Calciomercato: sessione invernale 2020 chiusa con la tripletta inglese dell’inter

(daniele amadasi)  Si è chiusa questa sera, venerdì 31 gennaio, alle ore 20.00 la sessione invernale del calciomercato 2019-2020, caratterizzata dalla tripletta inglese made Premier League messa a segno dall’Inter e dai suoi uomini mercato Marotta-Ausilio.

Ashley Young dal Manchester United, Victor Moses dal Chelsea e Christian Eriksen dal Tottenham Hotspur i tre rinforzi per la mediana neroazzurra di un Inter vogliosa di poter competere sino all’ultimo per la lotta alla conquista dello scudetto, cucito da otto anni consecutive sulle maglie della Juventus, che in questa sessione di mercato si è limitata all’acquisto dall’Atalanta in veste futura del promettente under-21 svedese Dejan Kulusevski ed alla cessione di Emre Can al Borussia Dortmund.
Formazione orobica che da canto suo oltre a fare cassa anche con la cessione dell’attaccante Musa Barrow al Bologna, ha riportato a Bergamo Mattia Caldara, reduce dalla disastrosa e sfortunata esperienza con il Milan ed ha ingaggiato dal Bordeaux il promettente difensore Raoul Bellanova.

Molto attivo, come consuetudine, nella sessione di mercato invernale appena conclusa, il Genoa che ha ingaggiato dalla Juventus il portiere Mattia Perin, dall’Atalanta il difensore Andrea Masiello, dal Goteborg il centrocampista svedese Sebastian Eriksson, dal Torino l’esterno offensivo Iago Falque e dal Bologna l’attaccante Mattia Destro.
Mercato pesante anche in casa Fiorentina con gli arrivi in difesa di Igor Julio dalla Spal, a centrocampo di Alfred Duncan dal Sassuolo ed in attacco di Christian Kouame dal Genoa e di Patrick Cutrone dal Wolverhampton, in aggiunta all’acquisto per il prossimo giugno del centrocampista Sofyan Amrabat dall’Hellas Verona.
Particolare anche il mese di gennaio del Napoli che in vista della smobilitazione di giugno per via degli addii di Koulibaly, Allan, Fabian Ruiz, Mertens e Callejon, ha ingaggiato per l’immediato Matteo
Politano dall’Inter, Stanislav Lobotka dal Celta Vigo e Diego Demme dal Lipsia e per giugno il difensore Amir Rrahmani dall’HellasVerona  e l’attaccante Andrea Petagna dalla Spal.

A livello invece di acquisti atti ad essere importanti innesti per il presente e per i restanti quattro mesi della stagione 2019-2020 di Serie A segnaliamo quelli dello svincolato Birkir Bjarnason al Brescia, del difensore Simon Kjaer al Milan, del centrocampista Jasmin Kurtic al Parma, del terzino Kevin Bonifazi al Torino, dell’attaccante Fabio Borini all’HellasVerona, del trequartista Riccardo Saponara al Lecce.
Sul fronte partenze invece oltre a quelle pesanti di casa Milan firmate dalle cessioni di Suso al Siviglia e di Krzysztof Piatek all’Herta Berlino per fare cassa e posto al ritorno in rossonero di Zlatan Ibtahimovic, ha fatto clamore quella in prestito al Valencia da parte della Roma del suo capitano Alessandro Florenzi.

Fra gli scambi tra squadre da registrare infine quelli tra Cagliari e Spal con Alberto Cerri a Ferrara e Alberto Paloschi sull’isola e tra l’Udinese ed il suo farm team inglese del Watford con il centrocampista Marvin Zeegelaar in Friuli e l’attaccante Ignacio Pussetto in Gran Bretagna.

Serie A: il Napoli ferma la Juve e l’Inter risale a 3 punti dalla vetta

(daniele amadasi)  Apertasi con le vittorie esterne di Milan (1-0 a Brescia ancora nel segno di Rebic) ed Atalanta (7-0 al Torino con tripletta di Ilicic) e con i pareggi interni di Inter (1-1 al Meazza con il Cagliari) e Lazio (1-1 all’Olimpico nel derby con la Roma), la 21.esima giornata di Serie A è andata in archivio con la sorprendente sconfitta in trasferta della Juventus al San Paolo contro il Napoli (1-2).

Successo partenopeo che dopo tre sconfitte consecutive oltre a dare ossigeno al lavoro di Mister Gattuso, evita un nuovo allungo dei bianconeri al comando della classifica, considerando il terzo pareggio di fila dell’Inter e l’interruzione della serie vincente della Lazio fermatasi a quota undici; da segnalare di altresì a livello di classifica il rientro dell’Atalanta nella piena corsa alla corsa Champions League e del Milan (arrivato alla terza vittoria consecutiva) in quella Europa League.
Dalle restanti cinque gare della seconda giornate del girone di ritorno si sono invece registrati i successi interni di HellasVerona (3-0 al Lecce) e Parma (2-0 all’Udinese) e quello esterni del Bologna (3-1 alla Spal), mentre le sfide Fiorentina-Genoa e Sampdoria-Sassuolo sono terminate in parità a rei bianche (0-0).

Serie di risultati che in attesa anche delle disputa delle ultime due gare uniche dei quarti di finale della Coppa Italia di martedì 28 (Milan-Torino) e mercoledì 29 gennaio (Inter-Fiorentina) considerando i già approdi in semifinale di Napoli (1-0 alla Lazio) e Juventus (3-1 alla Roma) di settimana scorsa, portano alla seguente ed aggiornata classifica: Juventus 51 punti, Inter 48, Lazio* 46, Roma 39, Atalanta 38, Cagliari, Milan e Parma 31, HellasVerona* 29, Napoli, Bologna e Torino 27,  Fiorentina 25, Udinese 24, Sassuolo 23, Sampdoria 20, Lecce 16, Spal, Genoa e Brescia 15.  *=una gara in meno.

A livello di marcatori invece dietro al laziale Ciro Immobile primo a quota 23 gol, troviamo lo juventino Cristiano Ronaldo con 17, l’interista Romelu Lukaku a 14, l’atalantino Josip Ilicic ed il cagliaritano Joao Pedro a 13 e l’altro neroazzurro bergamaco Luis Muriel a 12.

In conclusione e di seguito il programma della prossima 22.esima giornata del massimo campionato: sabato 1′ febbraio ore 15.00 Bologna-Brescia, ore 18.00 Cagliari-Parma ed ore 20.45 Sassuolo-Roma; domenica 2 febbraio ore 12.30 Juventus-Fiorentina, ore 15.00 Atalanta-Genoa, Lazio-Spal e Lecce-Torino, ore 20.45 Udinese-Inter; lunedì 3 febbraio ore 20.45 Sampdoria-Napoli.

Serie A: la Juve allunga a +4 sull’Inter

(daniele amadasi)  Dall’aggancio al sorpasso all’allungo al comando della classifica in solitaria da parte della Juventus nei confronti di un Inter scalata a meno quattro lunghezze dalla vetta ed a rischio di ritrovarsi addirittura terza qualora la Lazio vinca il recupero contro l’HellasVerona valevole per la diciassettesima giornata di Serie A.

Questo il principale responso scaturito al termine delle prime nove gara della ventesima giornata di campionato, caratterizzata dal pareggio esterno dell’Inter (1-1 a Lecce) e dalle vittorie interne di Lazio (5-1 alla Sampdoria con tripletta di Ciro Immobile) e Juventus (2-1 al Parma con doppietta di Cristiano Ronaldo), valse l’allungo in classifica dei bianconeri a più quattro lunghezze sull’Inter che nel corso delle ultime cinque giornate si è vista recuperare cinque punti, passando dal +1 in classifica al -4 nei confronti degli attuali campioni d’Italia.

In attesa del posticipo serale di Atalanta-Spal con i neroazzurri bergamaschi vogliosi di riagganciare la Roma (vittoriosa 3-1 a Marassi contro il Genoa) al quarto posto, nelle restanti gare della prima giornata del girone di ritorno si sono registrarti anche i successi di Milan (3-2 allo scadere all’Udinese con doppietta di Ante Rebic ), Fiorentina (2-0 al San Paolo contro un Napoli giunto alla sua terza sconfitta consecutiva) e Sassuolo (2-1 al Torino) ed i due pareggi in Bologna-HellasVerona (1-1) e Brescia-Cagliari (2-2).

Serie di risultati che in attesa anche delle disputa delle gare uniche dei quarti di finale della Coppa Italia in programma da martedì 21 a mercoledì 29 gennaio (Napoli-Lazio, Juventus-Roma, Milan-Torino ed Inter-Fiorentina gli abbinamenti), portano alla seguente ed aggiornata classifica: Juventus 51 punti, Inter 47, Lazio* 45, Roma 38, Atalanta* 35, Cagliari 30, Milan e Parma 28, Torino 27, HellasVerona* 26, Bologna, Fiorentina, Napoli ed Udinese 24, Sassuolo 22, Sampdoria 19, Lecce 16, Brescia 15, Genoa 14 e Spal* 12. *=una gara in meno.

A livello di marcatori invece dietro al laziale Immobile primo a quota 23 gol, troviamo lo juventino Ronaldo con 16, l’interista Lukaku a 14, il cagliaritano Joao Pedro a 13 ed il duo neroazzurro Martinez (Inter) e Muriel (Atalanta) a 10.

Calciomercato: da oggi al 31 gennaio la sessione invernale

(daniele amadasi)  Da oggi, giovedì 2 gennaio 2020 apre ufficialmente la seconda ed ultima sessione del calciomercato 2019-2020, che vedrà concludere le proprie trattative invernali o cosiddette di riparazione alle ore 20.00 di venerdì 31 gennaio.

Ventinove giorni di trattative aperte dai colpi già messi a segno dal Milan e dalla Juventus, riguardanti rispettivamente l’ingaggio a parametro zero da parte dei rossoneri per sei mesi del 38.enne attaccante svedese Zlatan Ibrahimovic  e dell’acquisto in casa bianconera dall’Atalanta per 44 milioni di €uro (35 di parte fissa per il cartellino + 9 di parte variabile in quota bonus) del 19.enne esterno offensivo svedese Dejan Kulusevski, attualmente in prestito al Parma.
A livello di panchine e cambi allenatori invece le vicende della Serie A già al termine della 17.esima giornata di campionato e quindi prima della sosta natalizia avevano visto gli arrivi di Giuseppe Iachini e Davide Nicola alle guide di Fiorentina e Genoa, rispettivamente al posto di Vincenzo Montella e Thiago Motta.

Tornando alle questioni vere e proprie del calciomercato entriamo nel dettaglio delle numerose trattative in corso, partendo dall’addio in casa Juventus di Mario Mandzukic e con ogni probabilità del 25.enne centrocampista tedesco Emre Can, inserito in uno scambio con il pari età argentino Leandro Paredes del Paris Saint Germain.
Dalla Juventus passiamo all’Inter, rimanendo quindi in cima alla classifica della massima serie, con i neroazzurri vicini all’ingaggio dal Barcellona del 32.enne centrocampista cileno Arturo Vidal, ma anche alla cessione del 26.enne attaccante esterno Matteo Politano alla Fiorentina. Formazione viola che da canto suo sta anche trattando con l’Udinese l’acquisto del 25.enne attaccante argentino Rodrigo De Paul e con la Roma il prestito semestrale del 28.enne jolly Alessandro Florenzi.
Tornando al ruolo dei centrocampisti segnaliamo invece il duello di mercato in atto fra Inter e Napoli per il possibile ingaggio dai belgi del 22.enne norvegese Sander Berge, mentre sul fronte attaccanti la Roma è interessata a mettere peso inserendo nella propria rosa uno uno fra Andrea Pinamonti (Genoa) ed Andrea Petagna (Spal) , mentre il Genoa dopo il colpo Krzysztof Piątek, ci vuole riprovare con il 26.enne ceko Michal Krmenčík in forza al Viktoria Plzen.

In conclusione segnaliamo che due obiettivi mercato di Milan ed Inter hanno già preso altre strade considerando che il 19.enne attaccante austriaco Erling Braut Håland è stato ceduto dal Salisburgo al Borussia Dortmund e che lo stesso club tedesco ha invece venduto il 24.enne centrocampista tedesco Julian Weigl  al Benfica.