Archivi tag: Coppa Italia e Supercoppa

Coppa Italia 2019: recriminazione Atalanta, festa Lazio

(daniele amadasi)  Nella cornice dell’Olimpico di Roma la Lazio fa sua l’edizione 2018-2019 della Coppa Italia superando l’Atalanta per 2-0 al termine di una gara decisa nei minuti finali del secondo tempo.

Come spesso accade però nell’ambito di una finalissima oltre alla faccia sorridente del vincitore, va considerato anche il rovescio della medaglia del sconfitto, che nella fattispecie della gara di ieri ha visto un Atalanta uscire dal campo in maniera delusa e rammaricata.
Due gli episodi negativi e sfortunati in casa bergamasca, entrambi a a metà del primo tempo, firmati dal palo colpito in acrobazia da De Roon e dal mancato intervento della VAR per giudicare il possibile rigore per fallo di mano in area di Bastos.

Per contro in casa Lazio il successo porta le firme dei gol messi a segno da Milinkovic-Savic (82′) e Correa (90′), con la settima Coppa Italia nella storia dei bianconcelesti che vale l’approdo diretto alla prossima fase a gironi della Uefa Europa League, lasciando nelle ultime due giornate di campionato aperti i futuri destini di Atalanta, Roma e Milan in corsa per l’ultimo posto utile di Champions League e per i due rimanenti posti in Europa League.

Il tabellino della finale di Coppa Italia 2018-2019.
Atalanta-Lazio 0-2 (0-0).
Marcatori: 82′ Milinkovic Savic, 90′ Correa.
Formazione Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Palomino, Djimsiti, Masiello; Hateboer, De Roon (40′ st Pasalic), Freuler, Castagne (40′ st Gosens); Ilicic, Gomez; Zapata (39′ st Barrow). A disp.: Berisha, Rossi, Mancini, Reca, Ibanez, Colpani, Delprato, Pessina, Piccoli.
Allenatore: Gian Piero Gasperini.
Formazione Lazio (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Bastos (36′ pt Radu); Marusic, Parolo, Leiva, Luis Alberto (34′ st Milinkovic), Lulic; Correa, Immobile (22′ st Caicedo). A disp.: Proto, Guerrieri, Patric, Wallace, Romulo, Badelj, Cataldi, Durmisi, Neto.
Allenatore: Simone Inzaghi.
Arbitro: Banti di Livorno
Ammoniti: Masiello e Zapata nelle fila dell’Atalanta, Bastos, Lulic, Leiva e Marusic in quelle della Lazio.

L’ albo d’oro per numeri di successi della Coppa Italia
13 successi: Juventus.
9 successi: Roma.
7 successi: Inter e Lazio.
6 successi:  Fiorentina
5 successi: Torino, Milan e Napoli.
4 successi: Sampdoria.
3 successi: Parma.
2 successi: Bologna.
1 successo: Atalanta, Genoa, Venezia, Vado e Vicenza.

Coppa Italia: la Juventus serve il poker demolendo il Milan

(daniele amadasi)  Per la quarta volta consecutiva con annesso nuovo record nazionale la Coppa Italia viene vinta dalla Juventus di Max Allegri che al termine della finale dell’Olimpico di Roma ha avuto la meglio con un perentorio 4-0 firmato dalla doppietta di Medhi Benatianei confronti di un Milan crollato alla distanza ed incapace di limare la sostanziale differenza fra le due squadre evidenziata dalla classifica di campionato e dai 31 punti di distacco (91 a 60 a favore dalla Juve a due giornate dal termine).

Tredicesima Coppa Italia vinta dalla Juventus di capitan Gigi Buffon senza subire nessuna rete nelle cinque gare disputate (ottavo di finale, quarto di finale, semifinali e finale) sempre più assoluta protagonista in Italia e prossima a festeggiare anche il suo settimo scudetto di fila.
Per il Milan tradito nuovamente dalla condizione fisica e dalle papere di Gigio Donnarumma invece sogno Coppa Italia finito e qualificazione alla prossima edizione dell’Europa League rimandata all’esito finale del campionato.

Il tabellino della Finale di Coppa Italia 2017-2018.
Juventus-Milan 4-0 (0-0).
Marcatori: 56′ Benatia, 60′ Douglas Costa, 64′ Benatia, 74′ autorete Kalinic, 
Formazione Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Benatia, Asamoah; Cuadrado, Khedira, Pjanic (87′ Marchisio), Matuidi; Douglas Costa (72′ Bernardeschi), Dybala (83′ Higuain); Mandzukic. Allenatore: Max Allegri.
Formazione Milan (4-3-3): G. Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Locatelli (80′ Montolivo), Bonaventura; Suso (67′ Borini), Cutrone (61′ Kalinic), Calhanoglu. Allenatore: Gennaro Gattuso.
Arbitro: Damato.
Ammonizioni: 60′ Douglas Costa, 73′ Calabria; 
Recuperi: 1′ e 2′.
Spettatori: 66’400.
Incasso: 3,8 Milioni di €uro.

L’ albo d’oro per numeri di successi della Coppa Italia
13 successi: Juventus.
9 successi: Roma.
7 successi: Inter.
6 successi:  Fiorentina e Lazio.
5 successi: Torino, Milan e Napoli.
4 successi: Sampdoria.
3 successi: Parma.
2 successi: Bologna.
1 successo: Atalanta, Genoa, Venezia, Vado e Vicenza.

Coppa Italia: trionfa la Juve, primo passo per il sogno

(luca rolandi)  Dopo il tonfo in campionato con la Roma, la Juventus si rialza subito e si aggiudica il primo trofeo dell’anno. Vittoria netta e convincente nella finale di Coppa Italia contro una coriacea Lazio. Terza vittoria consecutiva e primo tassello verso il sogno. Ora Crotone e Real Madrid, un binomio davvero inedito separano i bianconeri dalla tripla inseguita da oltre 120 anni.

Allegri si affida all’ormai collaudato 4-2-3-1 con Neto tra i pali al posto di Buffon, la coppia centrale composta da Bonucci e Chiellini e i due terzini Barzagli e Alex Sandro. In mediana, Rincon rimpiazza lo squalificato Pjanic e affianca Marchisio alle spalle del trio di trequartisti composto da Dani Alves, Dybala e Mandzukic, a cui spetta il compito di ispirare l’unica punta Higuain. Inzaghi, dal canto suo, non si discosta dal canonico 3-5-2 con Bastos, De Vrij e Wallace ad ergere la diga davanti a Strakosha. In cabina di regia c’è Biglia con Parolo e Milinkovic-Savic mezz’ali. Basta e Lulic presidiano le corsie laterali, mentre il peso dell’attacco è affidato alle due punte Keita e Immobile, entrambi apparsi in splendida forma nelle ultime uscite.

Keita al 6′ è sfortunato il suo tiro dopo una bella sgroppata ha colpito il palo. Poi Dany Alves e Leonardo Bonucci chiudono il discorso e proiettano la Juve, grazie ad un bravissimo Neto, che si è riscattato dalla papera di Napoli, ed ha messo il sigillo alla prima delle tre possibile vittorie di casa bianconera.
Ora Crotone e Real Madrid, Stadium di Torino e stadio di Cardiff contro il grande Real trionfale a Vigo e vicinissimo alla Liga.  Ma di questo parleremo in seguito. Oggi celebriamo la Vecchia Signora che ha vinto ancora.

Finale Coppa Italia 2016-2017: Juventus-Lazio 2-0; marcatori 12′ Dani Alves e 25′ Bonucci.
Juvenntus (4-2-3-1): Neto ; Barzagli , Bonucci , Chiellini , Alex Sandro; Rincon, Marchisio ; Dani Alves , Dybala  (dal 78′ Lemina .), Mandzukic ; Higuain . A disp.: Buffon, Audero, Lichtsteiner, Benatia, Mattiello, Lemina, Asamoah, Sturaro, Cuadrado, Leris, Kean. All.: Allegri.
Lazio (3-5-2): Strakosha ; Bastos (dal 53′ Felipe Anderson ), de Vrij (dal 69′ Luis Alberto ), Wallace ; Basta , Parolo s.v. (dal 21′ Radu ), Biglia , Milinkovic, Lulic ; Immobile, Keita . A disp.: Vargic, Adamonis, Patric, Hoedt, Radu, Murgia, Crecco, Lombardi, Luis Alberto, Felipe Anderson, Djordjevic, Tounkara. All.: Inzaghi.

Coppa Italia: Juve e Lazio dolci sconfitte

(luca rolandi)  Sarà Lazio-Juventus l’epilogo della Coppa Italia 2017. Per la terza volta consecutiva i bianconeri approdano all’atto finale dove ritroveranno quella Lazio che li costrinse ai supplementari nel 2015.
Due sconfitte indolore per Allegri e Inzaghi, tutte e due per 3-2 al termine di due incontri intensi e combattuti.
Se nel derby romano le velleità giallorosse sono state spende da un bravissimo Immobile, la Signora a Napoli deve ringraziare l’ex Gonzalo Higuain. Dente avvelenato contro De Laurentis e soprattutto autore di una doppietta di sostanza che ha reso inutili le reti di Hamsik, Maertens e Insigne.
Troppo tardi si sono svegliate Roma e Napoli, partenopei agevolati dal terzo incredibile errore in pochi giorni di un portiere, questa volta Neto, dopo Donnarumma e Vannucchi dell’Alessandria.

Ora i bianconeri sperano che la finale si disputi a maggio, esattamente il 17, perchè ciò vorrebbe dire che i torinesi sarebbero approdati alla finale di Cardiff del 3 di giugno. Ma questa e un’altra storia e la controprova si avrà l’11 e il 19 aprile nella doppia sfida con il Barcellona. Solo allora si potrà misurare se la Juve può tornare grandissima anche in Europa o se debba ancora attendere per il trono continentale.

Semifinali di Coppa Italia: Lazio– Roma 2-0 e 2-3; Juventus-Napoli 3-1 e 2-3.
Finale di Coppa Italia 2017 a Roma il 2 giugno o il 17 maggio: Lazio-Juventus