Archivi tag: Serie A

Serie A: Roma addio Champions, Udinese ed Empoli salve, Frosinone retrocesso

(daniele amadasi) Con lo scudetto già assegnato da qualche settimana all’Inter e con Sassuolo e Salernitana, l’ultima giornata della Serie  A 2023-2024 aveva  da decretare pochi verdetti, arrivati puntuali e con una serie di sorprese, che ripercorriamo seguendo la classifica finale o quasi del massimo campionato considerando che all’appello manca ancora una gara, il recupero fra Atalanta e Fiorentina.

Oltre all’Inter (2-2 a Verona con l’Hellas) campione d’Italia giocheranno la prossima edizione della Uefa Champions League il Milan (3-3 a San Siro nell’addio dopo 3 anni in rossonero di Olivier Giorud), la Juventus (2-0 allo Stadium al Monza nell’addio dopo 9 stagioni in bianconero di Alex Sandro), l’Atalanta (3-0 al Torino  nella festa di Bergamo post vittoria  della Uefa Europa League) ed il Bologna (0-2 a Marassi con il Genoa); Roma (1-2 ad Empoli) e Lazio (1-1 con il Sassuolo) disputeranno l’Europa League, mentre la Fiorentina si è comunque garantita la presenza alla prossima Conference League. Se poi la Viola vincerà mercoledì la finale di Conference contro l’Olympiacos Pireo si ritroverà in UEL lasciando lo spazio al Torino.
Fuori dai giochi europei dopo 14 stagioni il deludente Napoli (1-1 con il Lecce), mentre Udinese (1-0 a Frosinone) ed Empoli festeggiano la salvezza e la permanenza in Serie A a scapito del Frosinone, amaramente retrocesso all’ultimo secondo di gioco con sottofondo musicale degli 883 in versione “La dura legge del gol” (… È la dura legge del gol, Fai un gran bel gioco però, Se non hai difesa gli altri segnano, E poi vincono, Loro stanno chiusi ma, Alla prima opportunità, Salgon subito e la buttan dentro a noi,  La buttan dentro a noi” … ).

La classifica finale della Serie “A” 2023-2024: Inter 94 punti, Milan 75, Juventus 71, Atalanta* 69, Bologna 68, Roma 63, Lazio 61, Fiorentina* 57, Torino e Napoli 53, Genoa 49, Monza 45, HellasVerona e Lecce 38, Udinese 37, Cagliari ed Empoli 36, Frosinone 35, Sassuolo 30 e Salernitana 17. *=una gara in meno (domenica 2 giugno si gioca Atalanta – Fiorentina).

@ Riproduzione Riservata

Serie A: il punto campionato con Mazzarri nuovo allenatore del Napoli

(daniele amadasi)  L’ultima sosta campionato della Serie A di questo  2023 per consentire all’Italia di Spalletti di disputare le due decisive gare contro Macedonia del Nord ed Ucraina in ottica qualificazioni ad Euro 2024, si è archiviata con l’esonero di Rudy Garcia dal Napoli e con la società partenopea che dopo avere inizialmente virato su Igor Tudor ha scelto di riaffidarsi, dopo dieci anni, a Walter Mazzarri.

Una decisione a sorpresa da parte del patron del Napoli, Aurelio de Laurentis, presa dopo il rifiuto di Tudor per un contratto a termine sino al 30 giugno 2024, viceversa accettato da un Mazzarri pronto, pur di tornare in pista, ad accettare un contratto di 7 mesi ad un milione di € (contro i due richiesti da Tudor, ndr) e di rinunciare al suo tradizionale modulo 3-5-2 impostato su una difesa a tre per sposare il 4-3-3 o il 4-2-3-1 degli ex Garcia e Luciano Spalletti basati su una difesa a quattro.
Già allenatore del Napoli per quattro stagioni (dal 2009-2010 al 2013-2013) vincendo una Coppa Italia nel 2012 con gli azzurri, Walter Mazzarri è il quarto allenatore subentrato a campionato in corso per una Serie A che sino alla 12.esima giornata aveva registrato gli avvicendamenti in panchina all’Empoli di Aurelio Andreazzoli per Paolo Zanetti, all’Udinese di Gabriele Cioffi per Andrea Sottil ed alla Salernitana di Filippo Inzaghi per Paolo Sousa.

Così alla ripresa del campionato dopo la sosta nazionale: sabato 25 novembre Salernitana-Lazio (ore 15.00), Atalanta-Napoli (ore 18.00) e Milan-Fiorentina (ore 20.45); domenica 26 novembre Frosinone-Genoa (ore 15.00), Empoli-Sassuolo (ore 15.00), Roma-Udinese (ore 18.00) e Juventus-Inter (ore 20.45); lunedì 27 novembre Verona-Lecce (ore 18.30) e Bologna-Torino (ore 20.45).

L’attuale classifica della Serie A dopo la 12.esima giornata: Inter 31 punti, Juventus 29, Milan 23, Napoli 21, Atalanta e Fiorentina 20,  Bologna e Roma 18, Monza e Lazio 17, Torino 16, Frosinone 15, Genoa e Lecce 14, Sassuolo 12, Udinese 11, Empoli 10, Cagliari 9, Hellas Verona 8 e Salernitana 5.
Migliore attacco: Napoli 24 reti.
Migliore difesa: Inter 6 reti subite.
Peggiore attacco: Empoli 5 reti.
Peggiori difese: Cagliari e Salernitana 24 reti subite.

L’attuale classifica marcatori: 1° L. Martínez (Inter)12 reti, 2° O. Giroud (Milan) 7, 3° A. Colpani (Monza), N. González (Fiorentina), V. Osimhen (Napoli) e R. Lukaku (Roma) 6.

@ Riproduzione Riservata

Serie A: da stasera il via al campionato 2023-2024

(daniele amadasi)  Alle ore 18.30 di questa sera, sabato 19 agosto, prenderà al via la 122.esima edizione della Serie A, versione 2023-2024 che per la 92.esima volta proporrà la classifica formula del girone unico di andata e ritorno, con termine fissato a domenica 26 maggio 2024.

Edizione 2023-2024 della Serie A che ripartirà alla caccia al titolo nello scorso campionato dal Napoli e che vedrà su ben 16 panchine la guida tecnica di allenatori italiani (Gasperini-Atalanta, Motta-Bologna, Ranieri-Cagliari, Zanetti-Empoli, Italiano-Fiorentina, DiFrancesco-Frosinone, Gilardino-Genoa, Inzaghi-Inter, Allegri-Juventus, Sarri-Lazio, D’Aversa-Lecce, Pioli-Milan, Palladino-Monza, Dionisi-Sassuolo, Sottil-Udinese e Baroni-HellasVerona) considerando che solo Napoli, Roma, Salernitana e Torino saranno guidate da tecnici stranieri, rispettivamente dal francese Rudi Garcia, dai portoghesi José Mourinho e Paulo Sousa e dal croato Ivan Jurić.

A livello di calciomercato dopo un estate caratterizzata a livello mondiale dalle folli spese da parte dei club dell’Arabia Saudita per riempire la Saudi Pro League di fuoriclasse più o meno datati (Karim Benzema, Ngolo Kanté, Ruben Neves, Kalidou Koulibaly, Marcelo Brozovic, Sadio Mané e dalla Lazio Sergej Milinkovic-Savic per citare i principali che si sono aggregati all’avvento di un anno fa di Cristiano Ronaldo), la Serie “A” non ha fatto registrare molti colpi a sorpresa, seppure fra questi possiamo citare per ora solo quelli di Thuram, Cuadrado e Frattesi all’Inter, Weah alla Juventus, Pulisic, Chukwueze e Reijnders al Milan, considerando che Napoli, Lazio, Roma, Fiorentina ed Atalanta non hanno al momento messo a segno il classico colpo mercato.
In ambito partenze importanti soprattutto a livello economico registriamo per ora quelle di Hojlund dall’Atalanta al Manchester per 75 milioni di €uro, Tonali dal Milan al Newcastle per 70 milioni di €uro, Kim Min-Jae dal Napoli al Bayern Monaco per 60 milioni di €uro e quello di Milinkovic-Savic per 42 milioni di €uro agli arabi dell’Al Hilal.
Infine sul fronte trattative permangono quelle inerenti la posizione di Samardzic ad un passo dal trasferimento dall’Udinese all’Inter, di Lukaku in uscita dal Chelsea con destinazione Juventus o Arabia Saudita e collegata strettamente alle eventuali o meno partenze di Vlahovic o Chiesa dalla Juventus, dell’ex-Milan Kessie in uscita dal Barcellona ed accostato anch’esso dalla Juventus, del centrocampista rossonero De Ketelaere richiesto dall’Atalanta, dell’attaccante Scamacca ex Sassuolo voglioso di andare via dal West Ham per fare ritorno in Italia (Inter?) e di Morata attualmente in forza all’Atlético Madrid ma richiesto da Inter, Milan e Roma.

Così oggi, sabato 19 agosto: ore 18.30 Frosinone-Napoli ed Empoli-HellasVerona, ore 20.45 Genoa-Fiorentina ed Inter Monza.
Così domani, domenica 20 agosto: ore 18.30 Sassuolo-Atalanta e Roma-Salernitana, ore 20.45 Lecce-Lazio ed Udinese-Juventus.
Così lunedì 21 agosto: ore 18.30 Torino-Cagliari, ore 20.45 Bologna-Milan.

Terminata la prima tre giorni di campionato la Serie A tornerà protagonista per la seconda giornata con una nuova tre giorni di gare da sabato 26 a lunedì 28 agosto, aperta dall’anticipo Frosinone-Atalanta e conclusa dal posticipo Cagliari-Inter.

@ Riproduzione Riservata

Al Napoli lo scudetto 2022-2023 con cinque giornate di anticipo

(daniele amadasi)  Dopo aver fallito il primo match-scudetto pareggiando in casa al Maradona contro la Salernitana, il Napoli non fallisce la sua seconda possibilità di mettere in maniera definitiva la parola scudetto sul campionato 2022-2023 uscendo dall’Arena Friuli di Udine con il punto necessario e richiesto dalla matematica.
Sotto 1-0 per via della marcatura friulana di Dovric (13’) il Napoli di Luciano Spalletti ha trovato con il suo principale protagonista, Victor Osimhen, la rete del pareggio (52’) portando al termine del match nella serata di giovedì 4 maggio, a casa il punto che vale la matematica vittoria del campionato con cinque giornate di anticipo ed il terzo scudetto nell’era del Calcio Napoli, con l’attuale firmato 2022-2023 che va sommarsi a quelli vinti dai partenopei nelle stagioni 1986-1987 e 1989-1990.

La classifica della Serie A dopo la 33.esima giornata: Napoli 80 punti, Lazio 64, Juventus 63, Inter 60, Atalanta, Milan e Roma 58, Fiorentina 46, Bologna, Monza e Torino 45, Udinese e Sassuolo 43, Empoli e Salernitana 35, Lecce 31, HellasVerona e Spezia 27, Cremonese 21 e Sampdoria 17.

La rosa del Napoli campione d’Italia 2022-2023.
Portieri: Alex Meret, Pierluigi Gollini e Davide Marfalla.
Difensori: Kim Min-Jae. Juan Jesus. Mário Rui, Amir Rrahmani, Mathías Olivera, Bartosz Bereszynski, Giovanni Di Lorenzo e Leo Østigård.
Centrocampisti: Eljif Elmas, Piotr Zielinski, Karim Zedadka, Stanislav Lobotka, Tanguy Ndombélé ed André-Frank Zambo Anguissa.
Attaccanti: Victor Osimhen, Hirving Lozano, Giovanni Simeone, Matteo Politano, Khvicha Kvaratskhelia e Giacomo Raspadori.
Allenatore: Luciano Spalletti.
Direttore Sportivo: Cristiano Giuntoli.
Presidente: Aurelio De Laurentis.

@ Riproduzione Riservata