Archivi categoria: Campionati Italia

Serie A: in attesa di Cagliari-Samp l’Inter torna prima superando la Juve

(daniele amadasi)  Aspettando il posticipo serale fra Cagliari e Sampdoria che andrà ad archiviare la 14.esima giornata del girone di andata, la Serie A ci regala il ribaltone al comando della classifica con il sorpasso dell’Inter sulla Juventus.

Fermata in casa dallo Stadium dal Sassuolo sul punteggio di 2-2, la Juventus si è vista superare in classifica dall’Inter che al Meazza ha ha avuto la meglio per 2-1 il Parma grazie alla doppietta di Lautaro Martinez, ritrovando il primo posto in solitario a +1 sui bianconeri.
Oltre ai neroazzurri nelle complessive nove gare sinora disputate per quel che concerne la giornata di campionato numero 14, da registrare il solo successo della Lazio (3-0 all’Udinese con doppietta di Immobile), considerando di contro le ben sei vittorie esterne fatte registrare da Atalanta (3-0 al Brescia con doppietta di Pasalic), Torino (1-0 al Genoa), Lecce (1-0 alla Fiorentina), Milan (1-0 a Parma), Bologna (2-1 al Napoli) e Roma (3-1 all’HellasVerona).

Serie di risultati che porteranno nell’arco dell’odierna giornata all’esonero in casa Brescia di Fabio Grosso con il ritorno sulla panchina delle rondinelle di Eugenio Corini, mentre a livello di Udinese si valuterà se confermare o meno la fiducia tecnica a Luca Gotti, vice-allenatore dell’ex Igor Tudor.

L’aggiornata classifica della Serie A: Inter 37 punti, Juventus 36, Lazio 30, Roma 28, Cagliari* ed Atalanta 25, Napoli 20, Parma ed HellasVerona 18, Torino e Milan 17, Bologna e Fiorentina 16, Sassuolo* Lecce ed Udinese 14, Sampdoria* 12, Genoa 10, Spal 9 e Brescia* 7.
Migliore serie in corso: Inter, 6 vittorie consecutive.
Peggiore serie in corso: Brescia, 6 sconfitte consecutive.
Migliore attacco: Atalanta, 34 reti segnate.
Peggiore difesa: Genoa, 28 reti subite.

L’attuale classifica marcatori della massima serie: C.Immobile 17 (Lazio), R.Lukaku 10 (Inter), L.Martinez (Inter) e  L.Muriel (Atalanta) 8, A. Belotti (Torino), D. Berardi (Sassuolo), F.Caputo (Sassuolo) e J.Pedro (Cagliari) 7.

Calciomercato: le anteprime di gennaio di Inter, Milan, Juve, Roma e Napoli

(daniele amadasi)  A poco più di un mese dal via della sessione invernale di calciomercato, la cosiddetta di riparazione, andiamo ad anticipare le possibili mosse dei principali club della nostra Serie “A”.

Punto di partenza Milano, considerando che sia Inter che Milan necessitano di rinforzi, seppure per diversi motivi, rispettivamente da ricercare nelle insistenti richieste da parte del tecnico dei neroazzurri Antonio Conte e nella deficitaria classifica di un Milan che ha già cambiato guida tecnica passando da Giampaolo a Pioli.
Dicevamo di Inter ed i nomi sul taccuino mercato di Beppe Marotta riguardano la posizione dell’attacco, con l’italo-argentino Rodrigo De Paul ed il francese Olivier Jonathan Giroud in prima linea.
Per arrivare al nativo di Sarandi ed attualmente in forza all’Udinese occorrono 30 milioni di €uro, quelli che l’Inter incasserebbe dall’Uefa in caso di qualificazione agli ottavi di final della Champions League, mentre per il numero 18 del Chelsea si punta ad un prestito oneroso semestrale, valutandone poi la situazione finale a giugno insieme a quella del cileno Alexis Sánchez, attualmente infortunato.
A livello di gossip mediatico in queste ore è spuntato anche il nome del trequartista colombiano James Rodriguez, sempre ai margini del progetto tecnico e tattico del Real Madrid.
In ambito uscite da registrare invece la volontà dell’Inter di respingere ad ogni costo le offerte del Barcellona, voglioso di acquistare Lautaro Martinez su forte spinta di Lionel Messi, compagno di squadra de “El Toro” nella nazionale argentina.

Cambiando sponda del Naviglio ci spostiamo in casa Milan dove il grande sogno si chiama Zlatan Ibrahimovic, 38.enne attaccante svedese attualmente in forza ai Los Angeles Galaxy nella Major League Soccer USA.
Operazione nostalgia a parte i rossoneri stanno monitorando con molta attenzioni le piste per riuscire ad ingaggiare in prestito dal Real Madrid il 21.enne attaccante serbo Luka Jović e per acquistare dalla Juventus a titolo definitivo Merih Demiral. Operazione di calciomercato quest’ultima molto difficile da realizzare considerando che nella scorsa estate la Juventus ha acquistato Demiral dal Sassuolo per 18 milioni di €uro e che in caso di prossima cessione dovrà versare il 40% del ricavato nelle casse del club emiliano, portando di fatto il costo del cartellino del 21.enne centrale difensivo turco a quota 40-50 milioni di €uro.

Spostandoci da Milano a Torino, sponda Juventus, in vista di gennaio i bianconeri potrebbero far ritornare in rosa Luca Pellegrini, attualmente in prestito al Cagliari, mentre a livello di uscite oltre a quella pressoché già certa di Mario Mandzukic (Manchester United o Borussia Dortmund) potrebbe esserci anche quella di Emre Can, fuori dalla lista Champions League ed ai margini delle scelte del tecnico Sarri.

Scendendo in centro Italia facciamo tappa a Roma con i giallorossi alle prese da una parte con le difficili sirene di partenza di Alessandro Florenzi e Lorenzo Pellegrini, richiesti rispettivamente da Inter e Juventus e dall’altra con la voglia di fare un grande colpo in difesa, prelevando il 32.enne stopper belga Jan Vertonghen dal Tottenham Hotspur.
Infine spostandosi più a sud arriviamo a Napoli con il club campano intenzionato a gennaio a prelevare dal Bruges il centrocampista olandese ma di origine marocchina Sofyan Amrabat attualmente in prestito all’HellasVerona e dal Genk per 25 milioni di €uro il mediano norvegese Sander Berge.

@ riproduzione riservata

Serie A: dopo la 12.esima è sempre più fuga scudetto tra Juventus ed Inter

(daniele amadasi)  Archiviata la dodicesima giornata con la certificata fuga scudetto di Juventus (1-0 al Milan firmato da Paulo Dybala nel posticipo di domenica sera) ed Inter (2-1 in rimonta al Meazza all’HellasVerona con rete decisiva di Nicolò Barella), la Serie A osserva la sua terza sosta campionato per dare spazio agli ultimi due impegni dell’Italia targati qualificazioni Euro 2020.

La nazionale guidata da Roberto Mancini già qualificata per l’edizione 2020 degli Europei e con la new entry di Gianluca Vialli nel ruolo di capo delegazione azzurra,  sarà difatti impegnata nelle ultime due gare del Girone “J” contro la Bosnia Erzogovina (venerdì 15 novembre) e l’Armenia (lunedì 18 novembre), prendendosi in parte e per una settimana i riflettori della stampa.

A movimentare le cronache calcistiche nazionali oltre alla corsa scudetto fra la Juventus alle prese con le lamentele di Cristiano Ronaldo per due sostituzioni consecutive e l’Inter impegnata nella trattativa di mercato per acquistare a gennaio Alessandro Florenzi dalla Roma, ci sono la crisi del Napoli di Carlo Ancelotti settimo in classifica con un bilancio in negativo di tre punti all’attivo nelle ultime quattro giornate ed il sorprendente Cagliari di Rolando Maran terzo in classifica alla pari della Lazio grazie al filotto di tredici punti all’attivo nelle ultime cinque giornate di campionato.

Sul fronte esoneri stagionali siamo invece fermi a quota cinque, considerando che ad oggi dopo Sampdoria (Claudio Ranieri per Eusebio Di Francesco), Milan (Stefano Pioli per Marco Giampaolo), Genoa (Thiago Motta per Aurelio Andreazzoli) ed Udinese (Luca Gotti per Igor Tudor) anche il Brescia ha cambiato guida tecnica sostituendo Eugenio Corini con Fabio Grosso.

L’attuale classifica della Serie A: Juventus 32 punti, Inter 31, Lazio e Cagliari 24, Atalanta e Roma 22, Napoli 19, Parma 17, Fiorentina 16, HellasVerona 15, Udinese e Torino 14, Sassuolo* e Milan 13, Bologna 12, Lecce 10, Genoa e Sampdoria 9, Spal 8 e Brescia* 7. *=una gara in meno.

Così alla ripresa del campionato nella prossima 13.esima giornata: sabato 23 novembre Atalanta-Juventus, Milan-Napoli e Torino-Inter; domenica 24 novembre Bologna-Parma. Roma-Brescia, Sassuolo-Lazio, HellasVerona-Fiorentina, Sampdoria-Udinese e Lecce-Cagliari; lunedì 26 novembre Spal-Genoa.

Serie A: dopo la settima Juve al comando, Milan e Samp al cambio di tecnico

(daniele amadasi)  La due giorni della Serie A targata settima giornata dell’ultimo fine settimana di sabato 4 e domenica 5 ottobre 2019, ha lasciato il segno e non poco a livello di classifca e di importanti scelte societarie.

La vittoria esterna della Juventus al Meazza in San Siro contro l’Inter per 2-1 nel “Derby d’Italia” e match clou della settima giornata, ha portato i bianconeri di Mister Sarri al comando solitario della classifica a più una lunghezza sui neroazzurri, sconfitti per la prima volta in campionato dopo sei vittorie di fila.
Il successo interno dell’Atalanta sul Lecce (3-1) nella prima gara disputata nel nuovo Gewiss Stadium ha invece riconfermato i bergamaschi come terza forza del campionato, considerando anche gli ennessimi passi falsi di Napoli (0-0 a Torino contro i granata), Lazio (2-2 a Bologna) e Roma (1-1 all’Olimpico contro il Cagliari).
In rialzo le quotazioni della Fiorentina di Montella (1-0 al Franchi all’Udinese) giunta alla terza vittoria consecutiva, mentre HellasVerona (2-0 alla Sampdoria), Spal (1-0 al Parma) e Milan (2-1 a Marassi contro il Genoa) hanno ottenuto importanti vittorie mettendo ossigeno fresco alla loro classifica.

Nonostante le rispettive sconfitte Udinese e Genoa per il momento hanno deciso di congelare le scelte sui possibili cambi di guida tecnica di Igor Tudor ed Andrea Andreazzoli, mentre le dirigenze di Milan e Sampdoria hanno già optato per gli esoneri di Marco Giampaolo ed Eusebio Di Francesco sfruttando la sosta del campionato e le due settimane di intervallo fra la settima e l’ottava di giornata.
Dalle risoluzioni contrattuali di Milan e Sampdoria con i propri allenatori, alle scelte delle nuove guide tecniche di rossoneri e blucerchiati, considerando che in quel di Milano si vivrà una corsa a tre fra Luciano Spalletti (ex Inter), Rudy Garcia (ex Roma ed Olympique Marsiglia) e Stefano Pioli (ex Fiorentina), mentre a Genova il principale favorito è Giuseppe Iachini.

In attesa di tali conferme, la Serie A, come già detto, si ferma per due settimane, lasciando spazio alla Nazionale Italiana guidata da Roberto Mancini ed impegnata in due gare di qualificazione ad Euro 2020 contro la Grecia (sabato 12 ottobre) ed il Liechtenstein (martedì 15 ottobre) con l’obiettivo di ottenere i punti mancanti per il matematico approdo alla prossima competizione europea.

L’attuale classifica della Serie A: Juventus 19 punti, Inter 18, Atalanta 16, Napoli 13, Roma 12, Lazio, Cagliari e Fiorentina 11, Torino 10, HellasVerona, Parma, Bologna e Milan 9, Udinese 7, Sassuolo*, Brescia*, Spal e Lecce 6, Genoa 5 e Sampdoria 3. *=una gara in meno.

Così nella prossima ottava giornata: sabato 19 ottobre Lazio-Atalanta alle ore 15.00, Napoli-HellasVerona alle ore 18.00  e Juventus-Bologna alle ore 20.45; domenica 20 ottobre, Sassuolo-Inter alle ore 12.30, Cagliari-Spal, Sampdoria-Roma ed Udinese-Torino alle ore 15.00, Parma-Genoa alle ore 18.00 e Milan-Lecce alle ore 20.45; lunedì 21 ottobre Brescia-Fiorentina alle ore 20.45.