Archivi tag: Coppa Italia e Supercoppa

Coppa Italia: da domani le gare uniche degli ottavi di finale

(daniele amadasi)  Nel mezzo della sosta campionato, la Coppa Italia si prende per tre sera i riflettori del palcoscenico nazionale attraverso la disputa delle gare uniche degli ottavi di finale.

Archiviati i precedenti turni eliminatori, la coppa nazionale entra nel vivo con l’ingresso in campo della otto teste di serie e per una corsa ai quattro titoli consecutivi, record assoluto, vinti dalla Juventus, impegnata in trasferta al Dall’Ara contro il Bologna.
Impegni casalinghi e sulla carta molto semplici per Lazio, Inter, Napoli e Roma rispettivamente opposte a Novara, Benevento, Sassuolo e Virtus Entella. Trasferte impegnative infine per Milan, Fiorentina ed Atalanta abbinate a Sampdoria, Torino e Cagliari.

Il programma delle gare uniche degli ottavi di Coppa Italia: sabato 12 gennaio ore 15.00 Lazio-Novara, ore 18.00 Sampdoria-Milan ed ore 20.45 Bologna-Juventus; domenica 13 gennaio ore 15.00 Torino-Fiorentina, ore 18.00 Inter-Benevento ed ore 20.45 Napoli-Sassuolo; lunedì 14 gennaio ore 17.30 Cagliari-Atalanta ed ore 21.00 Roma-VirtusEntella.

L’ albo d’oro per numeri di successi della Coppa Italia.
13 successi: Juventus.
9 successi: Roma.
7 successi: Inter.
6 successi:  Fiorentina e Lazio.
5 successi: Torino, Milan e Napoli.
4 successi: Sampdoria.
3 successi: Parma.
2 successi: Bologna.
1 successo: Atalanta, Genoa, Venezia, Vado e Vicenza.

Coppa Italia: via al terzo turno con le squadre di Serie A

(daniele amadasi)  Archiviati i primi due turni eliminatori con le sorprese negative di Ascoli e Venezia uscite per mano di Viterbese ed Alto Adige Bolzano, la Coppa Italia 2018-2019 entra nel vivo con la scesa in campo di dodici formazioni di Serie A: Bologna, Cagliari, ChievoVerona, Empoli, Frosinone, Genoa, Parma, Sampdoria, Sassuolo, Spal, Torino, Udinese.

Per la giornata odierna sono in programma, dopo i due anticipi di ieri, le ultime quattordici gare valevoli per i 32.esimi di finale a cui faranno seguito poi le otto gare dei 16.esimi di finale, ultimo turno di qualificazione prima della disputa degli ottavi di finale caratterizzati dall’ingresso in scena della otto teste di serie (Juventus, Napoli, Roma, Inter, Lazio, Milan, Atalanta e Fiorentina) e con la caccia alla Juve dei record vincitrice delle ultime quattro edizioni consecutive della coppa nazionale.

Così nelle gare del terzo turno della Coppa Italia 2018-2019: Bologna – Padova, Brescia – Novara, Cagliari – Palermo, Catania – Hellas Verona, ChievoVerona – Pescara, Empoli – Cittadella, Virtus Entella – Salernitana, Frosinone – Alto Adige, Livorno – Crotone, Parma – Pisa, Sampdoria – Viterbese, Sassuolo – Ternana, Spal – Spezia, Torino – Cosenza. Già giocate (ieri): Genoa – Lecce 4-0 ed Udinese – Benevento 1-2 ds.

L’ albo d’oro per numeri di successi della Coppa Italia
13 successi: Juventus.
9 successi: Roma.
7 successi: Inter.
6 successi:  Fiorentina e Lazio.
5 successi: Torino, Milan e Napoli.
4 successi: Sampdoria.
3 successi: Parma.
2 successi: Bologna.
1 successo: Atalanta, Genoa, Venezia, Vado e Vicenza.

Coppa Italia: la Juventus serve il poker demolendo il Milan

(daniele amadasi)  Per la quarta volta consecutiva con annesso nuovo record nazionale la Coppa Italia viene vinta dalla Juventus di Max Allegri che al termine della finale dell’Olimpico di Roma ha avuto la meglio con un perentorio 4-0 firmato dalla doppietta di Medhi Benatianei confronti di un Milan crollato alla distanza ed incapace di limare la sostanziale differenza fra le due squadre evidenziata dalla classifica di campionato e dai 31 punti di distacco (91 a 60 a favore dalla Juve a due giornate dal termine).

Tredicesima Coppa Italia vinta dalla Juventus di capitan Gigi Buffon senza subire nessuna rete nelle cinque gare disputate (ottavo di finale, quarto di finale, semifinali e finale) sempre più assoluta protagonista in Italia e prossima a festeggiare anche il suo settimo scudetto di fila.
Per il Milan tradito nuovamente dalla condizione fisica e dalle papere di Gigio Donnarumma invece sogno Coppa Italia finito e qualificazione alla prossima edizione dell’Europa League rimandata all’esito finale del campionato.

Il tabellino della Finale di Coppa Italia 2017-2018.
Juventus-Milan 4-0 (0-0).
Marcatori: 56′ Benatia, 60′ Douglas Costa, 64′ Benatia, 74′ autorete Kalinic, 
Formazione Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Benatia, Asamoah; Cuadrado, Khedira, Pjanic (87′ Marchisio), Matuidi; Douglas Costa (72′ Bernardeschi), Dybala (83′ Higuain); Mandzukic. Allenatore: Max Allegri.
Formazione Milan (4-3-3): G. Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Locatelli (80′ Montolivo), Bonaventura; Suso (67′ Borini), Cutrone (61′ Kalinic), Calhanoglu. Allenatore: Gennaro Gattuso.
Arbitro: Damato.
Ammonizioni: 60′ Douglas Costa, 73′ Calabria; 
Recuperi: 1′ e 2′.
Spettatori: 66’400.
Incasso: 3,8 Milioni di €uro.

L’ albo d’oro per numeri di successi della Coppa Italia
13 successi: Juventus.
9 successi: Roma.
7 successi: Inter.
6 successi:  Fiorentina e Lazio.
5 successi: Torino, Milan e Napoli.
4 successi: Sampdoria.
3 successi: Parma.
2 successi: Bologna.
1 successo: Atalanta, Genoa, Venezia, Vado e Vicenza.

Coppa Italia: trionfa la Juve, primo passo per il sogno

(luca rolandi)  Dopo il tonfo in campionato con la Roma, la Juventus si rialza subito e si aggiudica il primo trofeo dell’anno. Vittoria netta e convincente nella finale di Coppa Italia contro una coriacea Lazio. Terza vittoria consecutiva e primo tassello verso il sogno. Ora Crotone e Real Madrid, un binomio davvero inedito separano i bianconeri dalla tripla inseguita da oltre 120 anni.

Allegri si affida all’ormai collaudato 4-2-3-1 con Neto tra i pali al posto di Buffon, la coppia centrale composta da Bonucci e Chiellini e i due terzini Barzagli e Alex Sandro. In mediana, Rincon rimpiazza lo squalificato Pjanic e affianca Marchisio alle spalle del trio di trequartisti composto da Dani Alves, Dybala e Mandzukic, a cui spetta il compito di ispirare l’unica punta Higuain. Inzaghi, dal canto suo, non si discosta dal canonico 3-5-2 con Bastos, De Vrij e Wallace ad ergere la diga davanti a Strakosha. In cabina di regia c’è Biglia con Parolo e Milinkovic-Savic mezz’ali. Basta e Lulic presidiano le corsie laterali, mentre il peso dell’attacco è affidato alle due punte Keita e Immobile, entrambi apparsi in splendida forma nelle ultime uscite.

Keita al 6′ è sfortunato il suo tiro dopo una bella sgroppata ha colpito il palo. Poi Dany Alves e Leonardo Bonucci chiudono il discorso e proiettano la Juve, grazie ad un bravissimo Neto, che si è riscattato dalla papera di Napoli, ed ha messo il sigillo alla prima delle tre possibile vittorie di casa bianconera.
Ora Crotone e Real Madrid, Stadium di Torino e stadio di Cardiff contro il grande Real trionfale a Vigo e vicinissimo alla Liga.  Ma di questo parleremo in seguito. Oggi celebriamo la Vecchia Signora che ha vinto ancora.

Finale Coppa Italia 2016-2017: Juventus-Lazio 2-0; marcatori 12′ Dani Alves e 25′ Bonucci.
Juvenntus (4-2-3-1): Neto ; Barzagli , Bonucci , Chiellini , Alex Sandro; Rincon, Marchisio ; Dani Alves , Dybala  (dal 78′ Lemina .), Mandzukic ; Higuain . A disp.: Buffon, Audero, Lichtsteiner, Benatia, Mattiello, Lemina, Asamoah, Sturaro, Cuadrado, Leris, Kean. All.: Allegri.
Lazio (3-5-2): Strakosha ; Bastos (dal 53′ Felipe Anderson ), de Vrij (dal 69′ Luis Alberto ), Wallace ; Basta , Parolo s.v. (dal 21′ Radu ), Biglia , Milinkovic, Lulic ; Immobile, Keita . A disp.: Vargic, Adamonis, Patric, Hoedt, Radu, Murgia, Crecco, Lombardi, Luis Alberto, Felipe Anderson, Djordjevic, Tounkara. All.: Inzaghi.