Archivi categoria: Coppe Europee

Coppe Europee: bilancio positivo con il traino Roma

(luca rolandi)  Bilancio in positivo a livello italiano al termine della tre giorni di coppe europee targata Uefa Champions League ed Uefa Europa League. Unica eccezione la sconfitta pesante, ma ancora rimediabile, del Napoli di Sarri.

Champions League: Roma – Chelsea 3-0, Sporting Lisbona – Juventus 1-1 e Napoli – Manchester City 2-4 con annessa tegola infortunio per la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro per Ghoulami risultati di martedì e mercoledì sera che portano Roma e Juventus ad un passo dalla qualificazione agli ottavi di finale ed il Napoli a dover sperare in una sorta di miracolo a scapito dello Shakhtar Donetsk.
Due giorni di Uefa Champions League caratterizzata soprattutto dall’impresa della Roma che ha sfoderato una delle più belle gare degli ultimi anni in Champions umiliando con un netto 3-0 il Chelsea di Antonio Conte. “Il faraone” El Shaarawy primo attore di una serata che l’ambiente giallorosso ricorderà a lungo.
La Juventus ringrazia “il Pipita” Higuain che la risveglia da un torpore esagerato in terra lusitana mentre il Napoli crolla in casa con una delle squadre più forti e in forma del continente il Manchester City di Pep Guardiola.

Europa League: Lazio – Nizza 1-0, Apollon Limassol – Atalanta 1-1 ed Aek Atene – Milan 0-0 i risultati maturati nel corso della serata di giovedì che valgono la qualificazione anticipata della Lazio ai sedicesimi di finale ed i quasi passaggi del turno di Atalanta e Milan distanti ora solo un punto dalla meta.
Serata di Uefa Europa League contraddistinta quindi dalla Lazio che si è imposta nel finale assicurandosi il passaggio del turno, dopo una gara non semplice con il Nizza di Balotelli.
Sfortunata l’Atalanta fino al ’94 promossa e poi alla fine raggiunta dai ciprioti allo scadere e ancora male il Milan che non ha problemi per la qualificazione, ma questo è l’unico dato positivo di un periodo davvero buio per Montella e soci.

Per tutti i risultati e le classifiche complete dei gironi di Champions League ed Europa League si rimanda al sito internet ufficiale della Uefa.

Europa League: il programma serale della quarta giornata

(daniele amadasi)  Archiviata la due giorni di Champions League torna in campo questa sera anche la Uefa Europa League con la disputa della terza giornata della fase a gironi.

In programma nell’arco della presente serata di giovedì 2 novembre le consuete 24 gare, articolate nell’ambito dei due tipici orari.
Ore 19.00: Basaksehir – Hoffenheim, Copenhagen – Zlin, Olympique Lione – Everton, Lokomotiv Mosca – Tiraspol, Ludogorets – Sporting Braga, Maccabi Tel Aviv – Astana, Aek Atene – Milan, Partizan Belgrado – Skenderbeu, Rijeka – Austria Vienna, Slavia Praga – Villarreal, Apollon Limassol – Atalanta e Young Boys Berna – Dynamo Kiev.
Ore 21.05: 
Arsenal – Stella Rossa Belgrado, Athletic Bilbao – Östersunds, Colonia – Bate Borisov, Steaua Bucarest – Hapoel Beer Sheva,  Guimaraes – Olympique Marsiglia, Hertha Berlino – Zorya, Lazio – Nizza, Victoria Plzen – Lugano, Real Sociedad – Vardar, Rosenborg – Zenit San Pietroburgo, Salisburgo – Konyaspor e Vitesse – Waregem.

Quarta giornata di UEL che potrebbe già vedere le prime qualificate per la fase a play-off ad eliminazione diretta in programma da febbraio 2018 a partire dai sedicesimi di finale, considerando che oltre alle prime due classificate di ogni girone si ritroveranno sulla nuova griglia di partenza anche le terze classificate degli otto gironi di Uefa Champions League. Tra le principali favorite a staccare il biglietto qualificazione già da questa sera i rumeni della Steaua Bucarest, gli inglesi dell’Arsenal, i russi dello Zenit San Pietroburgo e la nostra Lazio.

A livello di classifiche dei vari gironi di Europa League che vedono impegnate le nostre squadre, riportiamo di seguito le situazioni aggiornate alla vigilia della terza giornata della fase a gironi.
Girone “D”: Milan 7 punti, Aek Atene (Grecia) 5, Rijeka (Croazia) 3, Austria Vienna (Austria) 1.
Girone “E”: Atalanta 7 punti, Olympique Lione (Francia) 5, Apollon Limassol (Cipro) 2, Everton (Inghilterra) 1.
Girone “K”:  Lazio 9 punti, Nizza (Francia) 6, Vitesse (Olanda) e Waregen (Belgio) 1.

Champions League: da stasera la quarta giornata

(daniele amadasi)  Fra questa sera e domani torna in campo e protagonista la Uefa Champions League per la disputa della sua quarta giornata della fase a gironi edizione 2017-2018.

Si parte quindi stasera, martedì 31 ottobre, con le prime otto gare in programma dalle ore 20.45 e valevoli per i raggruppamenti  “A”, “B”, “C” e “D” (fra parentesi i risultati delle gare di andata): Basilea – Cska Mosca (2-0), Manchester United – Benfica (1-0),  Paris Saint Germain Anderlecht (4-0), Celtic Glasgow Bayern Monaco (0-3), Roma – Chelsea (3-3), Atlético Madrid – Qarabag (0-0, Sporting Lisbona – Juventus (1-2) ed Olympiakos Pireo – Barcellona (1-3).

Per domani invece, mercoledì 1° novembre, sempre dalle ore 20.45 però le otto gare valevoli per i raggruppamenti “E”, “F”, “G” ed “H”: Liverpool – Maribor (7-0),  Siviglia – Spartak Mosca (5-1),  Shakhtar Dontesk – Feyenoord (2-1), Napoli – Manchester City (1-2), Porto – Red Bull Lipsia (2-3),  Besiktas – Monaco (2-1), Borussia Dormund – Apoel Nicosia (1-1) e Tottenham Hotspur – Real Madrid (1-1).

Quarta giornata di UCL che potrebbe già vedere le prime qualificate per la fase a play-off ad eliminazione diretta (Barcellona, Manchester City, Paris Saint Germain, Manchester United e Besiktas le principali favorite essendo sinora a punteggio pieno con tre vittorie all’attivo), che inizierà a febbraio 2018 a partire dalla disputa degli ottavi di finale, considerando il passaggio del turno delle prime due classificate di ogni girone e lo “smistamento” della terza classifica ai sedicesimi di finale di Uefa Europa League.

Di seguito ed infine le attuali classifiche dei gironi di Uefa Champions League delle nostre squadre.
Girone “C”: Chelsea (Inghilterra) 7 punti, Roma 5, Atlético Madrid  (Spagna) 2 e Qarabag (Azerbaijan) 1.
Girone “B”: Barcellona (Spagna) 9 punti, Juventus 6, Sporting Lisbona (Portogallo) ed Olympiakos Pireo (Grecia) 0.
Girone “F”:  Manchester City (Inghilterra) 9 punti, Shakhtar Donetsk (Ucraina)  6, Napoli 3 e Feyenoord (Olanda) 0.

Coppe Europee: per le italiane molte luci e poche ombre

(luca rolandi) Dopo le opache prestazioni della nazionale che si giocherà nello spareggio con la Svezia i mondiali di Russia 2018, il ritorno delle coppe europee riportano l’Italia ad un livello più che dignitoso.

@ Uefa Champions League: in Champions una vittoria (la Juve che ha sofferto con lo Sporting Lisbona), un pareggio (Roma sugli scudi nella tana del Chelsea di Antonio Conte) e una sconfitta con grande onore (Napoli superato di misura in casa del fortissimo Manchester City di Pep Guardiola).

Juve torna la vittoria – Dopo i due passi falsi in campionato – la sconfitta casalinga con la Lazio e il pareggio con l’Atalanta – la squadra di Allegri recupera fiducia, superando i portoghesi dello Sporting con la partita più brutta delle ultime tre. La Juventus non è apparsa brillante trovando la vittoria solo a sei minuti dal termine con il suo terminator Mario Mandzukic, che in questo periodo deve supplire alla sterilità del suo compagno di reparto Gonzalo Higuain. L’argentino  ha comunque giocato una buona gara, anche se non ha trovato il gol. In generale la Juventus è riuscita a recuperare dopo essere andata subito in svantaggio per un errore difensivo di Benatia e Alex Sandro, imponendo il proprio gioco (8-1 i tiri in porta, 13-0 i calci d’angolo) anche se in modo piuttosto disordinato. Nel girone si prende il secondo posto, alle spalle del Barcellona, a punteggio pieno, che ieri ha superato l’Olympiakos.

Roma grande pareggio – Un inizio shock per i giallorossi allo Stamford Bridge, scesa in campo piuttosto intimorita e con uno schieramento inedito che prevedeva Gerson e Gonalons titolari. Antonio Conte, tecnico dei Blues, nel prepartita aveva elogiato il grande cuore dei suoi ex ragazzi azzurri: De Rossi, El Sharawaay e Florenzi, tutti e tre rimasti in panchina, a parte quest’ultimo entrato nei minuti finali. Sotto di due gol dopo 37 minuti, la Roma ha accorciato con una bella azione personale di Kolarov, tra i migliori in campo. Nella ripresa poi la squadra ha preso possesso del gioco, complice anche l’errore di Conte di togliere David Luiz, esaltando il suo centroboa bosniaco Edin Dzeko, autore di una splendida doppietta, in particolare il primo gol al volo su lancio di Fazio. La clamorosa rimonta da 0-2 a 3-2 è però stata vanificata dal gol finale del folletto del Chelsea e quasi omonimo di Dzeko, Eden Hazard. Notizie positive per Di Francesco arrivano dall’Azerbaigian, dove l’Atletico Madrid di Simeone non è andato oltre lo 0-0 contro il Qarabag. In classifica quindi la Roma ora è seconda (dietro, appunto, il Chelsea) con tre punti di vantaggio sui Colchoneros.

Napoli bello, ma servono i punti – Piccole crepe martedì nell’elegia del Sarrismo, il culto ormai dilagante per l’allenatore del Napoli, Maurizio Sarri. La sua squadra è stata travolta all’avvio dal Manchester City guidato dal suo estimatore Pep Guardiola. I Citizens hanno aggredito il Napoli subito, fin dai rinvii del portiere Pepe Reina, e in mezz’ora sono andati a segno due volte, ma i gol potevano essere quattro. Alle reti di Sterling e Gabriel Jesus potevano aggiungersi quelle di De Bruyne (traversa) e ancora Jesus (tiro salvato sulla linea di porta da Koulibaly). Il Napoli, che si era presentato con Amadou Diawara in regia al posto di Jorginho, ha faticato a trovare il suo gioco. Solo Insigne nel primo tempo è riuscito a preoccupare la difesa avversaria, mentre Mertens ha sbagliato il rigore che avrebbe potuto riaprire la partita già nella prima metà di gara. Nel secondo tempo la squadra di Sarri è venuta fuori alla sua maniera, accorciando con un nuovo rigore, su cui questa volta è andato, con grande personalità, proprio il ventenne guineano. Qualche rimpianto alla fine per un pallonetto ciccato ancora da Mertens. il Napoli sconta la sconfitta con lo Shaktar Donetsk su cui deve recuperare in classifica 3 punti. Prima però dovrà prendersi la rivincita su Guardiola nel ritorno al San Paolo il prossimo 1 novembre.

@ Uefa Europa League: Grandi Lazio e Atalanta, quasi qualificate male un timido Milan.

Continua il momento d’oro dei ragazzi di Simone Inzaghi. Dura meno di un minuto l’illusione del Nizza in rete con Mario Balotelli contro la Lazio che, a sua volta, vede proseguire anche in Europa League il momento magico: all’Allianz Riviera, i biancocelesti s’impongono in rimonta per 3-1 con Milinkovic-Savic,  doppietta, e  Caicedo.
Il Milan non è andato oltre lo 0-0 a San Siro contro i greci dell’Aek Atene. Si tratta del primo pareggio di quest’anno per la squadra di Montella in una partita ufficiale.  Fischi, nessun problema per la qualificazione, ma il Milan pare smarrito e senza idee. Al contrario spettacolo e reti per una bellissima Dea  vola sul prato del Mapei Stadium di Reggio Emilia. L’Atalanta  di Gasp ha  superato  per 3-1 i ciprioti dell’Apollon Limassol,  reti nerazzurre di  Ilicic,  Petagna e  Freuler.

Per tutti i risultati e le classifiche dei gironi di Champions ed Europa League vi rimandiamo invece al sito dell’Uefa.