Uefa: sospese Champions ed Europa League, Europei rinviati al 2021?

(daniele amadasi)  Dopo le assurde dispute delle prime quattro delle otto gare di ritorno degli ottavi di finale della Champions League e delle prime sei delle otto gare di andata degli ottavi di finale della Europa League, la UEFA ha finalmente deciso nel corso della giornata di venerdì 13 marzo 2020 di sospendere la disputa delle coppe europee per via della deflagrante diffusione del virus Covid-19.

A livello di Champions League fra le serate di martedì 10  e mercoledì 11 marzo abbiamo visto andare in scena a porte chiuse le gare Valencia – Atalanta 3-4 (andata 1-4) e Paris Saint Germain – Borussia Dortmund 2-0 (andata 0-1), ma anche a porte aperte le gare Lispia – Tottenham Hotspur 3-0 (andata 1-0) davanti ai 42’146 spettatori della Red Bull Arena e Liverpool – Atlético Madrid 2-3 dopo i supplementari (andata 0-1) di fronte ai 52’267 spettatori di Anfield.
Storico doppio approdo di Atalanta (quaterna di Josip Ilicic a Valencia) e Red Bull Lipsia ai quarti di finale e clamorosa eliminazione del Liverpool campione in carica d’Europa UEFA e del mondo FIFA per club, l’aspetto che ha fatto più clamore è stata l’incoscienza delle autorità tedesche ed inglesi nel fare disputare le gare di Lipsia e Liverpool a porte aperte.
Di contro con la decisione di fermare momentaneamente l’attuale edizione della UCL sono state rimandate a data da definirsi i ritorni delle altre quattro gare degli ottavi di finale, ovvero Juventus – Olympique Lione (andata 0-1), Barcellona – Napoli (andata 1-1), Bayern Monaco – Chelsea (andata 3-0) e Manchester City – Real Madrid (andata 2-1).

Dalle polemiche della due giorni di Champions, passiamo a quelle della serata di giovedì 12 marzo quando a livello di Uefa Europa League sono andate in scena sei delle otto gare in programma delle sfide di andata degli ottavi di finale, considerando i rifiuti dei club spagnoli del Siviglia e del Getafe di non voler scendere in campo contro le formazioni italiane della Roma e dell’Inter, impedendo nel primo caso lo sbarco dei giallorossi in Andalusia e nel secondo ammutinando l’aereo in partenza da Madrid con destinazione Milano.
Così sono andate in scena sei gare, quattro disputate a porte chiuse (Olimpiakos Pireo – Wolverhampton 1-1, Wolfsburg – Shakhtar Donetsk 1-2, Eintracht Francoforte – Basilea 0-3 e Linz – Manhester United 0-5) e due a porte aperte, ovvero Glasgow Rangers – Bayer Levrkusen 1-3 in Scozia all’Ibrox Stadium (47’494 spettatori) e Basaksehir – Copenhagen 1-0 in Turchia al Fatih Terim Stadium (12’205 spettatori).

Sospese le coppe europee per club l’organismo decisionale della Uefa ha indetto per martedì 17 marzo una video riunione  fra i rappresentanti delle 55 nazioni, al fine di comunicare un secondo rinvio delle proprie manifestazioni calcistiche targate Champions League, Europa League, Youth League e Women’s Champions League e programmare lo slittamento di un anno dei Campionati Europei per Nazioni che con molta probabilità verranno giocati nel 2021 invece che in questo giugno 2020, facendo altresì saltare la seconda edizione della Uefa Nations League.