Archivi categoria: Estero

Calcio estero: Liga al Barcellona, corse Champions aperte

(daniele amadasi)  Dopo i successi in Bundesliga tedesca, Premier League inglese e Ligue-1 francese da parte di Bayern Monaco, Manchester City e Paris Saint Germain, a livello di calcio estero anche la Liga spagnola ha assegnato il suo titolo, vinto per la 25.esima dal Barcellona, autore tra l’altro del quinto double nazionale considerando anche la vittoria della Coppa di Spagna (5-0 al Siviglia dell’ex Vincenzo Montella, esonerato sabato 28 aprile dal club andaluso).

In pratica a livello di principali campionati nazionali, Serie A italiana a parte considerando il duello scudetto in corsa fra Juventus e Napoli a tre giornate dal termine con i bianconeri avanti di quattro lunghezze (88 punti contro 84), resta solo da assegnare il titolo della Primeira Liga portoghese, seppure a due giornate dal termine il vantaggio di cinque punti del Porto nei confronti del Benfica (82 a 77) dovrebbe aver già sancito un pre verdetto a favore dei biancoblu di Oporto.
Tornando però ai quattro campionati nazionali europei andiamo ad analizzare nel nostro appuntamento con il calcio estero le rispettive corse Champions League, Europa League e salvezza.

@ Premier League inglese: a tre giornate dal termine, recuperi compresi, resta solo da assegnare ancore un posto Champions League, dopo quelli già acquisiti da Manchester City, Manchester United e Liverpool. In lizza Tottenham e Chelsea, con gli Hotspur attualmente quarti in classifica  a quota 71 punti e con il Chelsea quinto a 66.
Per l’Europa League corsa finita a favore di Arsenal e Burnley, mentre per la lotta salvezza, West Bromwich Albion e Stoke City appaiono quasi spacciate, mentre per evitare la terz’ultima piazza sono in corsa Southampton e Swansea.

@ Liga spagnola: al termine della 35.esima giornata posti Champions League già assegnati a Barcellona, Atlético Madrid, Real Madrid e Valencia, Europa League a Betis e Villareal e ad una fra Getafe, Siviglia e Girona.
Discorso già chiuso anche a livello di lotta salvezza, con La Coruna, Las Palmas e Malaga già retrocesse in Serie B.

@ Bundesliga tedesca: a due giornate dal termine dopo Bayern Monaco, Shalke’04 e Borussia Dortmund va in pratico definito il nome della quarta formazione che disputerà la prossima Champions e che uscirà dal duello tra Hoffenfeim e Bayer Leverkusen distanziate solo di una lunghezza (52 punti a 51).
Per la corsa al rimanente posto Europa League corsa a tre fra Lipsia (47), Francoforte (46) e Stoccarda (45).
In aggiunta a Colonia ed Amburgo invece retrocederà una fra Wolfsburg, Friburgo e Magonza.

@ Ligue-1 francese:  a 270 minuti dal termine del campionato corsa a tre per i due rimanenti posti Champions considerando quello già acquisito dal Paris Saint Germain. In corsa Lione (72 punti), Monaco (71) e Marsiglia (70), mentre per l’unico posto rimasto a livello di corsa Europa League corsa a tre fra Saint Etienne (52), Rennes (51) e Nizza (51).
In aggiunta al Metz per i due rimanenti posti retrocessione corsa a quattro fra Lilla (32), Troyes (32), Tolosa (34) e Strasburgo (35).

Calcio Estero: Premier al Manchester City, Ligue-1 al Paris Saint Germain

(luca rolandi)  Dopo la conquista della Bundesliga tedesca da parte del Bayern Monaco nello scorso fine settimana, a livello di calcio estero, anche la Premier League inglese e la Ligue-1 francese hanno calato il sipario in anticipo per quel che concerne l’assegnazione dei titoli nazionali 2017-2018.

Dopo l’eliminazione in Champions League per mano del Liverpool, il Manchester City di Pep Guardiola ha messo le mani sul titolo inglese conquistando la Premier League al termine della 34.esima giornata grazie al successo esterno per 3-1 a Londra contro il Tottenham firmato dai gol di  Gabriel Jesus, Gundogan e Sterling ed alla contemporanea sconfitta interna dei cugini dello United superati all’Old Trafford di Manchester dal West Bromwich Albion per 1-0:
Così a quattro giornate dal termine del massimo campionato inglese il Manchester City primo con 87 punti risultando inarrivabile proprio dallo United secondo a quota 71, ha potuto festeggiare per la quinta volta la vittoria della Premier League (1936-1937, 1967-1968, 2011-2012, 2013-2014 e 2017-2018).

Spostandoci oltre manica arriviamo in Francia dove il Paris Saint Germain dell’ormai ex Unai Emery ha conquistato per la settima volta nella sua storia (1985-86, 1993-94, 2012-13, 2013-14, 2014-15, 2015-16 e 2017-18) la Ligue-1 francese al termine del roboante successo interno per 7-1 sul Monaco (doppiette di Lo Celso e Di Maria), allungando al termine della 33.esima giornata e quindi a 5 turni dalla fine a +17 in classifica (87 punti a 70) proprio sui monegaschi, seconda forza del torneo.

Già assegnate quindi Bundesliga tedesca, Premier League inglese e Ligue-1 francese, a livello di calcio estero e di principali campionati, restano solo da definire i nomi dei prossimi campioni nazionali di Spagna e Portogallo, considerando che in Liga il Barcellona al termine della 32.esima giornata e quindi a sei dalla fine comanda a quota 82 punti a +11 sull’Atlético Madrid, mentre in Primeira Liga alla 30.esima giornata il Porto è avanti solo di due lunghezze nei confronti del Benfica (82 ad 80) e quindi il titolo portoghese sarà assegnato allo sprint finale delle ultime quattro giornate.

Calciomercato: niente PSG per Conte, panchina francese a Tuchel

(daniele amadasi)  In attesa di capire il proprio futuro al Chelsea nonostante un contratto in scadenza a giugno 2019, nella giornata di ieri è caduta per Antonio Conte l’ipotesi Paris Saint Germain, considerando che il club francese ha deciso di affidare la sua panchina a Thomas Tuchel.

Così al posto di Unai Emery a guidare nella prossima stagione il Paris Saint Germain, sarà il 44.enne tedesco Thomas Tuchel, attuale tecnico del Borussia Dortmund, terza forza in Bundesliga dietro al Bayern Monaco fresco vincitore del campionato 2017-2018 ed all’emergente Red Bull Lipsia.

In attesa della matematica vittoria della Ligue-1 edizione 2017-2018 considerando i 14 punti di vantaggio sul Monaco a sei giornate dl termine del massimo campionato francese, il Paris Saint Germain dello sceicco qatariota Nasser Ghanim Al-Khelaïfi, ha deciso di andare controcorrente e di annunciare con due mesi di anticipo la scelta della sua prossima guida tecnica, optando per un nome diverso da quello di Conte, sino ad ieri principale candidato ad ereditare la panchina di Emery.

Di calciomercato e non solo, ma anche e soprattutto di Inter, Milan, Juventus, Torino, Atalanta e del campionato di Serie B parleremo questa sera, mercoledì 11 aprile, dalle ore 19.00 alle ore 21.00 attraverso i contributi dei nostri collaboratori Andrea Bosio, Matteo Colturani, Mario Raimondi, Luca Rolandi,Mario Mazzoleni ed Adriano Ancona nella trasmissione radiotelevisiva di Calcioparlando sulle frequenze di RadioMilanInterTV .

Per seguirci quindi questa in diretta collegativi a livello regionale in Lombardia sulle frequenze radio FM (96,100) e televisive del Digitale Terrestre (Canale 778), mentre a livello nazionale ed internazionale potrete seguirci in streaming attraverso la diretta in onda sulle pagina Facebook di Radio Milan Inter.

Per intervenire in diretta nella nostra trasmissione serale di “Calcioparlando on air” potrete chiamare il numero 346-1281297 oppure mandare dei messaggi via sms al numero 392-8263444.

Recopa Sudamericana 2018: dopo i rigori trionfa il Gremio

(daniele amadasi)  Nel corso dell’ultima notte italiana e quindi nella serata latina di mercoledì 21 febbraio si è aggiudicata l’edizione 2018 della Recopa Sudamericana, l’equivalente della Supercoppa Europea targata Uefa.
A contendersi il titolo continentale per club i brasiliani del Gremio vincitori della Copa Libertadores e gli argentini dell’Independiente vincitori della Copa Sudamericana.

Terminata in pareggio la gara di andata disputata ad Avellaneda in Argentina nell’1-1 fra Independiente e Gremio dello scorso 15 febbraio deciso dalle reti di Luan (0-1 al 22′) e dall’autorete di Cortez (1-1 al 33′), la Recopa Sudamericana è stata decisa ai rigori al termine della gara di ritorno andata in scena a Porto Alegre in Brasile. Conclusi i tempi regolamentari e supplementari in parità per 0-0 e considerando la diversa regola fra gol segnati in casa e trasferta rispetto alle competizioni Uefa, Gremio ed Independiente si sono giocati il titolo dagli undici metri.
Per i brasiliani sono andati a segno Maicon, Cicero, Jael, Everton e Luan, per gli argentini i soli Gaibor, Meza, Domingo e Romero, considerando che è risultato decisivo ai fine del 5-4 finale il penalty sbagliato da Benitez.

Dopo l’edizione del 1996 per il Gremio si tratta della seconda vittoria della Recopa Sudamericana, per la quale riportiamo di seguito l’albo d’oro complessivo della manifestazione per numero di successi a partire dalla prima edizione targata 1989.
4 successi: Boca Juniors (Argentina).
2 successi: San Paolo (Brasile), River Plate (Argentina), Internacional Porto Alegre (Brasile), LDU Quito (Equador), Olimpia Asùncion (Paraguay) e Grêmio (Brasile).
1 successo: Cruzeiro (Brasile), Independiente (Argentina), Atlético Nacional (Colombia), Vélez Sarsfield (Argentina), Cienciano (Perù), Deportivo Colo-Colo (Cile), Nacional (Uruguay), Santos (Brasile), Corinthians (Brasile) ed Atlético Mineiro