Coppe europee: meno male che c’è la EL

(luca rolandi)  Ripartono le coppe europee e i risultati per le squadre italiane sono in chiaro-scuro. Il termometro del nostro calcio attuale, forti con i deboli, deboli con i forti. Male in Champions, Napoli sconfitto in Ucraina e Juve travolta dal Barca da un super Messi.

Con qualche attenuante la sconfitta partenopea, poche invece le giustificazioni per i bianconeri che sono ripartiti da dove avevano finito. La batosta di Cardiff ha lasciato ruggini e dimostrato che l’asticella per competere, sempre, con le grandi d’Europa non sara facile, anzi serviranno delle imprese per non uscire mestamente agli Ottavi di finale. Modesto pareggio infine per la Roma che ha sofferto e subito e che tra l’altro si trova nel girone più difficile con  Chelsea e Atletico Madrid.
Il confronto a livello di coppe europee e non solo considerando anche la recente debacle della nazionale di Ventura, fra Italia e Spagna degli ultimi mesi resta impietoso, con l’eccezione della Juve in primavera 3-0 allo Stadium con i catalani club e nazionali hanno sempre subito nel gioco, la mentalità, la corsa, e naturalmente i campioni, che sono iberici e non italiani

In Europa League invece gol a grappoli e sorrisi per Milan, grande ritorno in Europa con uno squillante 5-1 sui pur modesti viennesi dell‘Austria, grande vittoria dell’Atalanta contro un avversario di rango come l’Everton 3-0 e rimonta Lazio in Olanda con il Vitesse.

Sulla Champions tutti rimandati e soprattutto il futuro è nebuloso. Per la seconda coppa continentale magari questo potrebbe essere l’anno buono.
Per tutti i risultati, tabellini, classifiche, video e approfondimenti vi invitiamo a cliccare su www.uefa.com