Archivi categoria: Estero

Verso Euro 2020: L’italia a tre punti dalla meta qualificazione

(daniele amadasi)  Trascinata dalla reti di Belotti ed Immobili e dalle giocate di Barella, Sensi e Jorginho, la Nazionale Italiana di Roberto mantiene saldamente il comando della classifica a punteggio pieno del Girone “J” di qualificazione ad Euro 2020 anche al termine della sesta giornata.

Al successo di giovedì 5 settembre in Armenia per 3-1 ha fatto seguito quello di ieri sera in Finlandia per 2-1, portando la gestione di Roberto Mancini, post fallimento Mondiali 2018 firmato dal binomio Tavecchio-Ventura, alla settima vittoria consecutiva, inclusa quella sugli Usa nell’amichevole di novembre 2018.
Sfruttando anche la dea bendata grazie a due importanti decisioni arbitrali a proprio favore nelle sfide contro Armenia (ingiusta espulsione di Karapetian sul punteggio di 1-1) e Finlandia (inesistente rigore che ha portato al 2-1 degli azzurri), l’Italia si trova ora a tre punti dalla matematica qualificazione ai prossimi campionati Europei di calcio, caratterizzati nel 2020 dall’edizione itinerante con gara d’esordio allo Stadio Olimpico di Roma e finalissima al Wembley di Londra (Inghilterra).
Matematica ed anticipata qualificazione degli azzurri che potrà arrivare grazie ad un successo nei due prossimi incontri in casa a Roma contro la Grecia di sabato 12 ottobre ed in trasferta in Liechtenstein di martedì 15 ottobre 2019.

L’attuale classifica del Girone “J” di qualificazione ad Euro 2020 (fra parentesi il numero di gare giocate): Italia 18 punti (6), Finlandia 12 (6), Armenia 9 (6), Bosnia-Erzegovina 7 (6), Grecia 5 (6) e Liechtenstein 1 (6).

Così nelle prossime gare: 12 ottobre Italia – Grecia (andata 3-0) 15 ottobre Liechtenstein – Italia (andata 0-6 ), 15 novembre Bosnia-Erzegovina – Italia (andata 1-2) e 18 novembre Italia – Armenia (andata 3-1).

Al Benfica l’edizione 2019 dell’International Champions Cup

(daniele amadasi)  Con 180 minuti di anticipo e due ancora di disputare (Tottenham Hotspur – Inter in programma oggi, domenica 4 agosto ed Atlético Madrid – Juventus in programma sabato 10 agosto), l’International Champions Cup 2019 ha già emesso il proprio verdetto finale con la vittoria da parte del Benfica.

Questo il responso maturato ieri sera, sabato 3 agosto, al termine della vittoria ai rigori da parte del Manchester United sul Milan (2-2 al 90′ minuto) che ha portato gli inglesi a quota 8 punti in classifica, a meno uno dagli irraggiungibili portoghesi, primi della classe con 9 punti, frutto delle tre vittoria maturate contro il Guadalajara (3-0), la Fiorentina (2-1) ed il Milan (1-0).
Decisivo quindi ai fini dell’assegnazione dell’edizione 2019 l’International Champions Cup 2019, il pareggio ottenuto dal Milan al novantesimo contro il Manchester United, che in caso di successo con almeno tre gol di scarto contro i rossoneri e dopo le due precedenti vittorie (1-0 all’Inter e 2-1 al Tottenham Hotspur), avrebbe strappato il primo posto al Benfica.

Dalle ultime due gare in programma si potranno quindi limare e definire le altre posizioni della classifica, considerando che ad oggi con due partite giocate, Tottenham Hotspur, Atlético Madrid, Juventus ed Inter si trovano rispettivamente con 5, 3, 2 ed 1 punto in classifica, quindi al massimo con la possibilità che il Tottenham raggiunga al secondo posto a quota 8 punti il Manchester United.
Per il Benfica di Mister Bruno Lage, attuale campione in carica di Portogallo, un importante successo a livello internazionale, con la speranza, dopo le innumerevoli finali perse a livello di Champions League (Coppa Campioni) ed Europa League (Coppa Uefa), che questo possa permettere la fine della cosiddetta “maledizione di Béla Guttmann”.

L’albo d’oro con le vincitrici delle precedenti edizioni dell’ICC.
2005: Chelsea (edizione Usa).
2009: Chelsea (edizione Usa).
2011: Real Madrid (edizione Usa).
2013: Real Madrid (edizione Usa).
2014: Manchester United (edizione Usa).
2015: Real Madrid (edizione Australia), Real Madrid (edizione Cina), Paris Saint Germain (edizione Usa).
2016: Juventus (edizione Australia) e Paris Saint Germain (edizione Usa).
2017: Barcellona (edizione Usa), Borussia Dortmund (edizione Cina) ed Inter (edizione Singapore).
2018: Tottenham (edizione unificata).
2019: Benfica (edizione unificata).

Alla scoperta dell’edizione 2019 dell’International Champions Cup

(daniele amadasi)  Dodici squadre in rappresentanza di sei nazioni, diciotto partite disputate in 15 diverse location dislocate in tre continenti, i numeri dell’International Champions Cup 2019 in programma da mercoledì 17 luglio a sabato 10 agosto.

Con la presenza di Fiorentina, Inter, Juventus e Milan l’Italia sarà la nazione con il maggior numero di rappresentanti (4), seguita dalle tre di Inghilterra (Arsenal, Manchester United e Tottenham Hotspur), dalle due della Spagna (Atlético Madrid e Real Madrid) e dalle singole di Germania (Bayern Monaco), Portogallo (Benfica) e Messico (Chivas  Deportivo Guadalajara).
Ogni squadra giocherà tre partite con una unica classifica finale che andrà poi a determinare la vincitrice.

Il programma completo dell’International Champions Cup 2019. Mercoledì 17 luglio:  Fiorentina – Chivas Deportivo Guadalajara.
Giovedì 18 luglio: Arsenal – Bayern Monaco.
Sabato 20 luglio: Manchester United – Inter e Benfica – Chivas Deportivo Guadalajara.
Domenica 21 luglio: Arsenal – Fiorentina, Bayern Monaco – Real Madrid e Juventus – Tottenham Hotspur.
Mercoledì 24 luglio: Real Madrid – Arsenal, Bayern Monaco – Milan,  Chivas Deportivo Guadalajara – Atlético Madrid e Juventus – Inter.
Giovedì 25 luglio: Fiorentina – Benfica e Tottenham Hotspur -Manchester United.
Sabato 27 luglio: Real Madrid – Atletico Madrid –
Domenica 28 luglio: Milan – Benfica.
Sabato 3 agosto: Manchester United – Milan.
Domenica 4 agosto: Tottenham Hotspur – Inter.
Sabato 10 agosto: Atlético Madrid – Juventus.

Le 15 città interessate dall’annuale edizione della ICC.
Europa (3):  Cardiff, Londra e Stoccolma.
Stati Uniti d’America (10):  Arlington, Boston, Charlotte, Chicago, Houston, Kansas City, Los Angeles, San Francisco, Tri State Area e Washington.
Asia (2): Shanghai e Singapore.

L’albo d’oro con le vincitrici delle precedenti edizioni dell’ICC.
2005: Chelsea (edizione Usa).
2009: Chelsea (edizione Usa).
2011: Real Madrid (edizione Usa).
2013: Real Madrid (edizione Usa).
2014: Manchester United (edizione Usa).
2015: Real Madrid (edizione Australia), Real Madrid (edizione Cina), Paris Saint Germain (edizione Usa).
2016: Juventus (edizione Australia) e Paris Saint Germain (edizione Usa).
2017: Barcellona (edizione Usa), Borussia Dortmund (edizione Cina) ed Inter (edizione Singapore)
2018: Tottenham (edizione unificata).

Verso Euro 2020: dopo la finlandia ecco il Liechtenstein

(luca rolandi)  Dopo il buon e vittorioso esordio nella corsa ad Euro 2020 di sabato sera al Nuovo Stadi Friuli di Udine contro la Finlandia (2-0 firmato dai gol di Nicolò Barella e Moise Kean), l’Italia torna in campo questa sera contro il Liechtenstein.

Impegno sulla carta tutt’altro che complicato per gli azzurri contro un Liechtenstein reduce dalla sconfitta interna di sabato contro la Grecia (0-2).
Fischio d’inizio alle ore 20.45 allo Stadio Tardini di Parma, con l’Italia di Roberto Mancini schierata nuovamente davanti al portiere Donnarumma con il modulo del 4-3-3; in difesa spazio al quartetto composto da Spinazzola, Bonucci, Romagnoli e Biraghi, in mediana giocheranno Verratti, Sensi e Barella, mentre in fase offensiva giostreranno Kean, Quagliarella e Bernardeschi.
Quattro quindi i cambi a livello di undici di partenza rispetto al match giocato contro la Finlandia, considerando le presenze di Spinazzola, Romagnoli, Sensi e Quagliarella rispettivamente al posto di Piccini, Chiellini, Jorginho ed Immobile.

Sul fronte Liechtenstein il tecnico islandese Helgi Kolvidsson riproporrà la sua squadra con il modulo 4-1-4-1, confermando fra i pali Benjamin Büchel, in cabina di regia bassa Sandro Wieser ed in attacco il solo Robin Gubser.
Dirigerà l’incontro l’arbitro russo Kirill Levnikov.

Archiviata la gara serale l’Italia tornerà in campo per il Girone “J” di qualificazione ad Euro 2020 il prossimo sabato 8 giugno affrontando in trasferta alle ore 20.45 la Grecia ed in casa, tre giorni dopo, martedì 11 giugno, sempre alle ore 20.45 la Bosnia Erzegovina (2-1 all’Armenia all’esordio) allo Juventus Stadium di Torino.

Il riepilogo del Girone di Euro 2020.
Partite giocate: Italia – Finlandia 2-0, Bosnia Erzegovina – Armenia 2-1, Liechtenstein – Grecia 0-2.
Classifica: Italia 3 punti (+2 differenza reti), Grecia 3 (+2), Bosnia Erzegovina 3 punti (+1), Armenia 0 (-1), Finlandia 0 (-2) e Liechtenstein 0 (-2).
Così questa sera, martedì 26 marzo 2019, per la seconda giornata: Italia – Liechtenstein, Armenia – Finlandia e Bosnia Erzegovina – Grecia.