ChievoVerona

Incubo Ventura un anno dopo, ChievoVerona in ostaggio

(daniele amadasi)  Ad un anno dallo sciagurato esito sportivo post doppio confronto Italia-Svezia che valse la non qualificazione ai Mondiali di Russia 2018, Gian Piero Ventura torna nuovamente protagonista, seppure sempre nella versione negativa.
Dalle mancate dimissioni post fallimento mondiale, all’incredibile attuale situazione che vede il ChievoVerona, dopo l’esonero di Lorenzo D’Anna e l’ingaggio di Ventura, in ostaggio del tecnico genovese, intenzionato a lasciare la guida dei clivensi ma a non formalizzare il proprio licenziamento per questioni di natura economica.

Classe 1948, ex centrocampista dilettantistico in Serie D, la carriera di allenatore di Gian Piero Ventura, dopo la gavetta di Venezia (1994-1995) e Lecce (1995-1997), ha iniziato a prendere piede con una serie di importanti piazze, quali Cagliari (1997-1999 e 2002-2004),  Sampdoria (1999-2000), Udinese (2001-2002) e Napoli (2004-2005), seppure senza grandi risultati.
Ripartito con le avventure di Messina (2006) ed Hellas Verona (2006-2007), il tecnico genovese è ritornato in auge grazie alle esperienze con Pisa (2007-2009), Bari (2009-2011) e soprattutto Torino (2011-2016).
Poi la sciagurata esperienza in nazionale sulla panchina dell’Italia (2016-2017) con l’annosa vicenda economica sulla “buona uscita” economica prima del cambio di testimone con Roberto Mancini dopo l’interregno di Luigi Di Biagio e la ripartenza in Serie A con il Chievo, penalizzato in classifica di tre punti.


Arrivato in corsa all’ottava giornata al posto di D’Anna colpevole di avere ottenuto solo due punti frutto di altrettanti pareggi a fronte di sei sconfitte, Mister Ventura in quattro gare ha ottenuto tre sconfitte ed un pareggio, con 2 reti all’attivo ed 11 al passivo (Chievo-Atalanta 1-5, Cagliari-Chievo 2-1, Chievo-Sassuolo 0-2 e Chievo-Bologna 2-2) facendo risalire i gialloblu a zero punti, a meno lunghezze dal quart’ultimo posto.
Un mancato cambio di rotta che al termine dell’ultima gara casalinga al Bentegodi pareggiata contro il Bologna ha portato all’intenzione di Ventura di lasciare la squadra, senza però formalizzare le proprie dimissioni. Così il ChievoVerona in attesa di trovare la quadra economica a livello di rescissione contrattuale, non può ancora svelare il nome del nuovo tecnico, considerando comunque che in pole position c’è la candidatura di Domenico Di Carlo (già due volte allenatore dei clivensi, nelle stagioni 2008-2010 ed in quella   2011-2012). Unico aspetto positivo in questa vicenda l’attuale sosta del campionato ed il fatto che il prossimo impegno in Serie A dei gialloblu è fissato per domenica 25 novembre alle ore 15.00 al San Paolo contro il Napoli.