Uefa Conference League: alla Roma la prima edizione 2021-2022

(daniele amadasi)  La prima storica edizione della Conference League 2021-2022, la terza e neonata coppa europea per importanza a livello Uefa, parla italiano grazie alla Roma che ieri sera, mercoledì 25 maggio, si è aggiudicato il titolo nella finalissima disputata all’Air Albania Stadium di Tirana davanti a 19’597 spettatori.

A decidere la sfida a favore dei giallorossi contro il Feyenoord, la marcatura siglata nel corso del primo tempo da Nicolò Zaniolo (32′) e difesa con i denti dalla Roma nel corso di un secondo tempo che ha visto gli olandesi andare ripetutamente vicini al pareggio.
Oltre alla gioia della Roma per la vittoria di un secondo titolo europeo (dopo l’edizione del 1961 della Coppa delle Fiere, antenata della ex Coppa Uefa) e soprattutto all’Italia per essere finalmente tornata a vincere anche a livello di club a distanza di 12 anni, da segnalare che per il tecnico giallorosso, il portoghese di Josè Mourinho, si tratta del quinto trionfo continentale, dopo i successi con Porto (Coppa Uefa e Champions League), Inter (Champions League) e Manchester United (Europa League).

Il tabellino della finale di Uefa Conference League 2021-2022.
Roma-Feyenoord 1-0 (1-0); marcatore: 32′ Zaniolo.
Formazione Roma (3-4-1-2): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibañez; Karsdorp (89′ Viña), Cristante, Mkhitaryan (17′ Sérgio Oliveira), Zalewski (67′ Spinazzola); Pellegrini; Zaniolo (67′ Veretout), Abraham (89′ Shomurodov).
A disposizione: Fuzato, Carles Pérez, Maitland-Niles, Kumbulla, Bove, Afena-Gyan, El Shaarawy. Allenatore: José Mourinho.
Formazione Feyenoord (4-2-3-1): Bijlow; Geertruida, Trauner (74′ Pedersen), Senesi, Malacia (89′ Jahanbakhsh); Aursnes, Kokcu (43′ st Walemark); Nelson (74′  Linssen), Til (59′ Toornstra), Sinisterra; Dessers. A disposizione: Cojocaru, Marciano, Jansen, Hendrix, Sandler, Hendricks, Hall. Allenatore: Arne Slot.
Ammoniti: Pellegrini e Rui Patricio (Roma); Trauner (Feyennord).
Arbitro: Kovacs (Romania).

@ Riproduzione Riservata

Serie A: scudetto 2021-2022 al Milan di Pioli, Cagliari, Genoa e Venezia in B

(daniele amadasi)  Oltre ogni previsione della viglia di campionato ma con pieno ed assoluto merito il Milan di Stefano Pioli si è proclamato campione d’Italia 2021-2021 al termine della 38.esima ed ultima giornata di campionato, grazie alla vittoria esterna di Reggio Emilia contro il Sassuolo per 3-0.
Per vincere il loro 19.esimo scudetto ai rossoneri sarebbe bastato anche un solo punto in caso di vittoria dell’Inter (3-0 alla Sampdoria) anche se i ragazzi di Mister Pioli erano scesi in campo per chiudere la gara anzitempo a proprio favore e così hanno fatto anticipando la festa durante la partita stessa.

Serie A 2021-2022 che si è archiviata con il terzo e quarto posto di Napoli e Juventus, qualificate per la prossima edizione della Uefa Champions League alla pari delle due milanesi, con gli approdi europei di Lazio e Roma in Europa League e della Fiorentina in Conference League, con l’esclusione dell’Atalanta dall’Europa, con la salvezza finale della Salernitana e con le retrocessioni in Serie B di Cagliari, Genoa e Venezia.

Così nella 38.esima ed ultima giornata di campionato: Torino-Roma 0-3, Genoa-Bologna 0-1, Lazio-Verona 3-3, Fiorentina-Juventus 2-0, Atalanta-Empoli 0-1, Spezia-Napoli 0-3, Sassuolo-Milan 0-3, Inter-Sampdoria 3-0, Salernitana-Udinese 0-4 e Venezia-Cagliari 0-0.

La classifica finale della Serie A 2021-2022: Milan punti 86, Inter 84, Napoli 79, Juventus 70, Lazio 64, Roma 63, Fiorentina 62, Atalanta 59, HellasVerona 53, Torino e Sassuolo 50, Udinese 47, Bologna 46, Empoli 41, Sampdoria e Spezia 36, Salernitana 31, Cagliari 30, Genoa 28 e Venezia 27.

@ Riproduzione Riservata

Uefa Europa League 2021-2022: nella finale di Siviglia trionfa l’Eintracht Francoforte

(daniele amadasi) A distanza di 42 anni la formazione tedesca dell’Eintracht Francoforte torna a vincere una coppa europea, aggiudicandosi l’edizione 2021-2022 della Uefa Europa League che si aggiunge alla Coppa Uefa vinta nella stagione 1979-1980.

Nella finalissima andata in scena ieri sera, mercoledì 18 maggio, all’Estadio Ramón Sánchez Pizjuán di Siviglia (Spagna) davanti a 38’842
spettatori, l’Eintracht Francoforte ha superato la resistenza degli scozzesi del Glasgow Rangers solo al termine dei rigori.
Terminati in parità i tempi regolamentari per 1-1 per via delle marcature di Joe Aribo (0-1 al 59′) e Rafael Borre (1-1 al 69′), la finalissima di Europa League non ha registrato alcun’altra marcatura nel corso dei tempi supplementari e così il secondo titolo Uefa per importanza a livello di coppe europee è stato aggiudicato ai rigori.
Per gli scozzesi del Glasgow Rangers quattro rigori a segno con Tavernier, Davis, Arfield e Roofe considerando l’errore di Ramsey, per i tedeschi dell’Eintrahct Francoforte nessun errore e cinque reti firmate da Lenz, Hrustic, Kamada, Kostic e Borre che sono valse il trionfo finale.

L’albo d’oro delle ultime undici edizioni della Uefa Europa League.
2010-2011: Porto (Portogallo) – 2° titolo
2011-2012: Atlético Madrid (Spagna)
2012-2013: Chelsea (Inghilterra)
2013-2014: Siviglia (Spagna)
2014-2015: Siviglia (Spagna)
2015-2016: Siviglia (Spagna)
2016-2017: Manchester United (Inghilterra) – 1° titolo
2017-2018: Atlético Madrid (Spagna) – 3° titolo
2018-2019: Chelsea (Inghilterra) – 2° titolo
2019-2020: Siviglia (Spagna) – 6° titolo
2020-2021: Villareal (Spagna)
2021-2022: Eintracht Francoforte (Germania) – 2°titolo

@ Riproduzione Riservata

Serie B: Lecce e Cremonese volano in A, Alessandria, Crotone e Pordenone retrocedono in C

(daniele amadasi) Al termine delle sue 38 giornate di campionato la Serie B 2021-2022 ha dato i suoi primi verdetti stagionali salutando da una parte la promozione diretta in Serie A di Lecce (1-0 al Pordenone) e Cremonese (2-1 a Como) e dall’altra le retrocessioni di Alessandria (0-1 dal Vicenza), Crotone e Pordenone in Serie C.

Destini rimandati invece per Pisa, Monza, Brescia, Ascoli, Benevento e Perugia qualificate per i play-off promozione, Cosenza e Vicenza che giocheranno i play-out.

Un ultima giornata di campionato che ha visto il Monza (0-1 a Perugia) fallire la promozione diretta scalando addirittura dal secondo al quarto posto fonale e l’Alessandria con i grigi passati da una quasi salvezza ad una incredibile retrocessione considerando anche la vittoria interna del Cosenza (1-0 al Cittadella).

Serie di risultati che hanno portato alla seguente classifica finale del campionato di Serie B: Lecce 71 punti, Cremonese 69, Pisa 67, Monza 67, Brescia 66, Ascoli 65, Benevento 63, Perugia 58, Frosinone 58, Ternana 54, Cittadella 52, Parma 49, Como 47, Reggina 46, Spal 42, Cosenza 35, Vicenza 34, Alessandria 34, Crotone 26 e Pordenone 18.

Così nei play-off.
Turno preliminare (gare uniche): Ascoli – Benevento e Brescia – Perugia.
Semifinali (doppie gare di andata e ritorno): Pisa – Ascoli/Benevento e Monza – Brescia/Perugia.
Finale (doppia gara di andata e ritorno): Pisa/Ascoli/Benevento – Monza/Brescia/Perugia.
Così nei play-out (doppia gara di andata e ritorno): Vicenza – Cosenza.

@ Riproduzione Riservata

Calcio Parlando o Parlando di Calcio? Calcioparlando!!