Uefa Conference League: alla Roma la prima edizione 2021-2022

(daniele amadasi)  La prima storica edizione della Conference League 2021-2022, la terza e neonata coppa europea per importanza a livello Uefa, parla italiano grazie alla Roma che ieri sera, mercoledì 25 maggio, si è aggiudicato il titolo nella finalissima disputata all’Air Albania Stadium di Tirana davanti a 19’597 spettatori.

A decidere la sfida a favore dei giallorossi contro il Feyenoord, la marcatura siglata nel corso del primo tempo da Nicolò Zaniolo (32′) e difesa con i denti dalla Roma nel corso di un secondo tempo che ha visto gli olandesi andare ripetutamente vicini al pareggio.
Oltre alla gioia della Roma per la vittoria di un secondo titolo europeo (dopo l’edizione del 1961 della Coppa delle Fiere, antenata della ex Coppa Uefa) e soprattutto all’Italia per essere finalmente tornata a vincere anche a livello di club a distanza di 12 anni, da segnalare che per il tecnico giallorosso, il portoghese di Josè Mourinho, si tratta del quinto trionfo continentale, dopo i successi con Porto (Coppa Uefa e Champions League), Inter (Champions League) e Manchester United (Europa League).

Il tabellino della finale di Uefa Conference League 2021-2022.
Roma-Feyenoord 1-0 (1-0); marcatore: 32′ Zaniolo.
Formazione Roma (3-4-1-2): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibañez; Karsdorp (89′ Viña), Cristante, Mkhitaryan (17′ Sérgio Oliveira), Zalewski (67′ Spinazzola); Pellegrini; Zaniolo (67′ Veretout), Abraham (89′ Shomurodov).
A disposizione: Fuzato, Carles Pérez, Maitland-Niles, Kumbulla, Bove, Afena-Gyan, El Shaarawy. Allenatore: José Mourinho.
Formazione Feyenoord (4-2-3-1): Bijlow; Geertruida, Trauner (74′ Pedersen), Senesi, Malacia (89′ Jahanbakhsh); Aursnes, Kokcu (43′ st Walemark); Nelson (74′  Linssen), Til (59′ Toornstra), Sinisterra; Dessers. A disposizione: Cojocaru, Marciano, Jansen, Hendrix, Sandler, Hendricks, Hall. Allenatore: Arne Slot.
Ammoniti: Pellegrini e Rui Patricio (Roma); Trauner (Feyennord).
Arbitro: Kovacs (Romania).

@ Riproduzione Riservata

Serie C: tutti i verdetti delle regular season 2021-2022 dei tre gironi A, B e C

(daniele amadasi) Nel corso dell’ultimo fine settimana targato sabato 23 e domenica 24 aprile, si sono concluse le regular season dei tre gironi Nord, Centro e Sud della Serie C edizione 2021-2022, che andiamo di seguito a riepilogare.

Girone “A”: primo posto finale per l’Alto Adige di Bolzano (90 punti in 38 giornate con 27 vittorie, 9 pareggi e 2 sconfitte, 49 gol segnati e soli 9 subiti) promosso in Serie B.
Qualificate per i play-off Padova (85 punti), Feralpi Salò (69), Renate (62), Triestina (55), Lecco (55), Pro Vercelli (55), Juventus Under-23 (54), Piacenza (50) e Perolettese (46).
Retrocesso in Serie D il Legnago Salus (30 punti), mentre Trento (42), Pro Sesto (38), Seregno (34) e Giana Erminio (34) vanno ai play-out.

Girone “B”: primo posto finale per il Modena (88 punti in 38 giornate con 27 vittorie, 7 pareggi e 4 sconfitte, 69 gol segnati e 25 subiti) promosso in Serie B.
Qualificate per i play-off Reggiana (86 punti), Cesena (67), Virtus Entella (65), Pescara (65), Ancona Matelica (57), Gubbio (52), Lucchese (50), Olbia (46) e Carrarese (45).
Retrocesso in Serie D il Grosseto (30 punti), mentre Viterbese (39), Imolese (37), Pistoiese (36) e Fermana (35) vanno ai play-out.

Girone “C”: primo posto finale per il Bari (75 punti in 36 giornate con 22 vittorie, 9 pareggi e 5 sconfitte, 52 gol segnati e 26 subiti) promosso in Serie B.
Qualificate per i play-off Catanzaro (67 punti), Palermo (66), Avellino (64), Monopoli (59), Virtus Francavilla (56), Foggia (54), Turris (52), Monterosi Tuscia (51) e Picerno (50).
Retrocessa in Serie D la Vibonse (21) oltre al fallito in corsa Catania, il mentre Fidelis Andria (30) e Paganese (26) vanno ai play-out.

@ Riproduzione Riservata

@ Riproduzione Riservata

Qualificazioni Mondiali: dopo Russia 2018 l’Italia fallisce anche l’approdo a Qatar 2022

(daniele amadasi)  Nuovo fallimento mondiale per l’Italia che dopo aver mancato l’approdo a Russia 2018 non si qualifica nemmeno per l’edizione invernale targata Qatar 2022.
Archiviata la disastrosa esperienza con la direzione tecnica di Ventura licenziato dopo l’eliminazione per mano della Svezia nei play-off di Russia 2018, l’Italia era ripartita nel migliore dei modi con la guida di Roberto Mancini proclamandosi campione d’Europa 2021 ed ottenendo il terzo posto nell’edizione 2020-2011 della Uefa Nations League.

Un’ottima partenza che ha portato però ad un misero medesimo epilogo considerando che dopo aver fallito la qualificazione diretta ai Mondiali  2022 in Qatar classificandosi seconda nel proprio girone dietro alla Svizzera per via dei due rigori decisivi sbagliati da Jorginho, l’Italia di Mancini ha fallito anche l’appuntamento con i play-off uscendo in semifinale contro la modesta Macedonia (0-1 a Palermo nella gara secca decisa dal gol di Trajkovski al minuto 92′ e dai numerosi errori sotto porta di Berardi) , poi eliminata in finale dal Portogallo.

La composizione degli 8 gironi dei Mondiali di Qatar 2022 (21 novembre – 18 dicembre).
Gruppo A: Qatar (nazione ospitante), Ecuador, Senegal, Olanda.
Gruppo B: Inghilterra, Iran, USA, Galles.
Gruppo C: Argentina, Arabia Saudita, Messico, Polonia.

Gruppo D: Francia, Australia, Danimarca, Tunisia.
Gruppo E: Spagna, Costa Rica, Germania, Giappone.
Gruppo F: Belgio, Canada, Marocco, Croazia.
Gruppo G: Brasile, Serbia, Svizzera, Camerun.
Gruppo H: Portogallo, Ghana, Uruguay, Repubblica di Corea.

@ Riproduzione Riservata

Coppe Europee: italiane azzerate in Champions, solo Atalanta e Roma nei quarti di Europa e Conference League

(daniele amadasi)  Sono solo due le squadre italiane rimaste ancora in corsa al termine della disputa dei primi due turni della fase play-off ad eliminazione diretta delle coppe europee Uefa targate Champions League, Europa League e Conference League.

A livello di Uefa Champions League sia Inter che Juventus sono state eliminate ali ottavi di finale, rispettivamente per mano di Liverpool e Villareal, seppure con modalità molto diverse
Dopo avere perso in casa la gara di andata per 0-2 l’Inter è riuscita a vincere solo 1-0 nel ritorno di Liverpool; la Juventus invece dopo il pareggio in trasferta per 1-1 ha incredibilmente fallito l’approdo ai quarti crollando in casa nei dieci minuti finali della gara contro il Villareal: 0-3 il finale con tre tiri ospiti complessivi, di cui due su rigore, in un match dominato per oltre 70 minuti dai bianconeri, incapaci di capitalizzare le oltre dieci occasioni da rete avute a disposizione.
Fra le big eliminate anche il Manchester United di Cristiano Ronaldo dall’Atlético Madrid (1-1 e 0-1) ed il Paris Saint Germain di Messi&Co. dal Real Madrid (1-0 e 1-3).
Così nei quarti di finale in programma a livello di gare di andata e ritorno da martedì 5 a mercoledì 13 aprile: Benfica – Liverpool, Manchester City – Atlético Madrid, Chelsea – Real Madrid e Villarreal – Bayern Monaco.

Ripartita invece dai sedicesimi di finale l’Europa League ha registrato le eliminazioni di Napoli e Lazio già al primo turno per mano di Barcellona e (1-1 e 2-4) e Porto (1-2 e 2-2) ed al momento il doppio passaggio del turno dell’Atalanta, che ha superato prima la concorrenza dell’ Olympiakos Pireo (2-1 e 3-0) e poi del Bayer Leverkusen (3-2 e 1-0). Così nei quarti di finale in programma a livello di gare di andata e ritorno da giovedì 7 a giovedì 14 aprile: Sporting Braga – Glasgow Rangers, Eintracht Francoforte – Barcellona, Red Bull Lipsia – Atalanta
e West Ham – OLympique Lione.

Infine a livello di Conference League, terza competizione a livello di coppe europee, la Roma dopo avere osservato la disputa delle gare dei sedicesimi di finale è scesa in campo come testa di serie negli ottavi superando la concorrenza del Vitesse (1-0 e 1-1) ed approdando ai quarti di finale, dove affronterà il Bodo/Glimt, già avversario dei giallorossi nella fase di qualificazione a gironi con il brutto ricordo di una debacle per 1-6. Feyenoord – Slavia Praga, Leicester – PSV Eindhoven ed Olympique Marsiglia – PAOK Salonicco le altre sfide dei quarti.

@ Riproduzione Riservata








Calcio Parlando o Parlando di Calcio? Calcioparlando!!