Archivi categoria: Campionati Italia

Serie A: stagione 2021-2022 al via sabato 21 agosto

(daniele amadasi)  La stagione della Serie A 2021-2022 prenderà al via nel fine settimana di sabato 21 e domenica 22 agosto con la disputa della prima giornata, caratterizzata dalla seguenti dieci gare: Bologna-Salernitana, Cagliari-Spezia, Empoli-Lazio, Inter-Genoa, Napoli-Venezia, Sampdoria-Milan, HellasVerona-Sassuolo, Torino-Atalanta, Roma-Fiorentina ed Udinese-Juventus.

Via alla corsa scudetto del titolo vinto nella passata stagione dall’Inter con una modifica sostanziale rispetto a quanto successo nelle passate edizioni, considerando che la prossima stagione la Serie A vedrà sfalsate le giornate del gironi di andata con quelle di ritorno, con la modalità di non riproporre stesse gare entro otto turni di differenza.
La seconda giornata di campionato andrà in scena nel corso del fine settimana del 28 e 29 agosto (Atalanta-Bologna, Fiorentina-Torino, Genoa-Napoli, HellasVerona-Inter, Juventus-Empoli, Lazio-Spezia, Milan-Cagliari, Salernitana-Roma, Sassuolo-Sampdoria ed Udinese-Venezia), mentre la terza giornata verrà disputata a distanza di due settimane fra sabato 11 e domenica 12 settembre (Atalanta-Fiorentina, Bologna-HellasVerona, Cagliari-Genoa, Empoli-Venezia, Milan-Lazio, Napoli-Juventus, Roma-Sassuolo, Sampdoria-Inter, Spezia-Udinese e Torino-Salernitana) dopo la prima sosta per via degli impegni della nazionale italiana neo campione d’Europa.

Dal punto di vista dei match clou da segnalare la disputa del derby d’Italia fra Juventus ed Inter alla nona ed alla trentunesima giornata di campionato, del derby della Madonnina di Milano alla 12.esima e 24.esima, della Mole di Torino alla settima ed alla 26.esima, di quello di Roma alla sesta ed alla 30.esima e del derby della Lanterna di Genova alla 17.esima ed alla 35.esima.
Le sfide Juventus-Milan si disputeranno alla quarta ed alla 23.esima giornata, mentre Roma-Napoli si affronteranno alla sesta giornata ed alla 33.esima.

La 38.esima ed ultima giornata verrà disputata fra sabato 21 e domenica 22 maggio 2022, al termine di un campionato caratterizzato da cinque turni infrasettimanali (21-23 settembre 2021, 26-28 ottobre 2021, 30 novembre – 2 dicembre 2021, 21-23 dicembre 2021 e 5-7 gennaio 2022), da cinque soste (4-5 settembre 2021, 9-10 ottobre 2021, 13-14 novembre 2021, 29-30 gennaio 2022 e 26-27 marzo 2022) e da una sola settimana di sosta invernale (dal 26 dicembre 2021 al 2 gennaio 2022).

@ Riproduzione Riservata

Coppa Italia 2020-2021: a Reggio Emilia trionfa la Juventus sull’Atalanta

(daniele amadasi)  In attesa di scoprire se l’anno prossimo disputerà ancora la Champions League oppure la meno nobile Europa League, la Juventus del contestato allenatore Andrea Pirlo porta a casa dopo la Supercoppa Italiana 2021 anche l’edizione 2020-2021 della Coppa Italia superando al Mapei Stadium di Reggio Emilia davanti a 4’300 spettatori (capienza ridotta per normativa anti Covid-19) una coriacea Atalanta per 2-1.

Dopo un primo tempo giocato meglio dall’Atalanta ma terminato in parità per 1-1 per via delle marcature del bianconero Dejan Kulusevski (31′) e del neroazzurro Ruslan Malinovski (41′), la bilancia dell’incontro si sposta nel corso del secondo tempo dalla sola parte di una Juventus che dopo avere sfiorato il raddoppio con Kulusevki fermato da un ottimo intervento di Pierluigi Gollini (58′) e da un clamoroso palo colpito da Federico Chiesa (61′) trova la rete del nuovo vantaggio con lo stesso ex giocatore viola a segno al minuto 73′.
Nuovamente sotto di una rete e nonostante gli ingressi in campo di qualità firmati dalle presenze di Luis Muriel (68′), Mario Pasalic (68′) e Josip Ilicic (76′), l’Atalanta non ha più la forza di reagire, rischiando viceversa di subire in contropiede la terza rete dei bianconeri.
Così al triplice fischio di un Davide Massa che ha arbitrato all’inglese e mantenendo lo stesso metro di giudizio per tutta la gara, sfoderando nel complesso sette cartellini gialli, è festa per la Juventus che fra le mani di capitan Gigi Buffon alza al cielo di Reggio Emilia la sua 14.esima Coppa Italia.
Per l’Atalanta invece seconda sconfitta in finale della coppa nazionale nell’arco di due stagioni e rimando all’ultima giornata di campionato dove i bergamaschi già qualificati per la prossima edizione della Uefa Champions League proveranno ad ottenere il secondo posto finale, il massimo traguardo nella storia del club orobico, in campionato dietro all’Inter campione d’Italia dopo nove scudetti consecutivi vinti dalla Juventus.

Il tabellino della finalissima di Coppa Italia 2020-2021.
Atalanta – Juventus 1-2 (1-1); marcatori: 31′ Kulusevski (0-1), 41′ Malinovski (1-1), 73′ Chiesa (1-2).
Formazione Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Toloi (76′ Djimsiti), Romero, Palomino; Hateboer (76′ Ilicic), de Roon, Freuler, Gosens (83′ Miranchuk); Pessina (68′ Pasalic), Malinovskyi (68′ Muriel), Zapata. Allenatore: Gasperini. A disposizione: Rossi, Sportiello, Maehle, Sutalo, Lammers, Caldara, Ruggeri.
Formazione Juventus (4-4-2): Buffon; Cuadrado, De Ligt, Chiellini, Danilo; McKennie, Bentancur, Rabiot, Chiesa (74′ Dybala); Kulusevski (83′ Bonucci), Cristiano Ronaldo. Allenatore: Pirlo. A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Arthur, Ramsey, Morata, Demiral, Bernardeschi, Frabotta.
Arbitro: Massa di Imperia.
Ammoniti: Malinovskyi, Romero, Freuler, de Roon, Ilicic (Atalanta).
Espulso: non dal campo Toloi (88′) per proteste.
Recuperi: 0′ nel primo tempo, 4′ nella ripresa.

L’albo d’oro per numeri di successi della Coppa Italia.
14 successi: Juventus.
9 successi: Roma.
7 successi: Inter e Lazio.
6 successi: Fiorentina e Napoli.
5 successi: Torino e Milan.
4 successi: Sampdoria.
3 successi: Parma.
2 successi: Bologna.
1 successo: Atalanta, Genoa, Venezia, Vado e Vicenza.

Riproduzione Riservata

Juve detronezzata, inter campione d’italia 2020-2021

(daniele amadasi)  Con quattro giornate di anticipo l’Inter di Antonio Conte si è proclamata campione d’Italia 2020-2021 ponendo fine al regno tricolore della Juventus in carica da nove anni di fila.

Grazie al successo esterno di ieri, sabato 1° maggio, a Crotone per 2-0 firmato dai gol del redivivo trequartista danese Christian Eriksen (69′) e del centrocampista Achraf Hakimi (90’+2′) ed al mezzo passo falso odierno, domenica 2 maggio, dell’Atalanta che a Reggio Emilia non è andata oltre il pareggio per 1-1 contro il Sassuolo, i neroazzurri sono risultati, con quattro giornate di anticipo rispetto alla conclusione del campionato, matematicamente campioni d’Italia grazie agli 82 punti conquistati in 34 gare ed al vantaggio incolmabile di 13 punti su Atalanta e Milan, seconde della classe a quota 69.

Una vittoria dello scudetto, il diciannovesimo in casa Inter, maturata nel corso di una lunga stagione grazie all’ottimo lavoro del proprio allenatore Antonio Conte capace di imprimere forza al gruppo a partire dal secondo posto dello scorso campionato dietro la Juventus (-7 a tre giornate dalla fine, -1 a fine toreo), dalla cocente sconfitta nella finale di Uefa Europa League contro il Siviglia e dalla bruciante eliminazione al termine della fase a gironi della Uefa Champions League con un quarto posto che ha messo fine anticipatamente alla stagione europea 2020-2021.

Un successo dell’Inter maturato in quattro mesi attraverso un cambio di marcia dopo la sconfitta di Genova contro la Sampdoria per 2-1 del 6 settembre, che ha visto i neroazzurri incamerare la bellezza di 46 punti in 18 giornate, grazie alla striscia di 14 vittorie (di cui 9 consecutive) e 4 pareggi, frutto di una fortezza difensiva che l’ha vista subire solo 8 reti, con una media di 1 gol subito ogni 200 minuti.
Ad undici anni di distanza dal suo ultimo scudetto, datato stagione 2009-2010 con José Mourinho in panchina, l’Inter da cinque anni di proprietà della cinese Suning Holdings Group, ritrova la gioia del tricolore con alla guida un ex allenatore della Juventus, come già avvenuto nella stagione 1988-1989 con Giovanni Trapattoni, quando vinse il suo 13.esimo titolo.

L’aggiornata classifica alle ore 17.00 di domenica 2 maggio 2021 (34.esima giornata): Inter 82 punti, Atalanta e Milan  69, Napoli 67, Juventus* 66, Lazio* 64, Roma* 55, Sassuolo 53, Sampdoria* ed HellasVerona 42, Udinese* e Bologna 39, Genoa 36, Fiorentina 35, Spezia 34, Cagliari 32, Torino** e Benevento 31, Parma* 20 e Crotone 18. *=una gara in meno, **=due gare in meno.

La rosa dell’Inter campione d’Italia 2020-2021.
Portieri: Samir Handanovic, Daniele Padelli e Ionut Andrei Radu.
Difensori: Milan Skriniar, Stefan De Vrij, Alessandro Bastoni, Matteo Darmian, Aleksandar Kolarov, Andrea Ranocchia e Danilo D’Ambrosio.
Centrocampisti: Nicolò Barella, Marcelo Brozovic, Christian Eriksen, Ivan Perisic, Stefano Sensi, Akraf Hakimi, Matias Vecino, Ashley Young Arturo Vidal e Roberto Gagliardini.
Attaccanti: Romelu Lukaku, Lautaro Martinez, Alexis Sanchez ed Andrea Pinamonti.
Allenatore: Antonio Conte.
Direttore Sportivo e Responsabile Area Tecnica: Piero Ausilio.
Amministratore Delegato: Giuseppe Marotta.
Presidente: Steven Zhang (Suning Holdings Group).

@ Riproduzione Riservata

Serie A: l’Inter supera il Sassuolo e vede lo scudetto

(daniele amadasi)  L’Inter di Antonio Conte ha fatto suo anche il recupero serale valido per la 28.esima giornata di Serie A, superando al Mezza il Sassuolo per 2-1 (a segno per i neroazzurri Lukaku al 10′ e Martinez al 67′, per i neroverdi Traorè all’85’) ed allungando in classifica ad undici lunghezze di vantaggio sul Milan, secondo della classe.
Grazie alla sua decima vittoria consecutiva in campionato la capolista Inter è salita a quota 71 punti, lasciandosi dopo le prime 29 giornate di Serie A i cugini del Milan, fermi 60 punti, a ben undici lunghezze di vantaggio ed andando di fatto ad ipotecare la vittoria dello scudetto dopo i nove tricolori di fila della Juventus.

Juventus che nel corso della stessa serata odierna ha affrontato in casa allo Stadium il Napoli nel recupero valevole per la terza giornata di campionato e terminato 2-1 a favore dei bianconeri con marcature di Ronaldo (13′), Dybala (73′) ed Insigne su rigore (89′). Risultato che riporta la Juventus di un Mister Andrea Pirlo ancora a rischio esonero anticipato, al terzo posto in classifica a quota 59 punti, a meno uno dal Milan secondo, a più uno dall’Atalanta quarta della classe a 58 punti, ultima ad oggi ad occupare il posto qualificazione per la prossima edizione della Uefa Champions League.
Corsa ai piazzamenti europei che quest’anno porterà le squadre classificate dalla quinta alla settima posizione, considerando il posto lasciato libero da Juventus ed Atalanta impegnate nella finalissima di Coppa Italia, ad accedere oltre ai due pass per la Uefa Europa League anche ad uno per neonata Conference League e che vede ad oggi una sfida a tre fra il Napoli, la Lazio (ancora in attesa della definizione della data di recupero del match di campionato contro il Torino) e la Roma.

L’aggiornata classifica della Serie A dopo la 29.esima giornata: Inter 71 punti, Milan 60, Juventus 59, Atalanta 58, Napoli 56, Lazio* 52, Roma 51, Hellas Verona 51, Sassuolo 40, Sampdoria 36, Bologna 34, Udinese 33, Genoa 32, Fiorentina e Benevento 30, Spezia 29, Torino* 24, Cagliari 22, Parma 20 e Crotone 15. *=una gara in meno.

Così nella prossima giornata di campionato (30.esima): sabato 10 aprile Spezia-Crotone, Parma-Milan ed Udinese-Torino;  domenica 11 aprile Inter-Cagliari, Juventus-Genoa, HellasVerona-Lazio, Sampdoria-Napoli, Roma-Bologna e Fiorentina-Atalanta; lunedì 12 aprile Benevento-Sassuolo.

@ Riproduzione Riservata