quando inizio la lunga trattativa, durata ben otto mesi, sino ad aprile 2017 per l’esattezza, per la annunciare la chiusura della trattativa di cessione da parte della Famiglia Berlusconi e della Fininvest del 100% delle quote societarie del Milan alla società Rossoneri Lux dell’imprenditore cinese Li Yonghong per un importo complessivo di 250 milioni di €uro, pagabili in tre rate da 100, 100 e 50 milioni.
Per onorare l’impegno preso Li Yonghong si fece finanziere dalla Elliott Management Corporation, non riuscendo però a ripianare nei tempi concordati il debito accumulato, interessi inclusi, a quota 303 milioni di €uro, vedendosi sfilare la proprietà del club rossonero, passata nel luglio del 2018 n mano al fondo newyorkese di Paul Singer.
Dopo quattro anni (estate 2022) il Milan viene ceduto da Elliott ad un altro fondo, la Red Bird Capital Partners di Gerry Cardinale, attuale patron del club rossonero, per un importo di vendita stimato fra i 400 ed i 600 milioni di €uro considerando che ancora ad oggi c’è un fascicolo di indagine aperto in Guardia di Finanza ed in Procura a Milano nei confronti dell’AD rossonero Giorgio Furlani (indagato insieme al suo predecessore Ivan Gazidis, in carica dal 2018 al 2022, ndr) per fare chiarezza sulla nuova cessione.

Dal Milan ci spostiamo all’Inter,  ripartendo però dal novembre del 2013 con la cessione da parte del patron Massimo Moratti del 70% delle quote societarie all’imprenditore indonesiano Erick Thohir per 75 milioni di €uro, oltre a 180 milioni di €uro a fondo perso per il ripianamento dei debiti, considerando che all’epoca dei fatti il patrimonio societario Inter era quotato 385 milioni di €uro.
Dopo tre anni di condivisione al timone del club dei due azionisti, nel giugno 2016 ci fu l’uscita definitiva dal CdA e dalla società di Moratti con la cessione del rimanente 29,6% del pacchetto societario e la quasi contemporanea vendita da parte dell’International Sports Capital in capo a Thohir del 68,55% delle azioni Inter alla holding lussemburghese di Gread Horizon Sarl che fa capo alla società Hong Kong Suning dell’imprenditore cinese Zhang Jindong per 270 milioni di €uro e quindi con una plusvalenza di 15 milioni di €uro a favore dell’imprenditore indonesiano, salita poi ad oltre 200 milioni di €uro considerando che a due anni di distanza, ottobre 2018, Thohir, è uscito di scena cedendo alla Lion Rock Capital (altra Holding della Famiglia Zhang) il suo restante 31,05%.
Con il 99,60% (68,55 + 31,05) del pacchetto azionario in mano a Suning e con il rimanente 0,4% suddiviso fra Pirelli (0,37%) e piccoli azionisti (0,03%), a comando del nuovo consiglio direttivo è stato nominato come nuovo Presidente Steven Zhang, figlio di Jindong.

Dopo le prime stagioni di normale indipendenza a livello di gestione economica e finanziaria del club neroazzurro, a partire dal cambio di politica nazionale cinese sugli investimenti nel mondo del calcio ed a seguito di una serie di vicissitudini personali che hanno riguardato le aziende della Famiglia Zhang con l’apertura di un debito da 320 milioni di dollari con la China Construction Bank Asia Corporation, la mancanza di liquidità in casa Inter ha portato Suning, a partire da maggio 2021 e nel corso degli ultimi tre anni, ad aprire un finanziamento da 275 milioni di €uro con il fondo californiano Oaktree Capital Management mettendo come pegno il 99,60% delle quote azionarie della FC Internazionale Milano.
Pegno avente scadenza temporale la giornata di martedì 21 maggio 2024 e come importo complessivo
, interessi compresi, quello pari a 385 milioni di €uro.
Falliti i tentativi di rifinanziamento con Oaktree, Zhang ha provato a chiudere un nuovo prestito con il fondo Pimko (Pacific Investment Management Co.) aumentando l’indebitamento a 430 milioni di €uro, senza però riuscire
nel suo ultimo disperato tentativo e così a partire dalle prime ore di mercoledì 22 maggio 2024 Oaktree (nonostante l’accordo che a debito saldato avrebbe incassato da una futura cessione dell’Inter una parcella di credito di 100 milioni di €uro), ha esatto il proprio credito divenendo di fatto il nuovo azionista di maggioranza dell’Inter con il 98,60% delle quote societarie.
Da segnalare a livello di cronaca finanziaria che nel passaggio di proprietà dell’Inter al fondo californiano, i contabili di Oektree non dovranno mettere nella casella costo di acquisto  il solo valore del credito stanziato a Suning (275 milioni di €uro), ma anche la quota di indennizzo spettante a Zhang (circa 250 milioni di €uro) calcolata
 come differenza fra l’attuale fair value societario ed i debiti estinti nel corso dei precedenti esercizi e quella del bond (415 milioni di €uro) emesso per rifinanziare pregressi debiti di bilancio con scadenza nel 2027.

Così numeri alla mani dopo otto anni, 800 milioni di €uro investiti con annessa riduzione del debito consolidato del club da 250 a 50 milioni di €uro in vista di un programmato attivo di bilancio alla data del 30 giugno 2025, Suning e la Famiglia Zhang lasciano il timone dell’Inter nelle mani americane di un fondo, Oaktree, al lavoro da oggi per l’elezione, entro i prossimi 30 giorni, del nuovo consiglio di amministrazione e di un nuovo Presidente a cui d’ora in poi il tridente dirigenziale neroazzurro composto da Giuseppe Marotta (Amministratore Delegato), Piero Ausilio (Direttore Sportivo) e Dario Baccin (Vice Direttore Sportivo) dovrà dare conto.

@ Riproduzione Riservata

Calcio Parlando o Parlando di Calcio? Calcioparlando!!