Archivi categoria: Speciali

Serie A 2022-2023: punto calciomercato con il via dei ritiri precampionato

(daniele amadasi) A poco più di un mese del via del campionato di Serie “A” stagione 2022-2023, facciamo il punto delle vicende calciomercato in contemporaneo ai ritiri precampionato che hanno preso il via a partire dallo scorso sabato2 luglio.

Una massima serie che sarà caratterizzata dal lungo stop invernale (14 novembre 2022 – 4 gennaio 2023) per via della disputa dei campionati mondiali per nazioni 2022 in programma in Qatar e senza la presenza degli azzurri che hanno fallito per la seconda volta consecutiva l’approdo e la qualificazione alla rassegna mondiale.
Un duro colpo economico e di immagine per la nostra Serie “A” che però appare per il momento mitigato dalle vicende del calciomercato e dai colpi sinora messi a segno dai nostri club e che di andiamo di seguito a riassumere, partendo dai campioni d’Italia del Milan che che dopo i rinnovi dirigenziali hanno per ora ingaggiato il 27.enne attaccante Belga Divock Origi dal Liverpool.

Più attivi dei rossoneri i cugini dell’Inter con gli ingaggi del centrocampista Mkhitaryan dalla Roma ed il ritorno in neroazzurro di Lukaku dal Chelsea ed il Napoli che ha rinforzato la propria rosa con il difensore Olivera dal Getafe e l’attaccante Kvaratskhelia dalla Dinamo Batumi.
Mercato particolare invece quello della Juventus che dopo avere deciso di svincolare Dybala e Bernardeschi e mettere sul mercato De Ligt ha ingaggiato i veterani e svincolati Di Maria dal Paris Saint Germain e Pogba dal Manchester United ed intrapreso serrate trattative per acquistare in difesa Koulibaly dal Napoli ed a centrocampo Zaniolo dalla Roma, che a sua volta ha solo ingaggiato il difensore Celik dal Lille.
Restando in riva al Tevere da segnalare i tre nuovi arrivi in casa Lazio firmati dal centrocampista Marcos Antonio dello Shakhtar Donetsk e dal duo Casale e Cancellieri da un Hellas Verona che di contro nella casella ingressi ha ad oggi messo i nomi di tre attaccanti: Djuric dalla Salernitana, Piccoli dall’Atalanta ed Henry dal Venezia.

Molti attivi ad oggi anche la Fiorentina con gli ingaggi del portiere Gollini dall’Atalanta, del centrocampista Mandragora dal Torino via Juventus e dell’attaccante Jovic dal Real Madrid, il Torino con gli approdi in attacco di Radonjic dal Marsiglia e Pellegri dal Monaco ed il neopromosso Monza che ha sinora messo sotto contratto il portiere Cragno, i difensori Carboni, Birindelli e Ranocchia e l’attaccante Pessina.
Doppi arrivi dal Genoa invece per la Cremonese con il difensore Vasquez e l’attaccante Destro e per l’Udinese con il difensore Buta dallo Sporting Braba e con l’attaccante Ebosele da Derby County.
Infine da segnalare i singoli colpi dell’Atalanta con Ederson dalla Salernitana, del Bologna con Lykogiannis dal Cagliari, della Salernitana dell’attaccante Botheim dal Krasnodar, del Sassuolo con il sudamericano Alvarez dal Penarol e dello Spezia con l’attaccante Agudelo dal Genoa.

@ Riproduzione Riservata

Uefa Champions League 2021-2022: 14.esimo trionfo del Real Madrid

(daniele amadasi)  Arrivato all’atto finale della Uefa Champions League 2021-2022 dopo avere eliminato in maniera a dir poco rocambolesca Paris Saint Germain, Chelsea e Manchester City, il Real Madrid si è proclamato per la 14.esima volta nella sua storia campione d’Europa.

A pagare dazio, nella serata di ieri di sabato 28 maggio, contro i blancos di Carlo Ancelotti, il Liverpool di Jurgen Klopp che dopo avere dominato il primo tempo e rischiato più volte di andare in vantaggio, si è dovuto arrendere agli spagnoli che dopo avere chiuso lo specchio grazie alle ottime parate di Thibaut Courtois sono andati a segno con Vinicius Junior allo scoccare dell’ora di gara, portando poi il match, disputato allo Stade de France di Paris Saint Denis, in porto con il minimo risultato.

Il tabellino della finale della UCL 2021-2022.
Liverpool-Real Madrid 0-1 (0-0).

Marcatore: 59′ Vinicius Jr.
Formazione Liverpool (4-3-3): Alisson, Alexander-Arnold, Konaté, Van Dijk, Robertson, Henderson (77′ Keita), Fabinho, Thiago Alcantara (77′ Firmino), Salah, Mané, Luis Diaz (65′ Diogo Jota).

A disposizione.: Kelleher, Milner, Keita, Gomez, Oxlade-Chamberlain, Jones, Minamino, Tsimikas, Matip, Elliott. Allenatore: Jurgen Klopp.
Formazione Real Madrid (4-3-3): Courtois; Carvajal, Militao, Alaba, Mendy; Modric (45′ st Ceballos), Casemiro, Kroos; Valverde (85′ Camavinga), Benzema, Vinicius Jr (90′ + 3′ Rodrygo).

A disposizione: Lunin, Nacho, Hazard, Asensio, Marcelo, Lucas Vazquez, Bale, Isco, Mariano Diaz. Allenatore: Carlo Ancelotti.
Ammonito: 62′ Fabinho (Liverpool).
Arbitro: C. Turpin (Francia).

Real Madrid Campione d’Europa 2021-2022.

L’albo d’oro delle ultime undici edizioni della Uefa Champions League.
2010-2011: Barcellona (Spagna).
2011-2012: Chelsea (Inghilterra).
2012-2013: Bayern Monaco (Germania).
2013-2014: Real Madrid (Spagna).
2014-2015: Barcellona (Spagna).
2015-2016: Real Madrid (Spagna).
2016-2017: Real Madrid (Spagna).
2017-2018: Real Madrid (Spagna).
2018-2019: Liverpool (Inghilterra).
2019-2020: Bayern Monaco (Germania).
2020-2021: Chelsea (Inghilterra).
2021-2022: Real Madrid (Spagna).

@ Riproduzione Riservata

Conmebol 2021: Libertadores al Flamengo, Sudamericana al Paranense

(daniele amadasi) Le edizioni 2021 delle coppe sudamericane per club organizzate dalla CONMEBOL (Confederación sudamericana de Fútbol) e targate Copa Libertadores e Copa Sudamericana si sono colorate di gialloro brasiliano grazie alle rispettive vittorie del Flamengo di San Paolo e dell’Athletico Paranense di Curitiba.

La Conmebol Copa Libertadores 2021, l’equivalente dell’europea Uefa Champions League, è stata assegnata lo scorso sabato 27 novembre nella finalissima andata in scena allo Stadio del Centenario di Montevideo (Uruguay) al termine del derby brasiliano fra il Flamengo ed il Palmeiras, deciso nel corso dei tempi supplementari dalla rete siglata da Deyverson al minuto 95’ per il 2-1 finale. Nel corso dei novanta minuti regolamentari erano invece andati a segno Veiga (1-0 al 5’) e Gabriel Barbosa (1-1 al 72’).
Secondo successo consecutivo quindi per il Palmeiras che bissa quello del 2020 e che alza al cielo la sua terza Copa Libertadores dopo la prima datata 1999.

La Copa Sudamericana 2021, l’equivalente europea della Uefa Europa League, era stata invece assegnata una settimana prima, sabato 20 novembre, sempre allo Stadio del Centenario di Montevideo (Uruguay) e sempre in un derby tutto brasiliano vinto di misura per 1-0 dall’Athletico Paranense nei confronti della rivelazione Atlético Bragantino grazie alla rete siglata da Maycon Vinicius Ferreira da Cruz, detto Nikão, al minuto 29’ del primo tempo.

Flamengo ed Athletico Paranense si sfideranno a questo punto per l’edizione della Recopa Sudamericana, l’equivalente della Supercoppa europea, che verrà assegnata al termine della doppia finale di andata e ritorno, con match di andata in programma il mercoledì 23 febbraio a Curitiba e return match martedì 2 marzo a San Paolo.

L’albo d’oro della Copa Libertadores.
7 successi: Independiente (1964, 1965, 1972, 1973, 1974, 1975, 1984).
6 successi: Boca Juniors (1977, 1978, 2000, 2001, 2003, 2007).
5 successi: Peñarol (1960, 1961, 1966, 1982, 1987).
4 successi: River Plate (1986, 1996, 2015 e 2018) Estudiantes (1968, 1969, 1970, 2009).
3 successi: Palmeiras (1999, 2020 e 2021), Gremio (1983, 1995, 2017), Olimpia (1979, 1990, 2002), San Paolo (1992, 1993, 2005), Nacional (1971, 1980, 1988) e Santos (1962, 1963, 2011)
2 successi: Flamengo (1981 e 2019), Cruzeiro (1976, 1997), Internacional (2006, 2010) ed Atlético Nacional (1989, 2016).
1 successo: Colo-Colo (1991), Racing Club (1967), San Lorenzo (2014), Argentinos Juniors (1985), Vélez Sarsfield (1994), Vasco da Gama (1998), Once Caldas (2004), LDU Quito (2008), Corinthians (2012), Atlético Mineiro (2013).

L’albo d’oro della Copa Sudamericana.
2 successi: Athletico Paranaense (Brasile, 2018 e 2021), Boca Juniors (Argentina, 2004 e 2005) ed Independiente (Argentina, 2010 e 2017).
1 successo: San Lorenzo (Argentina, 2002), Club Sportivo Cienciano (Perù, 2003),
Pachuca (Messico, 2006), Arsenal de Sarandi (Argentina, 2007), Internacional (Brasile, 2008), LDU Quito (Ecuador, 2009), Università de Chile (Cile, 2011), San Paolo (Brasile, 2012), Lanús (Argentina, 2013), River Plate (Argentina, 2014), Santa Fe (Colombia, 2015), Chapecoense (Brasile, 2016), Indipendente del Valle (Ecuador, 2019), Club Social Deportivo Defensa y Justicia (Argentina, 2020) ed Athletico Paranense (Brasile, 2021).

L’albo d’oro della Recopa Sudamericana.
4 successi: Boca Juniors (Buenos Aires, Argentina).
3 successi: River Plate (Buenos Aires, Argentina).
2 successi: Grêmio (Porto Alegre, Brasile), Internacional (Porto Alegre, Brasile), LDU Quito (Ecuador), Olimpia Asunción (Paraguay) e San Paolo (Brasile).
1 successo: Atlético Mineiro (Belo Horizonte, Brasile). Atlético Nacional (Medellin, Colombia), Cienciano (Cusco, Perù), Colo-Colo (Santiago, Cile), Corinthias (San Paolo, Brasile) Cruzeiro (Belo Horizonte, Brasile), Defensa y Justicia (Argentina), Flamengo (Brasile), ndependiente (Avellaneda, Argentina), Nacional (Montevideo, Uruguay), Santos (Brasile) e Vélez Sarsfield (Argentina).

@ Riproduzione Riservata

Da stasera le fasi a gironi 2021-2022 delle tre coppe europee targate Uefa

(daniele amadasi)  Prenderanno al via da stasera, martedì 14 settembre, le fasi a gironi 2021-2022 delle tre coppe europee targate Uefa e firmate Champions League, Europa League e Conference League.

Sette le squadre italiane ai nastri di partenza: Atalanta Inter, Juventus e Milan in Champions League (UCL), Lazio e Napoli in Europa League (UEL) e Roma nella neonata Europa Conference League (ECL).
Il via alla prima delle sei tre giorni di coppe europee, domani sera, con gli impegni in trasferta in Champions di Atalanta e Juventus, di scena a partire dalle ore 21.00 rispettivamente in Spagna ed in Svezia sui campi del Villareal e del Malmö .
A seguire nella serata di mercoledì 15 settembre gli impegni delle due formazioni milanesi, sempre alle ore 21.00, con l’Inter che ospita al Meazza in San Siro il Real Madrid ed il Milan ospite del Liverpool al new Anfield Road.
Infine nel corso della serata di giovedì spazio all’Europa League con gli impegni delle ore 18,45 della Lazio in Turchia contro il Galatasaray e delle ore 21.00 del Napoli in Inghilterra sul campo del Leicester e con quello firmato Conference League delle ore 21.00 della Roma che ospita all’Olimpico i bulgari del CSKA Sofia.

Modificati in parte i format delle tre coppe europee per club, per via della riduzione da 12 ad 8 dei gironi di Europa League e per il varo della Conference League.
A livello di Champions League le prime due classificate degli otto gironi eliminatori accedono alla fase a play-off a partire dagli ottavi di finale con gare ad eliminazione diretta di andata e ritorno sino alla finalissima in gara unica di sabato 28 maggio 2022 alla Gazprom Arena di San Pietroburgo (60’000 posti) in Russia a caccia del titolo detenuto dal Chelsea.
In Europa League al termine degli otto gironi della fase eliminatoria le prime classificate accedono agli ottavi di finale, mentre le terze classificate della Champions League e le seconde della stessa Europa League disputeranno un turno preliminare dei play-off che si concluderanno poi con la finalissima di mercoledì 18 maggio 2022. all’Estadio Ramón Sánchez-Pizjuán di Siviglia (43’833 posti) in Spagna che assegnerà il trofeo vinto nella passata edizione dal Villareal.
Nella neonata Conference League invece le otto vincitrici dei gironi accedono direttamente agli ottavi di finale dei play-off dove incontreranno le vincenti degli spareggi dei sedicesimi di finale fra le terze classificate dei gironi di Europa League e le seconde classificate della Conference League stessa che vedrà la disputa della finalissima mercoledì 25 maggio 2022 alla National Arena (21’690 posti) di Tirana in Albania.

I gironi delle squadre italiane al via delle coppe europee 2021-2022.
Girone “B” UCL: Milan (Italia), Liverpool (Inghilterra), Atlético Madrid (Spagna) e Porto (Portogallo).
Girone “D” UCL: Inter (Italia), Real Madrid (Spagna), Shakhtar Donetsk (Ucraina) e Sheriff Tiraspol (Moldavia).
Girone “F” UCL: Atalanta (Italia), Manchester United (Inghilterra), Villareal (Spagna) e Young Boys Berna (Svizzera).
Girone “H” UCL: Juventus (Italia), Chelsea (Inghilterra), Zenit San Pietroburgo (Russia) e Malmö (Svezia).
Girone “C” UEL: Napoli (Italia), Leicester (Inghilterra), Legia Varsavia (Polonia) e Spartak Mosca (Russia).
Girone “E” UEL: Lazio (Italia), Olympique Marsiglia (Francia), Lokomotiv Mosca (Russia) e Galatasaray (Turchia).
Girone “C” ECL: Roma (Italia), CSKA Sofia (Bulgaria), Bodø Glimt (Norvegia) e Zorja Luhans’k (Ucraina).

@ Riproduzione Riservata